Da bambini si crede che tutto sia infinito

 
si corre a cerchio perché ci si ferma sempre
 
nel punto di partenza.
 
da grandi si cammina incerti su quel che sarà
 
tuttavia consci che ogni attimo che passa non fa
 
che aumentare la distanza dal punto di dove si è partiti.
 
da vecchi si è troppo stanchi per correre, troppo deboli
 
per camminare. si sta seduti al tramonto della vita
 
a fare i conti con se stessi e si finisce poi per credere che tutto
 
finisce, rimproverandosi di esser stato cosi sciocco da credere
 
di essere immortale. sciocco per non aver mai smesso di credere.
 
che un bruco diventi farfalla non importa. egli finisce di essere un bruco.
 
ecco il punto. o che le foglie morte si dividano in mille particelle e
 
in altre mille vite si trasformino.
 
non per questo troveranno se stesse, la memoria che avevano di sé.
 
o che diventino poesia nulla cambia di certo non cancelleranno
 
le angosce del Poeta, né la sua tristezza immensa.
 
ti accorgi di aver vissuto cercando tuttora un senso e mentre la fine arriva
 
ti aggrappi alla vita con le unghie e ti spaventa sperare non perché
 
la tua pelle sia diventata simile ad una corteccia raggrinzita e non sei
 
che un tronco malato da abbattere ma perché temi di sbattere la testa
 
nella delusione più grande senza rimedio stavolta, perché
 
non ti è concesso altro tempo;
 
se solo che la morte approvasse, almeno lei che tutto finisce o quasi
 
e si trasformi in un’altra occasione, una seconda vita magari.
 
se solo l’autunno non fosse un seduttore fatale che andando
 
lascia un vuoto agghiacciante
 
ma un amante dolce e premuroso che fa bruciare di passione
 
i rami, tremare d’amore le foglie.

Anileda Xeka

Continuano a scendere i fiocchi

 
Continuano a scendere i fiocchi
fini leggeri e costanti riempiono tutto
lo spazio fuori del cielo e della terra
al di là del vetro tutto ne è compreso
è ipnotico movimento lento e continuo
Devo essere finita in una enorme palla di vetro
di quelle col paesaggino e i personaggi in basso
e tutto vuoto sopra nello spazio racchiuso a sfera
Sembrano insulse
ma poi le prendi in mano le giri
le rigiri ed ecco la magia di neve
tutto si confonde e smarrisce fra le particelle bianche
che si agitano e piano piano si depositano
Oggetti kitch per un adulto
ancora affascinanti per i bambini credo
Dev’esserci qualcuno che si diverte molto
un dio-bambino o un adulto in fase regressiva
che ha scoperto da poco il gioco e continua
a girare fra le mani la boccia di vetro nella quale
siamo immersi a vivere
– strano che non ci giri la testa –
a bocca aperta lo sguardo ebete
non si accorge o non si cura
dei danni collaterali.

azzurrabianca

Quanto tempo umano son già vissuto, quanto ne vivrò

(Ovvero tiritèra in litanico elenco)

AMO.
 

Del puntino azzurro

La Terra

la   verde  erba,                                                                      

la flora con le rose

il  sasso

l’ acqua

I  libri  scritti

dagli  Altri,  

la fauna: gli animali.

Il   tramvai

con  chi  lo guida,            

il   viver  nuovo                                     

con   vetture                        

catalitiche,                       

il   supersonico,                   

l’ acceleratore                      

di   particelle

atomiche: progresso

non . . . autodistruggente 

 

Le   umane,                                

tradizioni:                                     

le   feste,                                                  

fiere   di   paese.

il   Natale,

con   il   suo

presepe,

alternarsi

assoggetto

di   stagioni,

l’ utopìa . . .

di   contraddizìoni.

                                                               

La   medicina,  nuova:

i  trapianti del  cuore,

e   d’ altro

de l’anatomìa,

per   vicinarsi

colui

che  non vuole

morire.

 

L’ affetto

la   speranza,

la letizia

d’ esser stato                               

creato,                               

la   vita

l’ illusione                             

ed   il   sogno,                      

le   passioni,                        

l’ amore

per   l’ amor.

LA   LUCE.

 

ODIO.
                                                     

Prima   della   Fine                                                                                                                                                                                          

e   combatto.

E  il  fuòco                                            

il   Male.

Il terrorismo.

Le   guerre,

e   tutti                                                                      

gli  altri                                       

elementi

per combattere.

 

Soprusi fatti

dagli  umani . . .                                 

in   ogniovunque

corrotti:

contro il male,

di  tutti  i  tempi,

donaci la Forza delle Forze,

Primo Creatore

e con il Bene

aiutaci a vincere

per la nostra Eternità

assorbiti da Te. In simbiòsi.

Paolo Santangelo

A cosa serve

A cosa serve
cedere allo spazio
fidarsi del clima rarefatto
del sole che scalda,
se non sai privarti del peso
respirare che nebbia
né strapparti gli abiti di dosso.

Diviene immensità
che non si lascia passare,
coesione totale di particelle
da inchiodare le nubi negli occhi,
da farti picchiare la testa,
alla cieca,
contro i troppi piaceri incompiuti
contro i dolori che non vorresti,
mentre dipingi te stesso
che affreschi deluso
il tuo autoritratto.

Daniela Procida

Published in: on ottobre 14, 2010 at 07:43  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Materia dell’individuo

Apice dell’emisfero
fonte del nostro punto cardine
avvinghiata su se stessa ci avvolge
scatenando l’ardire combinazione
alleanza di particelle la costruisce
alimentando vorace l’uomo
consumandola anche nei sogni
che pure appare priva
ma sazia il ricordo e l’immaginazione
al risveglio la ritrova nella gabbia del pensiero
e aspetta il respiro di volare nell’infinito
forgiando sconfina nell’universo
dell’individuo

Rosy Giglio

La nostra notte

Il tempo scorre,
i miei giorni sono fermi
da quando ti ho vista,
sono gradini troppo alti
per superarli senza dolore.

nei fermagli della solitudine
la mia mano ti cerca
fra assenze e sogni,
all’angolo di una strada
nel tremore di una vana attesa.

Come sarai questa notte,
forse ti sentirai sola
mentre particelle di memoria
rincorrono emozioni di vita
attimi rubati al tuo quieto vivere

La notte è lì con te
mentre le ore scorrono
nella attesa del profumo
di una libertà vera non rubata
e il tuo corpo freme, diventa vivo.

Quanto è inquieta la natura
imprevedibile e beffarda
ci comunica messaggi
con un suo dire antico
ma sempre nuovo

Ora nella tua dimora giunge un nuovo vento
che si posa su un giaciglio di verità,
implodendo in una nuda carezza
del tempo andato rimuovendo attese
e intanto ami nel confine di una notte.

Marcello Plavier