Il meccanico di Limerick

Cari poeti, è ancora un volta il Limerick il protagonista delle nostre pagine! Nei paesi anglosassoni questo tipo di componimenti è una vera e propria passione: in fondo occorrono pochi mezzi, una piccola storia da raccontare in versi, tanta fantasia e inventiva, ed il divertimento è assicurato! Vediamo un po’ che cosa ci ha preparato l’amico Paolo, che si è cimentato nell’impresa: come al solito, in presenza di un testo più lungo del solito, vi rimando al link che vi porta alla pagina dove troverete il suo lavoro. Parla di un meccanico birichino… ma c’è anche dell’altro! Non vi voglio dire di più. Per scoprire di che si tratta andate a vedere di persona!

Il Cantiere

Ecco il link:   LIMERICK di Paolo Santangelo

http://docs.google.com/View?id=df5dp7k3_4z5chhbg9


Parafrasando Dante

Cari amici, come sapete le caratteristiche tipografiche del nostro sito non si conciliano con la pubblicazione di testi di una certa lunghezza. Purtroppo non possiamo proporre sulle nostre pagine odi, poemetti e carmi dal formato “oversize”, e naturalmente ci dispiace. Ma a tutto c’è rimedio: quando un nostro amico ci invia un lavoro così simpatico, ironico e divertente, meritevole di essere apprezzato e letto fino in fondo, come si può dirgli di no? E’ il caso di Marcello, che stavolta si è cimentato nientepopodimenoche…con il sommo Dante, e ci ha voluto regalare un quadretto di ispirazione “infernale” nel quale potrete riconoscere personaggi noti e meno noti (e anche qualcuno abbastanza familiare…). In questi tempi così tristi e deludenti che stiamo vivendo si sente davvero il bisogno di guardare alla realtà con disincanto e  misurata ironia, e magari cercare di sorridere un po’ sul nostro destino di…dannati!

Il Cantiere

Ecco il link alla parafrasi dantesca di Marcello Plavier:

http://docs.google.com/View?id=df5dp7k3_2dxsw8fcb

Buona lettura!

Inimaźinâbil Caranvèl 2010

O mî bî poêta dal Cantîr,
guè! arî da ruzlèr źå pr’äl schèl
quand a turnarà…al caranvèl!

Scadnèrev, fèr śbòcia mascherè,
scavalchèr tótti quanti äl ramè,
pò inpastand tajadèl só al tulîr
un cicàtt d rusòli savurîr!

E magnand na gamèla ed turtî,
stra cudghén e insalè, cantè! bvî!
scrivî poeśî in bulgnaiś al fnistrén!
Pò biasè śvélt sfrâpel col zriśén,
ventetrai quai con pió d un cretén
e sóppa inglaiśa insàmm a un indvén!

A ste pónt, cagiaràtt cuntintè,
al trésst melòc’ arî dè cumiè
e con sî tarscón par cunpagnî
la lôrgna l’andrà vî anca lî!

E l inimaźinâbil Caranvèl
al continuarà a tstimugnèr
al gósst dla źant par la libertè
che lavurand la s l é concuistè!

§


INIMMAGINABILE CARNEVALE 2010

O miei bei poeti del Cantiere,
veh! dovrete ruzzolar giù per le scale
quando tornerà… il carnevale!

Slegarvi, far bisboccia mascherati
scavalcare tutte le recinzioni,
poi impastando tagliatelle sul tagliere
un rosolio della zia saporire!

E mangiando una scodella di tortelli,
tra cotechini e insalata, cantate! bevete!
scrivete poesie in livornese al finestrino!
Poi pappate svelti frappe col sorriso,
ventitré quaglie con più d’un cretino
e zuppa inglese insieme a un indovino!

Così, lo stomaco accontentato,
il tristo malocchio avrete sfrattato
e con sei tresconi per compagnia
lo spleen se ne andrà via per la via!

E l’inimmaginabile Carnevale
continuerà impavido a confermare
il gusto della gente per la libertà
conquistata con lavoro e ingegnosità!

Sandro Sermenghi

Carnevale 2010

Sono contro un modo stitico
di poetare in rima o no,
mi parrebbe d’esser statico
così allora non ci sto.

La poesia è l’avventura
che ti rende sempre ludico,
che sconfigge la sventura
sberleffando i Grandi in pubblico!

Che buffoni a carnevale
in sto mond’o/sceno/grafico
che marcisce lo Stivale
troppo spess/o/n-line grafico!

