Perchè

Poesia indeformabile

Perché nascondi il tuo amore
sei creatura con slanci imperiosi
travolgi col sorriso
la mia grande passione

come aggrapparsi su per i muri
per ascoltare da vicino i fiori
frequentare delle piste ciclabili
con poesie indeformabili.

nella cinta di mura antiche
dove nacqui come amante discreto
nel tuo viola vestita
baciando la mano che tu mi porgevi.

Marcello Plavier

Per il mio amico Sandrino

Poesia “indeformabile”

PR AL MÎ AMÎG SANDRÉN

An vói brîsa fèr di c’nómm
mo Sandrén, col såu poesî,
t métt al côr in alegrî,
mo, capîri, al srêv pó cómm
agranplères só pr i mûr
pr ascultèr d avsén di fiûr
frecuentèr däl pésst ziclâbil
con poesî indeformâbil.
I vêrs, qué, i pêrden la lómm
e i fan däli acrobazî,
mo, s’t adrôv la fantasî,
té t al vadd un quèlc barlómm.

§

Non voglio fare delle smancerie
ma Sandrino, colle sue poesie,
ti mette il cuore in allegria,
ma, quanto a capirle, sarebbe come
arrampicarsi su per i muri
per ascoltare da vicino dei fiori
frequentare piste ciclabili
con poesie indeformabili.
I versi, qui, perdono la luce
e fanno acrobazie,
ma, se usi la fantasia,
riesci a vedere qualche barlume.

Amos Lelli

Indeformabile…sul tagliere!

Poesia “indeformabile”

INDEFORMÂBIL…SÒ AL TULÎR

I én pasè socuanti sîr
quand mé a déss: «dâi mò, pruvän,
svôltet pûr såura al tulîr!».
L êra méi, pôver quajån,
 
agranplères só pr i mûr
pr ascultèr d’avsén di fiûr
frecuentèr däl pésst ziclâbil
con poesî indeformâbil.
 
Dåpp, la schéccia la m à détt:
«Mo in avèvet pròpi vójja?
Sèvet bän che par i vcétt
só al tulîr as fà… la spójja!»
 

§

 
Sono trascorse alcune sere
(da) quando io dissi «dai, proviamo
sdraiati pure sul tagliere!»
Era meglio, povero ingenuo,
 
arrampicarsi su per i muri
per ascoltare da vicino dei fiori
frequentare piste ciclabili
con poesie indeformabili!
 
Dopo, la mia amata mi ha detto:
«Ma ne avevi proprio voglia?
Sappi che per i vecchietti
sul tagliere si fa… la sfoglia!».

Luigi Lepri

Published in: on febbraio 21, 2010 at 07:29  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , ,

Non devi domandarmi


Poesia “indeformabile”

Non devi domandarmi
come si fa, piccola
a mettersi a testa in giù
senza le mani
e aggrapparsi su per i muri
per ascoltare da vicino i fiori
frequentare delle piste ciclabili
con poesie indeformabili
e poi venirti incontro
ancora intera
e con te a spalle
attraversare ogni brughiera.

Tinti Baldini

Published in: on febbraio 18, 2010 at 07:15  Comments (13)  
Tags: , , , , , , ,

A scuola di dialetto

Zirudella “indeformabile”

A SCÔLA ED DIALÀTT

Da sî mîs  mé a vâg a scôla
e a i é chi dîs ch’l’é una gnôla
i n san brîsa ch’ignurànt
quant al séppa divertänt
agranplères só pr i mûr
pr ascultèr da vsén di fiûr
frecuentèr däl pésst ziclâbil
con poesî indeformâbil:
tótt i mêrcuel a i é al màsster
che d gramâtica al s dà al dèster
e anc s al scrîv con la manzéina
l’istruziån l’é genuvéina!
Pò a i é l òspit inpurtànt
ch’l é povêta opûr cantànt,
o a i é ón brèv coi buratén
o un letåur dimónndi fén
ch’i s agrànplen só pr i mûr
pr ascultèr d asvén d fiûr
frecuentànd däl pésst ziclâbil
con poesî indeformâbil:
a sän bèle al têrz livèl
e a pòs dîr papèl papèl
che ala scôla a sån scadänt
mo ai ò al spîrit stracuntänt!
L um fà bän al dégg adès
dal bulgnais zarchèr pusès
e pr an pêrder la svarzûra
a i é una côsa ch’l’é sicûra:
agranplàndum só pr i mûr
e ascultànd da vsén d fiûr
frecuentànd däl pésst ziclâbil
con poesî indeformâbil
mé a voi turnèr anc st ètr ân
a ripêtr ai Alemân
st’esperiänza ch’l’é acsé bèla
toc e dai con tô surèla.

§

Da sei mesi vado a scuola
e c’è chi dice ch’è una lagna
non sanno quegl’ignoranti
quanto sia divertente
aggrapparsi su per i muri
per ascoltare da vicino dei fiori
frequentare delle piste ciclabili
con poesie indeformabili:
tutti i mercoledì c’è il maestro
che di grammatica ci dà il destro
e anche se scrive con la mancina
l’istruzione è genuina!
Poi c’è l’ospite importante
ch’è poeta oppur cantante,
o c’è un esperto di burattini
o un lettore molto fine
che si aggrappano su per i muri
per ascoltare da vicino dei fiori
frequentando delle piste ciclabili
con poesie indeformabili:
siamo già al terzo livello
e posso dire papale papale
che alla scuola sono scadente
ma ho lo spirito stracontento!
Mi fa bene lo dico adesso
del bolognese cercare possesso
e per non perdere l’esaltazione
c’è una cosa che è sicura:
aggrappandomi su per i muri
e ascoltando da vicino dei fiori
frequentando delle piste ciclabili
con poesie indeformabili
io voglio tornare anche st’altr’anno
a ripetere agli Alemanni 1
st’esperienza ch’è così bella
toc e dai con tua sorella.

Luciano Fantini

1 Alemanni: nome della chiesa degli Alemanni, (sulla Via Mazzini che diviene poi Via Emilia diretta a Rimini) con a fianco il teatro Alemanni dove hanno sede i corsi di dialetto bolognese da circa sette anni.

Scale di pace

  

Poesia “indeformabile”

 

Quando la luna cala la falce
non si sente la paura arrivare
senza esitare celato sguardo di brace
 e acquietata l’anima si prova a scalare.
 
E aggrapparsi su per i muri
per ascoltare da vicino dei fiori
frequentare delle piste ciclabili
con poesie indeformabili
 
ed inventare scale di pace
come bambini tornare a sognare
con fantasia e purezza di luce
penso che ancora si possa tentare.

Roberta Bagnoli