Cerco amore

Cerco amore nella strada
tra la folla frettolosa
scopro solo solitudine

Cerco amore
nelle vetrine dei negozi
vedo solo illusioni

Cerco amore tra le pagine di un libro
Trovo solo parole impresse nel foglio

Cerco amore nei tuoi occhi
tra la loro tristezza
trovo tutto l’amore che desidero.

Gianna Faraon

Published in: on Mag 6, 2012 at 07:21  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , , ,

Fauci immobili, così sono i miei dubbi

Mi sbraneranno – o mi riscalderanno con il loro fiato?
Ma che nessuno osi portarmi via – vi prego
Fuggirei da voi come da un giorno senza fine

Gioirò diventando un pasto
E mi innamorerò ugualmente della pietà del mattino
E del suo riflesso sul giallo canino che saprà perdonarmi

Nicole Marchesin

Published in: on luglio 10, 2011 at 07:21  Lascia un commento  
Tags: , , , , , , , , , , , ,

Memoria

Dove vai memoria, vaghi lontano
dai miei ricordi, non torni a me.
Nuda resto senza passato,
spoglia di futili ricordi,
di cose vissute,
di luoghi ormai cancellati.
Più non rammento quei volti giovani,
di un tempo lontano, legati a me
dal ricordo di giochi infantili.
Quei luoghi dove bambina
ho visto il susseguire lento delle stagioni,
il mutare dei colori,
il manto argenteo della brina che
ricopriva la nuda terra.
Non più memoria, mi accompagni
tra strade affollate e festose,
a negozi ormai chiusi da grigie
serrande scarabocchiate.
Ti sei portata via con i ricordi
Anche le gioie, e i dolori,
più non sento rancore per il male,
non sento calore che infiamma il cuore.
Tutto ti sei presa, ma non l’amore,
di lui mi resta una fiammella accesa,
che brucia lentamente ma sempre costante.

Gianna Faraon

E’ già Natale?


ÊL BÈLE NADÈL?

S’as conta i mîs e i dé chi en vulè
ban l’é Nadèl

s’a vdî tótti äl lûs ch’inbarbájan al vî
Indipandànza, Rizzoli, al Dåu Tårr
e l’âlbar là dnanz al Pudstè
sé, lé Nadèl

se i ûc di fangén i sbarlûsen
lé dnanz al vedrénni ed zuglén
lusént pió dal såul a meżdé,
t’at n’acôrż cl’ è Nadèl.

Mo se t’ guèrd tanti fâz furastîri
ch’i n’an da magnèr
e gnanc ónna cûerta pr’an żlèr
e murîr da par sé com un can
dåpp avair lavurè com un móll
par mandèr ai sô fiû un pèz ed pan
êl Nadèl?

Par chi żuven in vatta ai bastión
a svintlèr i strisón di dirétt
par na scôla pió gióssta, un lavurîr
e pr’avrîr äli urácc a chi sgnûr
chi fän cånt d’an sintîr
Êl  Nadèl?

Par chi ragazû adruvè
in infêren sänza speranza
che invêzi d un balån i an un bazooka
e i n’an gnanc al dirétt a onna cusïanza
êl Nadèl?
E pr i vcétt pensionè che a fén dal mais
an’i avanza al fantèsma d’un bajòc
par cumprèrs un decoder
sé, al srà Nadèl, mo i arän pôc da gôder!

§

Se si contano mesi e giorni ormai volati
ebbene è Natale

se vedete le luci che abbagliano le vie
Indipendenza, Rizzoli, le Due Torri
e l’albero davanti al Podestà
sì, è Natale
se gli occhi dei piccoli luccicano
davanti ai negozi di giochi
brillanti più del sole a mezzogiorno,
ti accorgi che è Natale.
Ma se guardi tanti visi stranieri
che non han da mangiare
senza una coperta per non gelare
e morire da solo come  un cane
dopo aver lavorato come mulo
per mandare ai figli un pezzo di pane
è Natale?
Per quei giovani sui monumenti
a sventolar gli striscioni dei diritti
per ‘na scuola più giusta, un lavoro
e per aprire le orecchie a quei signori
che fingono di non sentire
E’ Natale?
Per quei bimbi abusati
in inferni senza speranza
che al posto di un pallone hanno un bazooka
senza avere diritto a una coscienza
è Natale?
Infine per i vecchi pensionati
costretti a fine mese a rimanere
senza un soldo per comprarsi un decoder
sì, sarà Natale, ma han poco da godere!

Viviana Santandrea

Fumo


Circondato dai volti
che hai imparato
ad accettare,
perché ti era insopportabile
il silenzio
pieno dei tuoi pensieri urlanti;
sepolto dal mondo,
dal traffico, dalle luci
dei negozi e delle case.
Sono ricominciate
le pubblicità delle feste
nell’aria che odora di fumo
e di freddo,
un altro Natale
senza senso
per celare sotto il tappeto
la polvere del dolore
del mondo che gira,
del mare che cresce,
del vento che soffia
nonostante tutto,
incurante di te
che non ti curi di niente.

Gian Luca Sechi