Zirudella a Fausto e a Zuffi

ZIRUDÈLA  A  FAUSTO  E  A  ŽOFF 1

Zirudèla a mi anvudéin
Fabio ch’l’é un bel birichéin
onna a in pansa e dåu l’in fa
ch’tira l’âcua e zà ch’la va
pr’el schèl d cà comm un dilûvi
provochè dal vec’ Giòv Plûvi!
.
Zirudèla qué a Bulaggna
sveglia danca, ban csa faggna?
duv el pió qal bèl dialàtt
del Spadrì che ogni tusàtt
al dscurrèva coi cuséin
du grasû gnanc un turtléin?
.
Zirudèla anc a mi ziéina
totta cisa santarléina
ch’la va a pass ind al Santéren
sia d’estèd cme pûr d’invêren
lé la biâsa bàbbel-gum
pò l’as bavv tri lîtr’ed rum!
.
Zirudèla a Fausto e a Žoff
sampr’in giro e mai stoff
i en na bela cumpagnì
forsi neda in Sant’Isì
sàmper pronti dri a strulghèr
mùsic canti in zil o in mèr!
.
Zirudèla a Gigéin Livra 2
ch’l’um fa vgnîr una gran fivra
ché al schicara sanza freno
in tulièna a l’Autotreno
quand al tòurna a cà ind la nôt
al scapozza ind un buslôtt!
.
Zirudèla al Gvéren Prodi
tanti créttich pôchi lôdi
cm’é difézil guvarnèr
par cambièr ed arfurmèr
e scunfézzer l’impustûra
ch’i en trûp i ân che ormai la dûra!
.
Zirudèla ai simunzéin
che am cuntèva al mi nunéin
che so mèder in salmì
ai cuśèva anc coi pì
tanta granda era la sghessa
che incû inción i é ch’al capessa!
.
Zirudèla a l’Ucaréina
d Budri sàmper la pió féina
che par st’An Nuvantasètt
me am la mett int na baghètt
con un etto ed murtadèla
Tic e Tac la Zirudèla!
 

§

Zirudella a mio nipotino
Fabio ch’è un bel birichino
una ne pensa e due ne fa
lui tira l’acqua e giù che va
per le scale di casa come un diluvio
provocato dal vecchio Giove Pluvio!
.
Zirudella qui a Bologna
sveglia dunque, che facciamo?
dov’è più quel bel dialetto
delle Spaderie che ogni bimbetto
discorreva coi cugini
due ciccioli neanche un tortellino
.
Zirudella anche a mia zia
tutta chiesa santarellina
che va a pesce nel Santerno
sia d’estate sia d’inverno
lì lei mastica bubble-gum
poi si beve tre litri di rhum!
.
Zirudella a Fausto e a Zuffi
sempre in giro e mai stufi
sono una bella compagnia
forse nata in Sant’Isaia
sempre pronti a strologare
musiche canzoni in cielo in mare!
.
Zirudella a Luigi Lepri 2
che fa venirmi una gran febbre
giacché trinca senza freno
in bisboccia all’Autotreno
quando torna a casa a notte
lui s’inciampa in un barattolo!
.
Zirudella al Governo Prodi
tante critiche poche lodi
com’è difficile governare
per cambiare e riformare
e sconfigger l’impostura
che troppi anni son che dura!
.
Zirudella anche ai gattini
mi narrava il mio nonnino
che sua madre in salmì
li cuoceva anche coi piedi
tanto grande era la fame
che oggi niun lo può capire!
.
Zirudella all’Ocarina
di Budrio sempre la più fina
che per quest’Anno Novantasette
me la metto in una baguette
con un etto di mortadella
Tic e Tac la Zirudella!

Sandro Sermenghi    (1997)

Fausto: Carpani, il postino cantautore dialettale;
   Zoff: Stefano Zuffi, eclettico suonatore, chiacchierone,
   tubofonista, maestro, attore, fantasista,ecc.;
2 Gigén Livra: Luigi Lepri, uno che sa molto di letteratura
   dialettale bolognese, fine “ghiottologo” ed “enologo”!
 

Voglie

Mi è presa voglia
di un’ altra stazione
scendo a piedi nudi
e non scavalco
mi metto sopra
le anime dei morti
e
le ascolto tutte.

Alcune hanno voce
di calcina e terra
altre di sparo
altre ancora bambine
chi non risponde
chi m’afferra le gambe
per tornare
chi ringrazia la morte
chi mi carezza
chi m’insulta
d’invadere
confini
altri cantano ….

Mi è presa la voglia
di
un’altra stazione
di cercare la vita
in faccia a risate nuove
voglio
cercare risposte
in mezzo alla gente
dove andate
che fate
se pensate
quante volte al giorno
e se vi viene sonno
riposate o andate oltre?
Credete davvero
a tutto quello che dicono
pensate davvero che la vita
sia tutta nel proprio destino
siete davvero convinti
che non ci sia
più
la mezza stagione
che basta davvero non voltarsi mai indietro
e vi
siete mai chiesti il vero prezzo del sangue
perchè i generali non
muoiono mai
quante anime si sono salvate
con quante e quali preghiere
avete paura di vivere
o di morire?

