Some

Ho promesso al mio cuore
una vita esaltante,
una stima maggiore
per il suo pulsare.
Ho promesso più strali,
per farlo arrossire
e riportare più umana
ogni emozione.
Ho promesso che il vento
non mi avrebbe rapito,
e che ogni pensiero
avrei zavorrato.
Ho promesso al mio cuore
che avrei combattuto,
ed avrei ricucito
un passato strappato.
Gli ho promesso conchiglie
ripiene di suoni,
e cori marini
su cui galleggiare.

Ed oggi che ho visto,
che ho pianto, creduto,
ed ho più impronte
che passi da fare,
il giorno spergiura
che ieri era un sogno;
ma pesa in petto il fardello,
d’ingenue promesse.

Flavio Zago

Published in: on aprile 19, 2012 at 07:47  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Tu, sole, hai la falce della morte

 
Di questa colorita Primavera
sono i rami odorosi dell’acacia
carica pure e dolci di mimose…
Più lente dal cielo piovono rose,
come soavi immagini lontane…
.
Ormai temprata è l’anima sopìta
d’ultimo sogno d’una primavera.
.
Ora nel pugno il mio destino serro
al vento ogni fiorito ramo chino
non molli nelle foglie delle rose
poveri sogni che svanite: Addio!
.
Anch’io ho una spada (o non è forse un fiore?)
che ancora brilla e splende rutilando
al sole, ch’arde tutto ciò ch’è  bello.
Tu, Sole, hai la falce della Morte,
che degli Umani miete intiere frotte.
.
Tuttavia qualcheduno ha petto saldo:
riesce a svincolarsi dalla stretta.
Solo un poco!   La Morte non ha fretta…

Paolo Santangelo

Fiore di Pasqua

.
Danza nel petto
fiore di Pasqua
antico e sacro
sparge profumo di speranza
rallegra semplice aiuola
nonostante il cielo adombrato
nonostante il vuoto intorno
che stringe la gola
nella morsa economica
di recessione e povertà.
Danza nel petto
fiore di Pasqua
lo sento vivo più che mai
adesso che l’oscurità
ha steso l’infido manto
adesso che ha sparso il sonno
sulle nostre disamorate coscienze.
Danza nel petto
fiore di Pasqua
diamogli l’acqua giusta
torniamo ad essere uomini
non sotterriamolo ancora una volta
fra uova colorate e colombe d’occasione
per un giorno di festa “apparente”
e poi niente,
totale indifferenza.
Danza sempre nel petto
fiore di Pasqua
lo sento vibrare
nella stanza spenta
lo sento cantare
nell’Amore risorto alla vita
in piena luce.

Roberta Bagnoli

Meraviglia

Mi sono scritto 
con l’inchiostro sulla mano 
amore in tutte le lingue del mondo
per non scordarmi come si dice 
allo straniero

E poi mi sono appoggiato 
la mano sul petto

Sai …….. vicino al cuore 

e scoprire parole rovesciate
per quell’amore 
cosi distante

Per poi dimenticare
che non è sempre notte
e al mattino 
quando mi sveglio
con meraviglia scoprire

che …..
guardandomi allo specchio
posso vedere amore 
nel verso giusto

ed abbreviare la distanza
che mi tiene lontano

Pierluigi Ciolini

Una cattedrale nel mio cuore

 Cattedrale
 
 
Ho costruito per te
una cattedrale nel mio cuore,
una cattedrale senza ceri
ma con i tuoi occhi
ad illuminarmi il cammino,
senza Santi ma con il tuo cuore
a farmi del bene,
senza voti
ma con le tue mani
per costruire le ore di tutti i miei giorni.
.
Ho costruito per te
una cattedrale nel mio cuore,
senza cori
ma con la tua voce
a ricordarmi ancora quanto amore
si può dare ed avere
dagli occhi dalle mani,
dalla voce dal sudore dal sangue
dal petto e dal ventre,
Madre.