Non ci resta che capire
che in sto mond’opp(i)ortunistico
sol mangiare per morire
è il pensier capitalistico.

Queste note meta/fisiche
non so dove porte/ranno,
spero azioni psico/fisiche
che il cervello nette/ranno.

Non vo oltre indi perciò
vola in alto l’ipot/etico,
qui si chiude il qui pro quo
con st’augurio assai prof/etico:

tutti no al cannibalismo
delle multinazionali,
su scuotiàmci dal fideismo
e imbocchiam di nuovo i viali

dove vivo è l’ideale
dunque no al capitale,
dove vivo è il buon lavoro
per cui crescer nel decoro,

per cui fare poesia,
nel teatro o sulla via,
senza tema che frattanto
qualchedun ci rubi il manto.

Poi al suon di uno yé yé,
scancellati i vil lacchè,
tutti lieti e via in tournée:

in soirée col scimpanzè,
in gilè a un défilé,
regalarti una pensée,

e conciossiacosaché,
tête-à-tête fra me e te
nelle nubi di un buffè,

sorbettandoci un brûlé,
degustando un buon soufflé,

Dopoché, talché, fuorché,
viva sempre il carnevale
dove ogni scherzo vale:

tutt’insieme avanti e indrè
perepè perepepè!

Sandro Sermenghi

Donna 2010

FEMME 2010
Fœtus nourrisson enfant fille adolescent
qu’avenir tu seras FEMME
dans cette société de trop de promesses fausses
appuyée sur l’externe apparence
mais
vide plus qu’une peau de kaki pelé
ou
de la vannure après le battage:
celui-ci est des nos pas extrême signe!
Foetus nourrisson enfant fille adolescent femme
qu’avenir tu seras MÈRE
dans cette société de balle… … …
Non! Non! Nooon routine, train-train, habitude, répétition,
u-ni-for-mi-té:  NOOOOOON!!!
Refaisons quatre pas dans la vie!
Risons! Jouons! Chantons!
Plus souvent à la promenade!
Ce sera une distraction voir du bas
sur le bouillon-blanc
devant à ce ciel changeant
entre fracas le grèbe pris par collapsus pour un saignée
que lance fanfaron sa poésie
aux enfants qui en vacarme entre les pieds
ils ont la voie:
” Fleur de mimosa
bananes je t’ai envoyé de Mombasa
mais tu ne veux pas encore… être ma épouse!”

§

Feto poppante bimba ragazza adolescente
che domani sarai DONNA
in questa società di marmellata
poggiata sull’esterna apparenza
ma
vuota più d’una buccia di cachi pelato
o
della pula dopo la trebbiatura:
questo è de’ nostri passi estremo segno!
Feto poppante bimba ragazza adolescente donna
che domani sarai MADRE
in questa società di loppa … … …
No! No! Noooo routine, trantran, abitudine, ripetizione,
u-ni-for-mi-tà: NOOOOOOOO!!!
TROTTIAMO A RIPRENDERCI la vita!
RIDIAMO giochiAMO cantiAMO più spesso a spasso
sarà uno spasso vedere dal basso sul tassobarbasso
dada-vanti a quel cielo cangiante
fra fracasso lo svasso preso da collasso per un salasso
che lancia smargiasso la sua poesia
fra il chiasso dei bimbi che vivon la via:
“Fior di mimosa
spedito ti ho il mio riso da Kinshasa
ma ancora tu con me…fai la ritrosa!”