Mi hai messo la voglia
di riprendere il treno
e di pensare alla vita
chè i morti
dentro sono
e ce ne chiedono altra
e altra ancora
e più risa e schiamazzi
d’ infanti
e più domande
e sole per scaldare
sulla cresta dell’onda
e per farlo
m’occorrono
un’ocarina e
un sasso di fiume
per cantare e
sentire dove e se
arriva la voce

e la voce arriva
da chi vuol ascoltare
passa sui ponti
passa
nei polsi
passa nel vento
come il suono delle campane
ed è amore che
sa di sale
dopo il mare
è amore che sa di vento
passata l’estate
è il
passo incerto del bambino
quando impara l’orma del suo andare
è
l’incedere lento del vecchio
che ha imparato la vanità della fretta
è
mare è sole
è fidarsi è un po’ lasciarsi andare
al vuoto che dentro ci
fa girare

E quella voglia
d’inesausta tensione
slancio di pellegrino
in viaggio affannoso
è caparbia e ostinata
costeggiando i baratri
e uno se la avvoltola
intorno al collo
come boa di struzzo
color fragola
e lo strizza d’umore
perchè altri ne bevano
il sapore.

Tinti e Maria

Quac, quac, zirudèla dl’ucaréna

 
.
Zirudèla pr’una strèla
ed stasîra in caruzèla,
qué cminzéppia col tetrâstic
al våul fîg e zért fantâstic
 
d mé ch’av cant sta bèla fôla,
ch’l’à un intäns prufómm ed viôla,
d’un pinén e d’na furmîga
ch’i zughèven int na dîga,
d’òt cavrón e d’una måssca
ch’i sbrufèven dl’aqua fråssca,
e dla zant ch’i êrn ed pasâg’
ch’s’fèven fèr quatôrg’ masâg’.
 
In stasîra l’é la fèsta
d’un cagnàtt cun mòsa lèsta
ch’al sulîva la ganbéina
par brindèr a un’anadréina,
afianchè da un purzèl grâs
con un’aria da gradâs
ch’al s’pipàja un mèz tuscàn
e int el man al strécca un mlån.
 
Lé d’av§én pâsa un fuglèr
bûr ch’al s dà un gran da fèr
par pluchèr dantr int un fòs
sèt radécc’, trî âi e un òs:
ló puvrén l’é un’ânma in panna,
sanza laggna gnint da zanna,
ló l’ha såul sî poesî
e quarantasèt busî.
 
Drî a un cantån i é chi s’invänta
nôv sunétt e una carsänta
e int al fiómm piånba a cufétt
par studièr ong’ palafétt,
mäntr’ai pâsa un grâs francbåll
rôsa grånchi che un piståll
a s’al guèrda, cånpra e mîra
ed San Làzar a la Fîra.
 
I én mirâbil dû aquedótt
che dal vén i n han par tótt,
e int al fèr benefizänza
i guaréssn al mèl ed panza
ch’l’à ciapè un zåuvn inglais
che my God, cun del pretais,
l’é arivè qué zà a Bulåggna
par studièr la maila dåggna.
 
A sbindlón sta un calendèri
che viazànd int un armèri
al s’acôrz d’avàir finé
i tarsantssantazénc dé,
e ardupè sta un presidänt
che pr avàir gratè acsé tant
ló canbièr al vrêv Naziån
parché al s trôva in depresiån.
 
Pò incrusànd un bèl tumåur
ch’al s’avanza traditåur
e al culpéss, brótt asasén,
òultr’al guêrz anc al pió cén,
spónta svêlt un zâl gerâni,
squilibrè in zémma a un crâni,
ch’al va in gîr in biziclatta
con zenq zvatt e una barzlatta.
 
I é parfén la mâfia scuénzia
che in Itaglia à méss la sgrénfia
e l’acåppa d’inuzént,
che ai ciapéss dîs azidént!
Coi sû amîg ed tangentòpoli
mé ai mitrêv int na tendòpoli
a vanghèr cun dågg’ milòrd
tótt i giåz dal Polo Nòrd.
 
L’é pre§anta anc la fantèsma,
che col pólline ai vén l’èsma,
ch’la va spâs al dåpp-mezdé
a cunprèr prêt-à-porter
par piasàir a un Livruttén
e a tótt quant i limalén
che in curîra o in fånd a un fiåur
i s la sguåzzn e i fan l’amåur.
 
Só int al zîl våula una fójja
che cun l’aqua la s’inmójja
parché l’à dscurdè l’unbrèla
chez d n’amîga raganèla
ch’fèva in aria dsdòt castî,
mêz da séder mêz da in pî,
cun tragg’ gât e una galéina
e una nóvvla in naftaléina.
 
E a la fén ed st’elzevîr,
ch’l’é trascåurs int un suspîr,
i é inpruvîs un râz ed lóuna
che infilànd al bûs dla cróuna
l’intravàdd, cm’é Adam, Carpàn
a carpón såura un lanpiån
a la zàirca dl’Ucaréina
par premièr int l’aria féina
 
d Bûdri, ed nòt, sta bagatèla
che l’arlûs cunpâgn na strèla:
tant salût da mî surèla,
toch e dai la zirudèla!
 

§

.
QUAC, QUAC,  ZIRUDELLA DELL’OCARINA
.
 
 
Zirudella per una stella
di stasera in carrozzella,
qui comincia col tetrastico
il volo figo e certo fantastico
 
di me che vi canto sta bella fola
che ha un intenso profumo di viola,
d’un bambino e d’una formica
che giocavano in una diga,
d’otto caproni e d’una mosca
che sbruffavano dell’acqua fresca
e della gente ch’era di passaggio
che si faceva fare quattordici massaggi.
 
Questa sera è la festa
d’un cagnetto con mossa lesta
che solleva la gambina
per brindare a un’anatrina,
affiancato da un porcello grasso
con un’aria da gradasso
che si pipacchia un mezzo toscano
e nelle mani stringe un melone.
 
Lì vicino passa un focolare
buio che si dà un gran daffare
per piluccare dentro a un fosso
sette radicchi, tre agli e un osso:
lui poverino è un’anima in pena,
senza legna niente da cena,
lui ha solo sei poesie
e quarantasette bugie.
 
Dietro a un cantone c’è chi s’inventa
nove sonetti e una crescente
e nel fiume piomba a capofitto
per studiare undici palafitte,
mentre passa un grasso francobollo
rosa gronchi(o) che un pistola
se lo guarda, compra e mira
di San Lazzaro alla Fiera.
 
Son mirabili due acquedotti
che del vino ne hanno per tutti,
e nel fare beneficenza
guariscono il male di panza
che ha colpito un giovine inglese
che mio Dio, con delle pretese,
è arrivato qua giù a Bologna
per studiare la mela cotogna.
 
Penzoloni sta un calendario
che viaggiando in un armario
si accorge di aver finito
i trecentosessantacinque giorni,
e nascosto sta un presidente
che per aver grattato così tanto
lui vorrebbe cambiar Nazione
perché si trova in depressione.
 
Poi incrociando un bel tumore
che s’avanza traditore
e colpisce, brutto assassino,
oltre al guercio anche il più piccino,
spunta lesto un giallo geranio,
squilibrato in cima a un cranio,
che va in giro in bicicletta
con cinque civette e una barzelletta.
 
C’è perfin la mafia sporca e maligna
che in Italia ha messo la sgrinfia
ed accoppa degli innocenti,
che le arrivasser dieci accidenti!
Coi suoi amici di tangentopoli
li metterei in una tendopoli
a vangare con dodici milord
tutti i ghiacci del Polo Nord.
 
È presente anche la fantasma,
che col polline le viene l’asma,
che va spesso nel pomeriggio
a comprare fini abiti preconfezionati
per piacere a un Leprottino
e a tutti quanti gli animalini
che in corriera o in fondo a un fiore
se la sguazzano e fanno l’amore.
 
Su nel cielo vola una foglia
che con la pioggia si immolla
perché ha scordato l’ombrella
a casa d’un’amica raganella
che faceva in aria diciotto castelli,
mezza seduta e mezza in piedi,
con tredici gatti e una gallina
e una nuvola in naftalina.
 
E alla fine di questo elzeviro,
che è trascorso in un sospiro,
c’è improvviso un raggio di luna
che infilando il buco della cruna
intravede, com’è Adamo, Carpani
carponi sopra un lampione
alla cerca dell’Ocarina
per premiare nell’aria fina
 
di Budrio, di notte, sta bagattella
che luccica come una stella:
tanti saluti da mia sorella,
tocc e dai la zirudella!
 

Sandro Sermenghi

Una zirudella (a volte anche cirudella), in dialetto bolognese zirudèla, è un caratteristico componimento umoristico dialettale tipico della provincia di Bologna (e parzialmente diffuso anche nel ferrarese e nel modenese). Lo spirito delle zirudelle è affine agli stornelli, ma la struttura tipica è ben caratterizzata da versi ottonari con rima baciata, suddivisi in quartine, che iniziavano con la parola zirudèla e si concludevano con espressioni ripetitive come toc-e-dâi la zirudèla oppure tic e tac la zirudèla, spesso con accompagnamento musicale.   [da Wikipedia]

Published in: on dicembre 3, 2009 at 07:05  Comments (2)  
Tags: , , , ,