Maria Attanasio

Published in: on marzo 27, 2012 at 07:18  Comments (11)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

La tigre

EL TIGRE

Soy el tigre.
Te acecho entre las hojas
anchas como lingotes
de mineral mojado.

El río blanco crece
bajo la niebla. Llegas.

Desnuda te sumerges.
Espero.

Entonces en un salto
de fuego, sangre, dientes,
de un zarpazo derribo
tu pecho, tus caderas.

Bebo tu sangre, rompo
tus miembros uno a uno.

Y me quedo velando
por años en la selva
tus huesos, tu ceniza,
inmóvil, lejos
del odio y de la cólera,
desarmado en tu muerte,
cruzado por las lianas,
inmóvil, lejos
del odio y de la cólera,
desarmado en tu muerte,
cruzado por las lianas,
inmóvil en la lluvia,
centinela implacable
de mi amor asesino.

§

Sono la tigre.
Ti spio tra le foglie
ampie come lingotti
di minerale bagnato.

Il fiume bianco cresce
sotto la nebbia. Giungi.

T’immergi nuda.
Attendo.

Allora in un salto
di fuoco, sangue, denti,
con un colpo d’artiglio abbatto
il tuo petto, i tuoi fianchi.

Bevo il tuo sangue, spezzo
le tue membra una a una.

E resto vegliando
per anni nella selva
le tue ossa, la cenere,
immobile, lontano
dall’odio e dalla collera,
disarmato nella tua morte,
attraversato dalle liane,
immobile nella pioggia,
sentinella implacabile
del mio amore assassino.

PABLO NERUDA

Scorciatoia per aprile

Al posto della neve il ramo nudo
fiordiciliegio gemme
tradite dal rossore
aria che intiepidisce intorno
età di precipizi e di solstizi
essere al dunque

portami al petto almeno un suono
che insinui la certezza del momento
io viva
intorno un surrogato di passione
dura
quanto un post it
sul vetro della fuga
è un patto d’alleanza

scruta la scritta sulle mani
azzurrità d’amore in altro modo
leggi
la vita trattenuta dall’inverno

Cristina Bove

Un pensiero

 
rannicchiato
cenobita
contava
gli applausi soffocati
dal verso
della statura intrisa
di crespe sulla pelle…
 
dall’alto
dei rami
cadenti
sognava nei campi
d’autunno
dove le foglie
sentono la voce
del vento…
 
il cuore non invecchia
scintilla
nel petto
dell’algido inverno
e sente più forte
le pene.

Giuseppe Stracuzzi

Published in: on marzo 1, 2012 at 07:41  Comments (8)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Senza pretese

Avrei soltanto accarezzato
con i miei capelli il tuo petto,
lasciando magari che qualche ricciolo
giungesse fino al tuo collo.

Non di più, non di più.

Avrei lenito la tua angoscia
con lo sguardo comprensivo
dei miei occhi
privi di quel guizzo
preludio di chissà che
li avrei fermati là
anch’essi con i miei capelli.

Non di più, non di più.

Perché so amare anche così,
anzi, così di più, tanto di più,
respingendo negli occhi
quella goccia che non vuol farsi vedere.

Non più.

.
Sandra Greggio

Published in: on marzo 1, 2012 at 06:50  Comments (12)  
Tags: , , , , , , , , ,

Solitudine

Corro nella notte cercando la via
Corro scavalcando ostacoli mentali
Travolto da pensieri calpestati
Impaurito dal mio vagare senza meta
Ti cerco

Questa notte mi sfugge
Non riesco ad afferrarla
Intorno è un turbinio di colori
Essi nascondono a turno il tuo viso
Dove sei?

Divento impaziente rincorrendo
Il mio pensare
Il mio desiderare
Un fuoco inestinguibile
Brucia la mia anima
Vieni da me

Inutilmente cerco di afferrare i sogni
Le mie mani si stringono al petto
Lasciati afferrare e con dolcezza
Fatti cullare dall’amore
Mia essenza di vita

Marcello Plavier

Published in: on febbraio 20, 2012 at 07:24  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,