Io non poeta

La poesia, quella di stanotte,
é intrappolata in un non so dove,
in un pertugio posto in fondo al cuore
o, dentro l’anima, in un buco nero.

Vuole silenzi che non le so dare
quando il cuscino giro e poi rigiro,
se piede al piede insisto a frizionare
o gratto ciglia fino a farmi male.

La strada che dovrebbe esser muta
disturbo arreca con i suoi rumori
e il sussulto della sveglia odiosa
scandisce tempo solo da fermare.

Io non poeta sono prigioniero
o, meglio ammettere, assai incapace
di catturare lemmi uno alla volta
per incastrarli in qualche verso mio.

Amore, amare, mare, terra, cielo…
nuovi universi, lune, stelle e soli…

Non scriverò d’omerici vascelli,
di una strega da tramutare in fata,
di un seno sotto trasparente seta,
o del viaggio verso un lungo bacio.

Ancora prima di tentar poesia,
facile preda mi do a Morfeo
e nebuloso mi diventa il tutto
nel sogno incerto che andrò a fare.

Ed é mattina, col sole alto di già,
mentre a registro il ricordo metto.
Sembra passato tanto di quel tempo
e invece… in una man conto le ore.

Aurelio Zucchi

Mentre vado

Spoglia di parole,
allarmata, attonita
resto,
a pensar di tutto
e non poterlo dire.

Di lemmi disadorna,
triste, pur faconda
resto,
celate frasi a leggere
di velate sconfessioni.

A brandire il coraggio,
quello d’agire, d’impulso
resto,
per osare l’azzardo
e… non aver riscontro.

Smarrita e afflitta
resto…
mentre vado, nientedimeno,
con la sporta in spalla
di derelitte mie banalità.

E mai più banalmente di così,
mentre vado, banale poi perchè,
amando chi non m’ama,
ancor più banalmente,
mentre vado, piango di me.

Daniela Procida

Published in: on aprile 27, 2012 at 07:03  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , ,

Ho lemmi articolati

Ho lemmi articolati
a pressare le labbra
pensieri poderosi
a premere sul fiato
ma sono solo accenni
perifrasi in brandelli
le mie ansie da poeta…
spiluccare infinito
d’imminenti fantasie
per elevarmi ad estro
darmi ascetici amplessi,
fra estasi e illusione
solo anonime parole.
Nondimeno senza forma
ancora scaglio verbi,
priva di suono e timbro
persa fra monotoni accenti
nulla, fra dialoghi falliti.

Daniela Procida