Al vespro

Fermati, oh sole!
Un uomo s’è perso
e l’angoscia gli grida
che sta traboccando.

Tutto è da fare,
in pochi momenti,
troppo è da dire
in esigui secondi:
questo balletto
era solo una prova,
adesso ha scoperto,
come operare;
questo avanzare era
un sogno mal speso,
ed ora conosce
tutto il valore.

Fermati, oh sole!
Risorgi dall’alba,
riporta le perle
d’istanti svenduti.

Flavio Zago

Published in: on maggio 25, 2012 at 07:03  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , ,

Perle

Un giorno penserai
di aver sprecato tempo-
quando saprai
che le tue perle
han fatto sazi i porci-
allora non ti aspettare nulla
dalla zolla
i tuoi frutti li troverai altrove

Anna Maria Guerrieri

Published in: on aprile 10, 2012 at 07:13  Comments (3)  
Tags: , , , , ,

Occhi di luna

 
 
Occhi di luna,
velati d’azzurro
lampi di gelo
 a nascondere il cuore
.
Occhi di cielo,
velati d’amore
occhi di mare
sereni, ridenti.
.
Labbra corallo
perle splendenti
bocca che dici
soavi armonie.
.
Labbra dischiuse
esitanti, assetate
teneri fiori
che baci sospiran.
.
Mani preziose
di dolci carezze sperate
mani gentili
sottili profumi inebrianti.
.
Immagini lievi
d’un sogno d’amore
vissuto.

Piero Colonna Romano

Farfalla prigioniera

Nere arcate su gocce di tristezza –
perle di umida malinconia –
di magnifica, tristezza,
di dolce, malinconica tristezza,
rassegnata, tristezza,
lo sguardo
lontano fai vagare tra i ricordi,
tra i sogni di bambina ormai sfumati
tra braccia inadatte, e egoiste
che in cerchio
stringono
la lieta libertà che più non hai.

Fili dorati sulla fronte chiara,
raccolti in una coda di cavallo
donano fierezza
a chiare gote appena zigomate,
lisce e vellutate;
contornano lo sguardo…che non guarda
per non vedere quello che hai lasciato.

Il corpo adolescente,
di bambina cresciuta,
su gambe di alabastro,
sotto la vestina,
lo perdi per donare il paradiso
a chi da tempo, ormai,
non lo sperava più.
Ma solo lui lo vede…
non già lo sguardo tuo, smarrito
tra il bel ricordo
di quella tua sognante gioventù
ch’è già finita.

Ami soltanto
per vivere una vita.

Armando Bettozzi

Nato con la camicia

Fortunato chi può
infilar perle nella memoria
e pavoneggiarsi di vita felice.

Fortunato chi gioisce dell’altro
ed insieme accompagna
due storie di vita.

Fortunato chi s’accosta
al diverso con occhi infantili
e curioso apprende di storie lontane.

Fortunato chi sa aspettare,
chi si accontenta, chi chiede perdono.
Fortunato chi non attende la manna.

Lorenzo Poggi

Published in: on gennaio 3, 2012 at 07:29  Comments (8)  
Tags: , , , , , , ,

Si piegano al vento…

Si piegano al vento i rami degli alberi
resi pesanti dal gelo della notte,
mentre esili mani sciolgono i nodi del tempo
e smemorate fate volteggiano
tra sogni racchiusi in perle di cristallo. 
 
Indossato come cappotto sdrucito,
il cuore pulsa prigioniero in una gabbia
con sbarre arrugginite dalle lacrime,
nell’impossibilità di aggrapparsi
ad un cielo senza appigli,
 
e fragili steli di fiori di carta
si aggrovigliano a formare riparo
al saccheggio delle emozioni 
perpetrato da ombre silenziose
col sapore amaro della solitudine.
Patrizia Mezzogori

Scambio

Il giorno è tornato con le sue offerte
Io ti ho donato tutta la notte
Dove la solitudine del buio mi appartiene
Tu donna che doni muliebrità
Sei come il mare che dona le perle
Sei come un giardino d’estate
Che offre fiori e profumi inebrianti
La tua voce mi accarezza
Il pensarti mi dà euforia
Ti dono il mio cuore in cambio del tuo

Marcello Plavier

Published in: on novembre 3, 2011 at 07:15  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Nuova acqua

Impronte di altri passi
su antica sabbia
memori di un impetuoso
tempo lontano
che né lacrime né baci
han cancellato.
Collana di perle
nate da tenere ostriche
lunga come la riva
mentre mare e cielo
in un unico abbraccio
pennellavano
indimenticabili momenti.
Teneramente divenuta
bianca spuma
ho pian piano circondato
quella sabbia antica
bagnandola di nuova acqua
sommessa e discreta.

Sandra Greggio

Published in: on novembre 2, 2011 at 07:08  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Inganno

 
E se l’incontro mi ferma e mi dice
<sei libero di fare quello che ti pare>
e allora compro gli anelli dove non mi costan niente
leggo i santi ed i vangeli senza spiegazioni
corro a piedi nudi dove gli spini m’insanguinano le piante
e poichè mi pare mi smarrisco tra i sentieri delle notti
orafo del buio intreccio pensieri e infilo le mie perle
bacio la bellezza che ho incontrato
indago l’oro che luccica ed è bello è tondo timida speranza 
mi guarda debole in silenzio prezioso del suo amore
e mi pare che sia amore…
<questo non lo dovevi fare!>.

Enrico Tartagni

Published in: on ottobre 15, 2011 at 07:18  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

O mare

libero ondeggi
nel sole
in miriadi di perle spumose
vibranti come infiniti
desideri sereni.
Assaporo la tua voce
salmastra e rauca
e mi perdo
sulle tue mobili amache
cullanti sogni e amore.
Mi specchio in te, mare,
in te vedo la mia vita,
baluginante tra bonacce e burrasche
in sofferta attesa
dell’ultima pace.

Nino Silenzi

Published in: on ottobre 9, 2011 at 07:46  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , ,