I miei giorni da occhi di cielo

Andavamo a cogliere
gli occhi di Maria
per avere una giornata tutta azzurra,
quel piccolo fiore fragile
come noi bambine d’ossa
e ginocchia sbucciate,
con quelle biciclette
regalate per la Cresima
lungo le salite della ferrovia
ché i treni sono stati la nostra vita
e i vagoni mezza casa.
Lungo le scarpate si andava a viole
con il sole in bocca
e marmellata sulle labbra,
un panino per non morir di fame
nell’età del misurarsi al muro.
Noi che siam state
le bambine beneducate
alzate di buonora
per la messa alla domenica
– con permesso, buonasera –
sulle dita piene di bugie
che non sapevamo tenere per un’ora
e ancora non conoscevamo
le ortiche degli anni a venire
ché noi avevamo solo pensieri di fiori,
il vento tra i capelli,
un vestito leggero per Pasqua
pareva confetto di rosa
e una fettina di cioccolato bicolore
di poca cosa.

barche di carta

Donna 2010

FEMME 2010
Fœtus nourrisson enfant fille adolescent
qu’avenir tu seras FEMME
dans cette société de trop de promesses fausses
appuyée sur l’externe apparence
mais
vide plus qu’une peau de kaki pelé
ou
de la vannure après le battage:
celui-ci est des nos pas extrême signe!
Foetus nourrisson enfant fille adolescent femme
qu’avenir tu seras MÈRE
dans cette société de balle… … …
Non! Non! Nooon routine, train-train, habitude, répétition,
u-ni-for-mi-té:  NOOOOOON!!!
Refaisons quatre pas dans la vie!
Risons! Jouons! Chantons!
Plus souvent à la promenade!
Ce sera une distraction voir du bas
sur le bouillon-blanc
devant à ce ciel changeant
entre fracas le grèbe pris par collapsus pour un saignée
que lance fanfaron sa poésie
aux enfants qui en vacarme entre les pieds
ils ont la voie:
” Fleur de mimosa
bananes je t’ai envoyé de Mombasa
mais tu ne veux pas encore… être ma épouse!”

§

Feto poppante bimba ragazza adolescente
che domani sarai DONNA
in questa società di marmellata
poggiata sull’esterna apparenza
ma
vuota più d’una buccia di cachi pelato
o
della pula dopo la trebbiatura:
questo è de’ nostri passi estremo segno!
Feto poppante bimba ragazza adolescente donna
che domani sarai MADRE
in questa società di loppa … … …
No! No! Noooo routine, trantran, abitudine, ripetizione,
u-ni-for-mi-tà: NOOOOOOOO!!!
TROTTIAMO A RIPRENDERCI la vita!
RIDIAMO giochiAMO cantiAMO più spesso a spasso
sarà uno spasso vedere dal basso sul tassobarbasso
dada-vanti a quel cielo cangiante
fra fracasso lo svasso preso da collasso per un salasso
che lancia smargiasso la sua poesia
fra il chiasso dei bimbi che vivon la via:
“Fior di mimosa
spedito ti ho il mio riso da Kinshasa
ma ancora tu con me…fai la ritrosa!”

Sandro Sermenghi