Sandro Sermenghi

Un frètt mèsst…ed maravàjja

Zirudèla dal compleân
festegiè in areoplàn
in unåur d’n’amîg bruzâi
ch’viàza sänper sänza guâi!
Arivè ch’l’é ai zinquantòt
l’ha pensè ed zughèri al lòt
par psair vénzer quéng’ quatrén
e cunprèr vént fiâsc ed vén
pò fèr fèsta int al salån
con carôt zvåll e un zidrån
tragg’ strichétt parsótt e arvàjja
pió un Frétt Mésst… ed Maravàjja!
Anca mé a san coinvólt
e mustràndum disinvólt
a cundûs con gara dûra
la poesî fòra del mûra
in muntâgna só in pruvénzia
quèsi avsén a la Florenzia
dóvv i dlûvien fiurintéini
d zîrca òt etto bän mulséini.
La pusiån in dóvv a stan
a tafièr dîs rusticàn
e a pteglèr sucèr ludrèr
disputànd d zóccher amèr
o se in zêmma a l’Asinèla
van sî mêrl o una clunbèla
l’ha sagg’ râgn stra i vîc’ castâgn
e un vaird stâgn col scheldabâgn.
Qué cla dôna l’é felîz
anc s l’é sanza lavatrîz
lèva e stîra tótt al dé
pr’i trî bâfi ed sô maré
e ogni tant l’ha d’invidè
acsé drétt anzi screanzè
che par métterla in camîsa
sèt dé premma in mâgnen brîsa!
A la fén dla mî sturièla
ch’l’an vèl zért cme una zitèla
svélt s’n’é andè anc un ètr’ân
e int al dîret “Bån compleân”
at cunsàggn sta bratta ed lèna
che d’invêren par la stmèna
parché al fradd an t’la mulèsta
t’i mittrè dànter la tèsta!
Dåpp dû pâs cun la tô câgna
con cla dôna vá in cucâgna
e pò plócca una sardèla
toc e dai la zirudèla!

§

UN FRITTO MISTO… DI MERAVIGLIA!

Zirudella del compleanno
festeggiato in aeroplano
in onor d’un amico barrocciaio
che viaggia sempre senza un guaio!
Arrivato ch’è ai 58
ha pensato di giocarli al lotto
per poter vincere 15 quattrini
e comprare 20 fiaschi di vino
poi far festa nel salone
con carote cipolle e 1 cetriolo
13 nastrini al prosciutto e piselli
più un Fritto Misto… di Meraviglia!
Anch’io sono coinvolto
e mostrandomi disinvolto
conduco con gara dura
la poesia fuor dalle mura
in montagna su in provincia
quasi vicino alla Firenze
dove diluviano fiorentine
di circa 8 etti ben morbidine.
Il possedimento dove stiamo
a taffiare 10 mirabolani
e a pettegolare ciucciare ludrare
disputando di zucchero amaro
o se in cima alla (torre) Asinelli
vanno 6 merli o una colombella
ha 16 ragni fra i vecchi castagni
e un verde stagno con scaldabagno.
Qui la moglie è felice
pur s’è senza lavatrice
lava e stira tutto il giorno
per i 3 baffi di suo marito
e ogni tanto ha degli invitati
così furbi anzi screanzati
che per metterla in camicia
digiunano ben 7 giorni prima!
Alla fine della mia storiella
che non vale certo come una zitella
svelto è passato anche un altr’anno
e nel dirti “Buon compleanno”
ti consegno sta berretta di lana
che d’inverno ogni settimana
perché il freddo non te la molesti
ci metterai dentro la testa!
Dopo 2 passi con la tua cagna
con la moglie va’ in cuccagna
e poi lecca una sardella
toc e dai la zirudella!

Sandro Sermenghi

Alla maniera del Limerick

Poesia “indeformabile”

ALA MANÎRA DAL LIMERÉCC

 L umarèl l andé int al fiómm
na maténna sänza lómm
con l’idéa ed psair pschèr
una sfójja o un calamèr
 
e agranplères só pr i mûr
pr ascultèr d avsén di fiûr
frecuentèr däl pésst ziclâbil
con poesî indeformâbil!
 
Mo al fiómm ch’l éra instizé
int un spéll al s arvulté
e ai fé una dåzza tèl
a cal pôver umarèl.
 

§

 
L’omarello andò nel fiume
una mattina senza lume
con l’idea di poter pescare
una sfoglia o un calamaro
 
e arrampicarsi su per i muri
per ascoltare da vicino dei fiori
frequentare delle piste ciclabili
con poesie indeformabili!
 
Ma il fiume che era infuriato
in un attimo si ribellò
e gli fece una doccia tale
a quel povero omarello. 

Sandro Sermenghi

Il Limerick è un breve componimento in poesia, tipico della lingua inglese, dalle ferree regole (nonostante le infinite eccezioni), di contenuto puntualmente nonsense e preferibilmente licenzioso, che ha generalmente il proposito di far ridere o quantomeno sorridere. Un limerick è sempre composto di 5 versi, di cui i primi due e l’ultimo, rimati tra loro, contengono tre piedi e dunque tre accenti (“stress“), il terzo e il quarto, a loro volta rimati tra loro, ne contengono solo due. Le rime seguono dunque lo schema AABBA.  Nel limerick più comune il primo verso deve sempre contenere il protagonista, un aggettivo per lui qualificante e il luogo geografico dove si svolge l’azione, mentre i restanti versi sintetizzeranno l’aneddoto e nell’ultimo verso (solitamente) viene richiamato il protagonista, magari definendolo meglio    [da Wikipedia] 

Published in: on febbraio 7, 2010 at 07:38  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , ,

Le poesie “indeformabili”

  

Cari amici, vi propongo qui la divertente e stimolante iniziativa del nostro Sandrèn (Sandro Sermenghi, per i non addetti) che ci invita tutti ad imitarlo in un genere del tutto insolito ed originale di poesia giocosa, nato dalla sua fervida fantasia di poeta “a tutto campo”.  Chi si sente in grado di scendere nell’agone e competere con la sua verve immaginifica, può mandarmi le sue composizioni al solito indirizzo:  sarò lieto di pubblicare tutte le poesie “indeformabili” che mi invierete!  

§  

Cari poveti del Cantiere Poesia, nel 2006 mi nacque l’idea di fondare il “Club delle Poesie Indeformabili” che consiste nell’infilare la seguente quartina:

 aggrapparsi su per i muri   

per ascoltare da vicino dei fiori 

frequentare delle piste ciclabili 

 con poesie indeformabili  

 

 in mezzo ad altre due quartine, come se si trattasse d’una brioche imbottita. Vi invito a partecipare con passione all’iniziativa! 

   P.S.- A inizio quartina si può usare una preposizione o un articolo per conservare un filo logico alla poesia. Il gioco è possibile sia in bolognese che in italiano. Curiosate nel sito www.bulgnais.com/poesieindeformabili.html .

  Sandro Sermenghi

 (n.d.r.   Più sopra troverete la prima delle poesie indeformabili di Sandrèn)

Published in: on febbraio 2, 2010 at 07:35  Comments (2)  
Tags: , , ,

Pescando un po’ nell’Arno e nel Bisenzio


– Poetastre – disse – fratte e giramondo
che scribacchiate in piedi versi indarno,
meglio sarìa buttastevi giù in Arno
onde sfamare qualche pesce Edmondo!-
E l’amo ch’echeggiava: -Vanno in tondo,
si mostrano et inchiostrano al Lungarno
e accetterebber anche se un po’ scarno
un maschio, ma non fosse pudibondo.-
E l’òmini occhialuti o paciocconi
studiàvan sinalefi o barbarismi,
o i saffici trocaici, e i pistoloni…
Per questo spolverìo di narcisismi
nessuno era disposto a far condoni
et avanzàvan falsi opportunismi.
Ché questi eran lirismi?
Il verme: – No, sofismi.- E andarno a Prato
sull’erba di Bisenzio col gelato.

Sandro Sermenghi

Sandrino alla ricerca della vita

SANDRÉN IN ZAIRCA DLA VÉTTA

Vîver la vétta in zairca däl parôl
cuntànd äl fói dl insónni d na nutè,
guardèr da un urizånt ch’l é stranpalè
äl cô ed socuànt’ lusêrt ch’i nèsn äl viôl.
 
Cûser sî tajadèl e una sardéina
zarcànd in cal buslòt la gióssta vî,
sugnères sänza avair malincunî
vulànd in spâla a un èsen in ciaréina.
 
D un scarciòfel viulàtt la sinfunî
sfiurèr, e ai gât cuntèrn ed còti o ed crûdi
mirand int i ûc’ na vérzin colunbéina.
 
Pò snadrazèr cån l’Êva a èli nûdi
cufétt int al lanbróssc dla mî piséina
grâzie a sta stòria fammna… la Poesî!
 

 §

 
Viver la vita in cerca di parole
contando le foglie del sogno d’una nottata,
guardando da un orizzonte strampalato
le code di alcune lucertole che annusano viole.
 
Cuocer sei tagliatelle e una sardina
cercando in quel barattolo la giusta via,
sognarsi senza aver malinconia
volando in spalla a un asino in sbronzina.
 
D’un carciofo violetto la sinfonia
sfiorare, e ai gatti contarne di cotte o di crude
mirando negli occhi una vergine colombina.
 
Poi sguazzare con l’Eva ad ali nude
a capofitto nel lambrusco della piscina
grazie a questa storia femmina… la Poesia!
 

Sandro Sermenghi

Published in: on gennaio 9, 2010 at 07:24  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , ,