LA GELOSIA

Molti mi dicono che i miti di cuore non conoscono la gelosia, ma so che è una madre chiassosa che li fa sobbalzare sul letto nel cuore della notte

Pierluigi Ciolini

Published in: on luglio 17, 2011 at 07:27  Comments (3)  
Tags: , , , , ,

Mare di parole

 
Del mare io non so niente
nè delle sue barche
come le parole sono onde
che io vedo
e non esistono
non hanno nascita
e non capisco
dove muoiano o finiscano
perchè mi chiedo o mi domando
se sono miti
che non sono realtà
non sono no non sono
verità
sono sogni
disperazioni
attenuazioni del malessere da nascita
io mi chiedo se devo aver paura
del mare…
delle parole…

Enrico Tartagni

Published in: on maggio 29, 2011 at 07:22  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,

Al torrente

Riflessivo, paziente
attende,
il pescatore del ricordo.
Maestro di rivi,
bello di solitudine,
riemerge umide figure.

Sul ballatoio crepato
gerani spiumati e
il balletto spirato
di calzini bucati,
sciorinati in parata.

Giorni fanciulli
decantano miti
di riti di elfi,
nell’albero cavo
sulla tana del tempo.

Il potere assoluto
un caco verde
caduto, fra tanti
e scagliato
al nemico stregato

Verità smarrite,
cantilene sbiadite
in minuetti lontani,
confuse
nelle nebbie
dei rimpianti.

Ripone ora la canna,
il pescatore.
Ritorna.
Riveste il presente
per non perdersi,
come vorrebbe,
tra alluci al vento,
tra rami di pruni,
suoi dedali d’allora

Flavio Zago

Il cammino della vita

“Figlio, lungo il cammino,
non perderti giammai,
vivi una vita piena,
ma onesta più che mai.
Sempre con dignità
comportati nel gruppo,
a testa alta e fiera
fuggi da idee malsane.
Non renderti partecipe
di compromessi e intrighi
di sciocchi convenevoli
di inganni e falsi miti.
Disprezzo, odio, rancore
non t’invadano  il cuore,
rifuggi dall’orgoglio,
rivestiti d’amore.
Abbi pietà del povero
del bimbo e dell’anziano,
alleviane il dolore
dona loro una mano,
regala il tuo conforto
a chi si sente vano.
Sii duro ed inflessibile
caparbio ed insistente,
per conseguire il giusto
non tralasciare niente.
Insegna ai tuoi figlioli
quello che tu sai già:
rispetto per il prossimo,
tolleranza e bontà”.

Michela Tarquini

Il vento di Mykonos

Il vento di Mykonos
non giace sulle sacre sponde d’Apollo
corre come un ghepardo
ruggisce
sfodera le unghie
graffia insistente
prorompe in mare
lo ghermisce

il vento di Mykonos
sfiora gli occhi dei golfi
le cupole celesti e i muri bianchi
poi addenta i paradisi
senza pazienza sforma la sabbia
spinge l’acqua verde sui miti delle Cicladi

il vento di Mykonos in altri tempi
muoveva le vele leggere dei mulini
pigiava il grano come un dio alato
era amato…

Aurelia Tieghi

Published in: on novembre 12, 2010 at 06:59  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Tra miti


Confinano i miei giorni
con la voglia di scostare,
il telo nero della notte
per scoprire se le stelle, poi
galleggiano davvero.
Accarezzo i vecchi giorni
come fossero le gote
di sfiniti cuori morsi
e rimorsi da rimorsi.
Affronto ogni risveglio
con lo sguardo della talpa
che intuisce là un lucore
ma non ne coglie appieno il nesso;
e m’ammanto di mistero
per nascondermi nell’ombra
con la voglia immacolata
di una vita tenebrosa.
Così volo,
dietro il telo della notte
a imbrogliare un po’ le stelle.
Volo,
tra le quinte della notte
per appendere altri soli;
per illudermi e pensare
che galleggiano davvero.
Qui punteggio, a piacimento
qualche nuovo firmamento;
stringo in pugno tutti i quanti
poi li getto come dadi
per scommettere sul cosmo,
azzardare aberrazioni.
Infine fuso,
in questo cronotopo
sposo solchi di comete,
intaglio un arco al Sagittario
e m’acquerello mio fondale.

Flavio Zago

Dio è morto

Ho visto
la gente della mia età andare via
lungo le strade che non portano mai a niente,
cercare il sogno che conduce alla pazzia
nella ricerca di qualcosa che non trovano
nel mondo che hanno già, dentro alle notti che dal vino son bagnate,
dentro alle stanze da pastiglie trasformate,
lungo alle nuvole di fumo del mondo fatto di città,
essere contro ad ingoiare la nostra stanca civiltà
e un dio che è morto,
ai bordi delle strade dio è morto,
nelle auto prese a rate dio è morto,
nei miti dell’ estate dio è morto…

Mi han detto
che questa mia generazione ormai non crede
in ciò che spesso han mascherato con la fede,
nei miti eterni della patria o dell’ eroe
perchè è venuto ormai il momento di negare
tutto ciò che è falsità, le fedi fatte di abitudine e paura,
una politica che è solo far carriera,
il perbenismo interessato, la dignità fatta di vuoto,
l’ ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto
e un dio che è morto,
nei campi di sterminio dio è morto,
coi miti della razza dio è morto
con gli odi di partito dio è morto…

Ma penso
che questa mia generazione è preparata
a un mondo nuovo e a una speranza appena nata,
ad un futuro che ha già in mano,
a una rivolta senza armi,
perchè noi tutti ormai sappiamo
che se dio muore è per tre giorni e poi risorge,
in ciò che noi crediamo dio è risorto,
in ciò che noi vogliamo dio è risorto,
nel mondo che faremo dio è risorto…

FRANCESCO GUCCINI