Vorrei essere mia madre

Vorrei essere mia madre
vestita col vestito a fiori,
le mani ogni momento calde,
sorriso a tutte le occasioni.

Con i suoi occhi poi vorrei
guardare me in ogni età,
dai pantaloni ancora corti
ai pantaloni ancora lunghi.

Or ch’è presente e non,
vorrei essere mia madre
perché dal punto più remoto
…io…lei…possa accarezzarmi.

Aurelio Zucchi

Published in: on aprile 23, 2012 at 07:32  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Fingere d’amarmi

E sto…
nascosta
tra gli anfratti di pareti
rinfrescate
per pallide occasioni,
certe annate.
Trama sottile a reggere il mio peso
mentre avanzo in tessuto
di penombre, tra gli spigoli
che vogliono rubarmi...
e poi dondolo tra le tue parole
protesa in un abbraccio
anche virtuale;
e tu fingere d’amarmi.

Beatrice Zanini

Published in: on gennaio 16, 2012 at 07:05  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Il cuore che ride

THE LAUGHING HEART

Your life is your life
don’t let it be clubbed into dank submission.
be on the watch.
there are ways out.
there is a light somewhere.
it may not be much light but
it beats the darkness.
be on the watch.
the gods will offer you chances.
know them.
take them.
you can’t beat death but
you can beat death in life, sometimes.
and the more often you learn to do it,
the more light there will be.
your life is your life.
know it while you have it.
you are marvelous
the gods wait to delight
in you.

§

La tua vita è la tua vita.
non lasciare che le batoste la sbattano nella cantina dell’arrendevolezza.
stai in guardia.
ci sono delle uscite.
da qualche parte c’è luce.
forse non sarà una gran luce ma la vince sulle tenebre.
stai in guardia.
gli dei ti offriranno delle occasioni.
riconoscile, afferrale.
non puoi sconfiggere la morte ma puoi sconfiggere la morte in vita, qualche volta.
e più impari a farlo di frequente, più luce ci sarà.
la tua vita è la tua vita.
sappilo finché ce l’hai.
tu sei meraviglioso gli dei aspettano di compiacersi in te.

CHARLES BUKOWSKI

Il bugiardino

l bugiardino è quel foglietto scritto
– confezionato coi medicinali –
che a lettere minute e fitto, fitto
lista gl’ingredienti e quali mali
ti cura, e al tempo stesso invece, quali
può far venire, ipoteticamente,
che sono peggio degli originali
e t’impaurisce e non ne fai più niente.

Ci fosse sempre pronto un bugiardino
in tutte le occasioni della vita,
come quando, ad esempio, sei vicino
all’innamoramento e lui t’addita
i pro e i contro…che non è una gita
innamorarsi: può essere rischioso,
infatti, e può portarti una ferita
nel cuore, ché non è sempre gioioso
trovare l’amorosa, o l’amoroso.

Armando Bettozzi

Raffaella

Raffaella dormiva
nel suo letto di cartoni sognava
di dipingere la volta del cielo
coi colori dell’arcobaleno.

Raffaella parlava nel sonno
col suo unico amore
lo guardava negli occhi e sorrideva
gli chiedeva: “facciamo l’amore?”

E sotto di lei vedeva
il mondo a testa in su che la guardava
c’era una grande folla che l’applaudiva
e finalmente lei non si sentì più sola.

Raffaella tremava
col freddo che faceva tremava e sognava
di scrivere poesie in riva al mare
la neve che cadeva senza far rumore
sulla panchina dove i giornali bagnati
mandavano il profumo di fiori e di estati
di vite consumate e di occasioni perdute
correndo per appuntamenti mancati…

Ma d’improvviso il sole
uscito da una nuvola
col suo calore
la prese tra i suoi raggi
così sinceri
la riportò nel mondo…
…quello di ieri.

Raffaella puzzava,
Raffaella beveva
Raffaella era sporca
ma Raffaella…
era viva!

Sandro Orlandi