Bambino di Auschwitz

Guardasti quel posto nuovo e grigio
assonnato e stanco del lungo viaggio
tra le braccia e nel calore di tua madre.
Che strane quelle voci che non capivi,
parole secche e violente nelle orecchie.
Guardasti tua madre e tuo padre,
occhi sgranati, scuri e lucenti come l’onice
di quel bracciale che lei più al polso
non aveva.
Accennasti un sorriso cercandone uno
nei loro volti sperduti e impauriti.
Una carezza, l’ultima dei tuoi due anni.
Vedesti tuo padre strappato da tua madre,
guardasti ancora lei perché ti spiegasse.
Tacque perché tu il suo dolore non udissi.
Un saluto con la manina aperta,
certo del suo ritorno tra voi, come quando
dalla lontana casa usciva per il lavoro.
Poi per pietà di Dio nel sonno di nuovo
cadesti.
Sognasti il balcone che sul cortile affacciava,
il cavalluccio di legno senza più cavaliere
col quale giocavi e al petto stringevi
imitando di tua madre la ninna nanna.
I tuoi occhi s’aprirono ancora e il cavalluccio
cercasti.
Anche tu fosti privato della semplice gioia
da uomini senza onore e senza gloria.
Strappato venisti dalle braccia di lei,
udisti il suo urlo, i tuoi occhi cercarono i suoi.
Le tue dita appena sfiorarono le sue.
Ti restò solo l’innocenza come soffio di vita,
nel fango girasti tra voci senza dolcezza.
In un angolo un fiore dal fango spuntava,
lo cogliesti come si coglie una speranza.
Domani l’avresti posato tra le mani lei,
lei che sarebbe tornata per portarti a casa.
Il fiore morì mentre tu disperatamente
in impari lotta con la morte la vita cercavi.
Lei tornò, ti strinse a sé e ti portò via.
Sorridesti per quell’abbraccio, l’ultimo,
come ultima fu la carezza, ultimo il bacio.
Ultimo fù il saluto con la manina aperta
alla vita che si avviava verso quelle enormi
e putride camere appena lavate da escrementi.
Ultimo fù il tuo sguardo a lei mentre morivi
e domandavi con gli occhi perché.
Tornasti lì dal cielo un giorno di primavera,
cogliesti un fiore e girasti per il mondo
donandolo a chi di libertà cercava speranza.

Claudio Pompi

Contrasti

Scorre la vita
e non aspetta:

nemmeno quando ci sbatti contro
e tutto si ferma.

O mentre tu assapori ignaro
il gusto dell’essenza, c’è
 chi come Paolo
           -muore-
 senza una ragione ben precisa.

Fiocchi d’amaranto piovono
sulla neve ancora fresca …
sa di nuovo l’acciaio al polso
            senza vita.

Beatrice Zanini

Published in: on novembre 20, 2011 at 07:16  Comments (8)  
Tags: , , , , , , , , ,

Il concorso di poesia

Sparizioni spartizioni lacerazioni

stanchezza che mi taglia il polso

le dita di una mano

quanto è facile creder d’esser sano.

Detto questo mi sento come un cane bolso.

Audizioni operazioni manipolazioni

voglia di divino

che mi abbaglia le idee per la testa

e in tutto ‘sto casino

come volete che io possa fare festa.

Relazioni certificazioni glaciazioni

visto come è facile trovar la rima

così un bel premio in poesia lo vinco prima.

Premiazioni glorificazioni beatificazioni…

Che state a dì?? Non vinco? Datemene ragioni!

Che ne so: una partita vinta con la Robùr

nella regione della Ruhr.

Cooosa? Un giudice in clamide e camicia

le mie poesie le deride e me le inficia?

Dopo tutta sta fatica?

con la qual’ultima parola sarebbe comodo trovar la rima…

Va bene: basta con ‘sti trebbi

e con il volley fortissimamente volley col quale crebbi

vado a stare con la mia bella

mangerò con lei pane e nutella.

