Il buon raccolto

 
Voglio vivere pienamente
il tempo che ho a disposizione
e voglio farlo con il canto sulle labbra,
non importa se il grano non maturerà in fretta
avrò la forza dell’attesa e la pazienza necessaria
per vederlo alto e biondo come il fanciullo
che cresce rigoglioso.
Aspetterò in silenzio
che sorga il sole
e non sarà sole spento
ma sarà bianco come il giglio,
lo supplicherò di carezzare piano il campo,
che non bruci neanche un solo chicco.
Aspetterò con fede il nuovo raccolto
e sarà  buona messe se il cuore
avrà attecchito il seme della pace.
S’inebrierà la terra di sospirata quiete.

Roberta Bagnoli

Domenica italiana

Nel profumo fragrante del giorno
l’aria calda è di frutto maturo,
tra i tavolini si ciarla
voci spezzan la noia
come rintocchi
scandiscono immagini
riccioli biondi, manine
briciole incollate ai sorrisi.
Nello struscio elegante
passeggian le ore
fra gli effluvi sporadici
di messe cantate
echi sacri e
una vecchia ballata.
Dal balcone fiorito
un vecchio che sogna
gli amori e gli albori
di un’Italia del dopoguerra
i canti delle mondine
e racconta ai gerani
l’odore del grano
i baci rubati
nel sapore del fieno…
goccia di rimpianto
sulle foglie verdi
come gli anni mai dimenticati
come gli occhi della donna
che lo guarda pensosa
e scuotendo il capo sorride
carezzando i capelli radi
come riso mosso dal vento

astrofelia franca donà