M’è cara solitudine

M’è cara, solitudine, soltanto dopo amore;
come m’è caro il verde dell’acqua
e l’ogni vista, sul marmo delle belle fontane
dove china
mettevi bocca e gonna scozzese.
E me, vicino, nel tentativo poco riuscito di salvare
almeno i piedi dalle freddate
dai ricami, che intorno al labbro e fino ai tuoi nei
ti usava il sole.
M’è cara come certe conchiglie da non dire
quell’utopia che in mezzo alle gambe
altro che mare!
E che mostrare corpo regina!
Da un balcone, un parapetto
o altre prospettiche teatrali.
M’è cara come tua consistenza, come il melo
che l’ombra catapulta sopra la rete e il prato;
m’è cara come prima del sonno la tua vena
la pulsazione e il pari respiro,
la tua coscia
e l’ombelico che non sta zitto, neanche a notte.

Massimo Botturi

Aprile

 
Aprile è una ragazza
coi fiori nei capelli
passa nei prati
accende verde
e copre
di trapunte vivaci
la terra…
fiori fiori fiori
passa aprile,
i rami ancora spogli
abbraccia
regala a tutti fiori,
fiori fiori fiori
passa aprile
nel mio giardino
sveglia il vecchio melo
lo accarezza nei rami
che sentono il tepore…
fiori fiori fiori
passa aprile,
solo l’intruso
con lo specchio in mano
non usufruisce
di tutto questo allegro
rifiorire.

Giuseppe Stracuzzi

Published in: on aprile 21, 2012 at 07:41  Comments (10)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Spirito libero

Sono spirito
libero da impero
di agire e di pensare
per davvero.
Non sono Sacerdote
mi ispiro a Libertà.
Sono un maschio
con le stelle in mano
non recupero prìncipi e princìpi
e se puzzo dalla pelle
per la mia colpa
spiegatevi allo Sciamano.
Poteva fare a meno il mio Padrone
di mettere in giardino
un melo insieme a un pero.
Era, nelle Ere, molto meglio
se ci piantava un gelsomino
o che so, un giuggiolone.

Enrico Tartagni

Per bono

E n’n arfiurisce ‘l melo:
l’inverno se stragìna.
Tai greppi c’è la brina
e giù pe i fossi ‘l gélo.

Laggiù ‘n camino fuma
du’ soldi de speranza,
ma pu’, cun malcreanza,
svanisce e se cunsuma.

§

SUL SERIO

E non rifiorisce il melo:
l’inverno si trascina.
Sui greppi c’è la brina
e giù per i fossi il gelo.

Laggiù un camino fuma
due soldi di speranza,
ma poi, con disappunto,
svanisce e si consuma.

Silvano Conti

Published in: on ottobre 21, 2011 at 07:33  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , ,

Amare notti


Sono amare le notti,
quando il letto si apre
a pista di ghiaccio
abbacchiata  nel letto
tra righi stampati.
Concava nei cigli della mente
mi sogno  in palmo al sole, e
roventi pietre  baciarmi le spalle.
Vana evasione
in quella parte insormontabile
gelido limite, sponda inesplorata
pianeta isolato, radura dimenticata
né un fiore di melo in quel bianco prato
eppure sotto l’umido  cielo
germoglia l’attesa.

Rosy Giglio

Published in: on aprile 30, 2011 at 06:56  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Nello spazio invisibile

Tra cielo e terra
accovacciata sotto un melo
attendo.
Con il canto dell’allodola
odi il richiamo
La brezza mattutina
trasporta i baci
sulla tua bocca
per assetare
i tuoi pensieri
Dalla siepe di gelsomino
invio il mio profumo
Tra i sassi della riva
ti sogno
avvolto nel silenzio
dei pensieri tristi
che ti fanno speciale
inafferrabile
come nube spostata dal vento.

Gianna Faraon

Published in: on dicembre 17, 2010 at 07:00  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Parole

C’è la parola vestita da sposa
e quella che è meglio lasciare per strada.
E hai quella cosa ch’è mille parole:
la pelle più bianca di un uovo
la luce; o forse parola più grande di luce.
Parola di dio, direbbe qualcuno.
Parola che a te ti farei solo bene,
sfregandoti come un cerino bagnato.
Ci sono parole
che fanno l’amore più pieno e più rosso
perché stare zitti è impossibile, a volte
e tutti gli artisti ti appaiono insieme
a contendersi il merito, come bambini.
Su chi t’abbia fatto quel culo a violino,
quel naso che succhia il mio nettare melo.
Ci sono parole che muovono il mondo
che alzano i turni al lavoro
la gente. Parole riscatto
giustizia, decoro.
Parole che è meglio lasciare da parte,
procedere prima a carezze, su in fronte.
Parole d’addio che farebbero a pugni,
parole per ridere senza rancore.
Parole qui, al posto del t’amo
nessuna.

Massimo Botturi

Merlo e Merlino

Il mio amico merlo
per me lo stesso
immortale da sempre
si specchia
nella pozza
sotto il melo
sguazza e chiama
a raccolta
cinciallegra e
rossetto
e l’aria si fa
un chiacchiericcio amico dove
la mia voce suona
note di vento.
Ecco la magia
di merlo Merlino
farmi sentire
parte
bella e pulita.

Poi viene l’ombra
e i suoni nell’aria
sono
storpi
stridenti
sono quelli umani
di rabbia e paura.

Merlino
fammi volare
perdere nel viaggio
occhi di brace
e afferrare
pace.

Tinti Baldini

Piove sulla mia poesia

Oggi piove
sulla mia poesia stanca,
piove sulla giacca di Mario Luzi,
sul berretto di lana di Zanzotto,
sui seni nudi di Alda.
Pare una messa da requiem
questo mesto giorno bagnato,
il cielo si è messo a lutto
per tutti i poeti vivi e morti,
per i versi di Dylan Thomas
quand’era giovane e ingenuo
sotto i rami del melo.
E piove sulle dieci ragazze di Vienna
sul libro morto di Lorca
sulle colombe rosse appassite di Pablo
piove sulla collina delle felci,
sul vecchio mio caro
che scrive di gabbiani feriti,
piove sul mio nido vuoto,
sulla cartolina di mio padre.
Piovono preghiere sui miei fianchi
e il cielo mi sta tutto in un pugno,
le mie ore sono lancette
dentro la tempesta,
di lampo e tuono i campi
zuppi del sudore di dio.
La pioggia oggi
si è portata via
per sempre la mia poesia.

barche di carta

La pancia verso le stelle

Di là venivan luci, come dei pesci il dorso
nell’impeto animale a una fredda barcarola;
il lago si riempiva di sera
e donne al buio.
Di qua la pancia verso le stelle
blusa e calze, piegate sopra panche di noce
e un orinale
dove covare uova di gatto.

Io e Marisa
promiscui come prima del melo
come all’Eden
senza saperci il seno e la differenza uguale
le stesse mani come in balera
là sull’aia.

Ché risultasse meglio profondo poi il dormire
prenotazione quasi di stessi sogni:
in due
costava meno tutto.
E intanto continuava
la musica dei mille juke box
venuta appena
come fa certa pioggia, che non ci vuole ancora.

Massimo Botturi