Come? Mi onorate adesso con un papiro?

Bene! Purchè sia Romance Papyrus io lo ritiro.

Con le palpitazioni

succì farò le mie riccreazioni.

Enrico Tartagni

Non ditemi che tutto passa

che il tempo tutto guarisce.
che la vita, la vita continua …

il grano continuerà a sanguinare papaveri
fuori dalle mie finestre a dispetto
degli occhi miei orfani di lacrime.
il tempo
ha giaciuto nel suo letto di dolore
per quaranta giorni e quaranta notti.
– tanto, mi sono mancata –
e non m’illudo che smetta, quando, chiudendo
gli occhi si smetta di guardare.
un giorno mi cercherò o quel che rimane
e se –

stavolta, senza pretendere di perdonarci
per averti lasciato andare
per esserci amati cosi tanto e perlomeno,
anch’io avrò la mia misera consolazione.

la stretta che un tempo, il cinturino
di un orologio ormai guasto
mi segnava il polso.

Anileda Xeka

Published in: on luglio 5, 2011 at 07:27  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Vedi come si erge candido

Vides ut alta stet nive candidum

Soracte, nec iam sustineant onus

silvae laborantes, geluque

flumina constiterint acuto?

Dissolve frigus ligna super foco

large reponens atque benignius

deprome quadrimum Sabina,

o Thaliarche, merum diota.

Permitte divis cetera, qui simul

stravere ventos aequore feruido

deproeliantis, nec cupressi

nec veteres agitantur orni.

Quid sit futurum cras fuge quaerere et

quem Fors dierum cumque dabit lucro

appone, nec dulcis amores

sperne puer neque tu choreas,

donec virenti canities abest

morosa. Nunc et Campus et areae

lenesque sub noctem susurri

composita repetantur hora,

nunc et latentis proditor intimo

gratus puellae risus ab angulo

pignusque dereptum lacertis

aut digito male pertinaci.

§

Vedi come si erge candido
d’ alta neve il Soratte! I boschi al peso
non reggono, fiaccati, e per l’acuto
gelo si sono rappresi i fiumi.

Dìssipa il freddo deponendo legna
sul focolare, in abbondanza, e mesci
da un’anfora sabina a doppia ansa,
o Taliarco, vino di quattr’anni!

Lascia il resto agli dei, che appena placano
i venti in lotta sulla ribollente
distesa, non più ondeggiano i cipressi
né con essi agitati i vetusti orni.

Cosa accadrà domani, tu non chiedere.
Se un altro giorno ti darà la Sorte,
ascrivilo a guadagno e non spregiare,
ora che sei giovane, le danze e i dolci amori,

mentre è lontano dal tuo verde il tedio
della vecchiaia. Adesso il Campo
e le piazze, ora prima che annotti
si ripeta il lieve sussurro dei convegni,

ora il gradito riso che ti svela
da un angolo segreto ove si celi
la tua fanciulla, e il pegno strappato
dal polso o dal dito che resiste appena.

QUINTO ORAZIO FLACCO  (Odi  I,9)

Sento i tuoi passi nella sala

Sento i  tuoi passi nella sala,

sento in ogni nervo i tuoi rapidi passi

che nessuno nota altrimenti.

Intorno a me soffia un vento di fuoco.

Sento i tuoi passi, i tuoi amati passi,

e l’anima fa male.

Cammini lontano nella sala,

ma l’aria ondeggia dei tuoi passi

e canta come canta il mare.

Ascolto, prigioniera dell’oppressione che consuma.

Nel ritmo del tuo ritmo, nel tempo del tuo tempo

batte il mio polso nella fame.

KARIN MARIA BOYE

Published in: on aprile 18, 2011 at 07:13  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,

L’Angelo della Morte

La cinica beffa al dolore
propala coi pianti ed i prieghi
uguaglianza per tutti gli umani,
dal chiuso silenzio dei chiostri
di templi, pagode, di stupa:
il Libero Arbitrio.

