Fase REM

I sogni che sembran reali
nistagmi che inseguon visioni
affrettano il cuore gravato
da un vivere senza traguardi.

Fermar quei momenti è speranza
restando sospesi nel tempo
temendo il ritorno al reale
che angosce e tensioni riserva.

Così nelle notti silenti,
ricordi che sono macigni,
si sciolgono in sogni suadenti,
divengono dolci illusioni.

E’ quello lo spazio concreto
così come là vive il tempo.
Dell’uomo sostanza son sogni
astratto il reale diventa.

Piero Colonna Romano

Poesia

 

Quando la strada è stretta
e di sassi e macigni è pieno il cuore,
quando l’acqua tracima
e la sponda inonda e spazza il fiume,
quando il vento soffia
e sconvolge via finanche i tuoi pensieri,
quando l’animo piange
e tu distilli sangue e nostalgia,
ecco s’affaccia lei, tenera e dolce,
con quattro versi in croce
ed è poesia.
Il cuore ti lava,
la mente ti riempie di dolcezza,
il petto t’allaga d’angoscia e tenerezza,
finanche qualche lacrima poi sfugge,
scorre sul tuo volto sfiancato,
ti libera gli affanni
e poi risorgi franco e rinnovato!

Salvatore Armando Santoro

Dalla polvere

Fra le righe
di me
tra macigni
sul mio cammino
nelle battaglie perse
della ragione
non trovai

ma dalla polvere
del tuo amore
ancora su di me
e da parole nascoste
fra gli affranti
come fenice risorsi
e su giorni bui
spiccai il volo

Pierluigi Ciolini

Published in: on dicembre 28, 2011 at 07:17  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Dammi il mio giorno

Dammi il mio giorno;
ch’io mi cerchi ancora
un volto d’anni sopito
che un cavo d’acque
riporti in trasparenza,
e ch’io pianga amore di me stesso.

Ti cammino sul cuore,
ed è un trovarsi d’astri
in arcipelaghi insonni,
notte, fraterni a me
fossile emerso da uno stanco flutto;

un incurvarsi d’orbite segrete
dove siamo fitti
coi macigni e l’erbe.

SALVATORE QUASIMODO

Chiedono

Se passa
e come e perchè
dicono
di far tornare la luce
da quel buio
impastato di calce
affermano che
la vita va avanti
cavalcarla bisogna
trovare il senso
nelle piccole cose
togliere dal petto
macigni
come fossero
fuscelli
strappare velo
dagli occhi
che cambia i colori
…………………

Ma il dolore
è persona forte
comanda al vento e
alla pioggia
è padrone di mare
e di cielo
straripa dai deserti e
dai ghiacci
lascia corpi
senza volto
e strappa anime.

Occorre viverlo tutto
tenerlo a braccio
e farselo amico
altrimenti
diventa te stesso.

Tinti Baldini

Dal mio presente informe


Dal mio presente informe
dal multiforme passato
mi rapisce e mi porta
indietro ad un prima che non conosco
+ lungo un percorso mi conduce
attraversiamo +
un caldo di umori e di mani
corpi che confondono i tempi
il cielo e la terra racchiusi
in un bozzolo di sospiri
ha parole incandescenti
di bellezza primitiva
+ crude da caverna +
sono macigni sulle piume
+ leggere del sogno +
Spaccano le montagne
rompono gli argini del fiume
più mi dà il suo rude
più sgorga il mio miele
il suono della sua voce si fa scuro
il tono deciso urgente
disperde la mia mente
mi tiene fra le braccia
mi allaccia al desiderio
sospende il mio respiro
lassù su su in cima
fino al grido
poi mi appoggio al nido del suo petto
sono nata adesso
è calda la sua carezza sul mio viso

azzurrabianca

Sinfonia

Paiono assopite, tranquille
riposano le mie palpebre
stanche di sostenere il mondo
macigni di nubi grevi
destini di tuoni
fulmini, destini di pioggia
di vento di neve.
Palpebre affamate
in attesa del sogno
del tocco rapido e lieve
delle tue dita in passo di danza
sulla tastiera del mio guardare
del desiderio della tua musica
sempre uguale, sempre diversa
come le onde del mare
che in chiave di spuma
prodezza bianca senza parola
materne cullano il canto delle sirene.

Kinita e Marcello