Notturno nuziale

Quando tu venisti, una notte, verso il suo letto, al buio,
e le dicesti, piano, già sopra di lei: Non ti vedo, non ti sento.
E la ghermisti con artiglio d’aquila, e tutta la costringesti nella tua forza
riplasmandola in te con tal furore ch’ella perdette il senso d’esistere.
E uno solo in due bocche fu il rantolo e misto fu il sangue e fu il ritmo perfetto,
e dal balcone aperto la notte guardava con l’occhio d’una sola stella
rossastra,
e il sonno che seguì parve la morte, e immoti come cadaveri
la tristezza dell’ombra vi vegliò sino all’alba.

ADA NEGRI

Sogno arabo

 
Vibrano
le corde
del kanun
e le note
di “Enta Omri”
si diffondono
nel notturno.
Velata
la Luna
s’affaccia
tra il pino
e il cipresso
a guardarti.
Ragazza,
cuore d’oriente
in bagliori
di sguardo,
disegni arabeschi
in movenze
sinuose                       
di mani
mentre
coi fianchi
ondeggi
la gonna amaranto
come onda
dell’erba nel vento.
Io nell’ombra
palpito
con gli occhi
colmi di te.                    

Graziella Cappelli

Sull’ora tarda

Volge il pensiero, sull’ora tarda,
al silenzioso fuggire del tempo
quando il rimpianto s’associa al sogno
di quanto è perduto per sempre.
Silente notturno nell’indaco globo,
l’eternità del primo amore riporta
a tempi di spensieratezza,
zampilli d’emozioni nuove
corrono ora come ombre nei ricordi.
Patrizia Mezzogori

Notturno

La collina è notturna, nel cielo chiaro.
Vi s’inquadra il tuo capo, che muove appena
e accompagna quel cielo. Sei come una nube
intravista fra i rami. Ti ride negli occhi
la stranezza di un cielo che non è il tuo.

La collina di terra e di foglie chiude
con la massa nera il tuo vivo guardare,
la tua bocca ha la piega di un dolce incavo
tra le coste lontane. Sembri giocare
alla grande collina e al chiarore del cielo:
per piacermi ripeti lo sfondo antico
e lo rendi più puro.

Ma vivi altrove.
Il tuo tenero sangue si è fatto altrove.
Le parole che dici non hanno riscontro
con la scabra tristezza di questo cielo.
Tu non sei che una nube dolcissima, bianca
impigliata una notte fra i rami antichi.

CESARE PAVESE

Published in: on novembre 25, 2009 at 07:40  Comments (2)  
Tags: , , , , ,