Amore, pietà, sacrificio,
nell’ombra furtiva dei templi
le nude pareti coperte
di oro e d’ argento
e gli idoli muti di bronzo,
le croci di pietra e di legno,
le immobili statue forgiate
a imagine d’uomo.

E ogni giorno col polso
vibrante d’ignoto tremore
a ipocrita mano protesa
di questa genìa parassita
di tutte le fedi
riversano l’obolo ingenuo
di loro viltà.

Ma piazze tonanti… Martellano i passi
nel freddo chiaror cristallino
indomito sguardo protendi.

Qualcuno al Coraggio e al Valore
di Uomini Buoni (qualcuno c’è ancora)
Tu lasci. Agli uomini buoni – gli Eroi –
supplenti stavolta a mancanza
del nostro potere di libera scelta…


Ma Tu devi operare!

Occhio immobiIe, vitreo,
nell’urlo che incalza fremente,
e tuona in delirio agghiacciante,
vittorioso tu passi Credente:
negli occhi la vivida Luce
nel mento serrato nei muscoli tesi
l’Immensa Potenza tu porti
Morte, Innocenti all’ eterno Splendore
d’ umanità che più non cammina.

La mèta, la mèta è vicina
travolto, domato, tagliato
dall’impeto è il filo di seta
sottile che vita sorregge
d’ogniuomo: straziato.

Ma ridi anelante, febbrile,
del riso, amante del bene
chiaro e forte, la terra scossa
– che vibra nell’aria-
distruzione e rovina
percossa dai démoni è rotta:
non abbocchi a bestemmieresie
di alcuni scampati, li perdóni,
ma impavido fai strada alla morte.

Paolo Santangelo

Poche persone

cose ancor meno
qualche spicciolo
d’occhio
sparso qua e là
oltre il naso
la sigaretta accesa
i libri letti
mai abbastanza.
e da sempre
torno
andandomene
ad ogni buon ora
con la valigia
di Se
legata al polso.

Anileda Xeka

Published in: on luglio 18, 2010 at 06:56  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , ,

Lunga è la strada del ritorno

 
 
A mio padre
 
 
Dopo il voluto viaggio,
affannato, stanco, sudato,
mi siedo
– giunto in paese –
sul gradone del “Vescovado”,
lo scalone grande:
mio padre,
non più in grado di reggersi,
scaricato da spalla,
s’appoggia al muro.
Non più a casa il mio babbo,
più non posso,
ora che ha il “vizio”
di sporcarsi addosso,
di far cadere sempre il piatto in terra,
mosso da quel tremore del Suo polso . . .
L’Ospizio
ha detto sì:
vòto
s’è fatto un letto.
Socchiusi gli occhi, con le spalle al muro,
papà piano si lagna d’un lontano ricordo:
anch’Egli riposò,
trent’anni prima,  nel portare mio nonno
in quell’Ospizio . . .
Fioco sento il pensiero
gorgogliare lento,
dalla sua bocca,  roco.
Sveglio di colpo, e attento,
mi riscòto,
riprendo Tata accollo,
alla veloce.
Maledetta la fretta che m’ha colto!
Mi sento dire,
pensando ad alta voce,
“Andiamo,  presto,  lunga è la strada del ritorno”.
 

Paolo Santangelo

Se ci sei

Se ci sei batti un colpo
sul dolore del mondo,
facci fuori tutti
che nessuno abbia scampo
se ci sei.

Se ci sei
c’è troppo sole
e se non ci sei
e tutto in questo solo istante
già passato,
allora anch’io
non sono che un sogno
mai sognato,
grumo di vita
mai partorito,
parole mai articolate
se non ci sei.

Se ci sei batti un colpo
chiodo per chiodo
polso per polso
anche per me.

Maria Attanasio

Published in: on aprile 2, 2010 at 07:27  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , ,