Giulia

Soffio leggero di nuova vita,
di infinito amore.
Dono divino che placa il radicato
dolore.
Occhi che racchiudono l’universo,
che s’aprono a noi per riscoprir
della vita quel palpito solo sopito
che credevamo ormai perso.
È dolce riscoprir quei gesti antichi,
dimenticati troppo in fretta.
stupita ci guardi, seriosa accogli
da mani tremanti d’amor la carezza.
Il cielo di luce brillò per la nuova stella,
angeli in festa alla fine del viaggio
a noi ti condussero qual gioiosa novella.
Fu la tua voce nuovo canto di vita,
che nella casa di tristezza pervasa
fiorire rifece quella rosa appassita.

Claudio Pompi

§

Carissimi Massimo, Tinti, Roberta e tutti voi cari amici del Cantiere, perdonate il nostro silenzio ma abbiamo avuto seri problemi con il computer di Claudio (anche lui risente dell’assenza di chi lo gestiva quotidianamente). Ora con Stefano e Francesca siamo riustiti a ripristinarlo e siamo di nuovo in grado di seguire il Cantiere con le vostre poesie e vedere che Claudio è sempre presente. Come i vostri commenti e il vostro affetto verso di lui.  Grazie di tutto. La poesia “Giulia” Claudio la scrisse alla nascita di Giulia, la nostra prima nipote, quattro anni fa. Una poesia carica di dolcezza che descriveva in pieno quel momento di felicità che stavamo vivendo da nonni. Oggi vorrei con questa poesia annunciare a tutti voi amici del Cantiere che entro la fine di febbraio diventeremo nonni per la seconda volta. Francesca aspetta la sua seconda bimba, Sofia.  “Fu la tua voce nuovo canto di vita che nella casa di tristezza pervasa fiorire rifece quella rosa appassita”. E’ cosi, e ne  sono certa che Claudio avrebbe voluto condividere con voi questa gioia immensa. Un abbraccio infinito a tutti voi

Rita