Avvolta nel mio sacco a pelo blu a fiori

Questa notte ho sognato di dormire
in un camper senza una parete
non ero sola: diverse persone dormivano
nei campers e nelle roulottes attorno
ero nel mio sacco a pelo blu a fiori
non ho avuto in sogno una casa
né antica né moderna questa volta
questa notte ho dormito sul divano
la tv scordata accesa tutto il tempo ronzava
aprivo gli occhi ogni tanto poi ridormivo
fuori c’è la neve e mi assopisco
come fa la gatta sulla poltrona
nel tempo del letargo come un orso
animale nella tana assaporo il riposo
avvolta nel mio sacco a pelo blu a fiori

azzurrabianca

Notte strana

Sono alla fine del secondo pacchetto,
e forse ne fumerò altre ancora
in questa notte strana che di me
non ne vuole sapere.
Vorrei viaggiare nei sogni che
mi vedono vittima e carnefice,
coraggioso e impaurito.
Questa è una notte strana amica mia,
silenzio ideale per nuova poesia,
pensare a te che lontana mi pensi
e mi scacci.
Pensiero leggero e ingombrante,
essenza di incertezza per te
Notte strana che non vuole essere
nè madre ne culla
Sono fuori dal mondo che aspetto
ogni sera per fermare la morte
che ogni giorno mi entra negli occhi,
nelle orecchie che ha voce di donna,
pianto di bambino, disperazione
di uomini senza patria, senza lavoro.
Maledetta notte che mi ha chiuso fuori
negandomi il suo onirico abbraccio.
Dorme il mio cane sulla poltrona,
ha il muso sereno di chi di una carezza
gioisce, sogna le corse sui prati
chissà se il tuo lume ha smesso di brillare,
se anche tu hai cominciato a sognare
notte strana la mia, dormi tu , dorme
il mio cane…svegli restiamo io e …
questa notte infame.

Claudio Pompi

Guerra, povertà

 
Non ho parole
che non siano già state dette
che non ripetano
ancora e ancora
lo stesso suono senza passione,
senza compassione,
vuote come il cuore
di chi da una poltrona,
un divano,
critica e pianifica e si strugge.
E allora taccio
chè preferirei sentirlo da solo
questo dolore,
che mi pungesse dentro
senza nessuno a guardarlo
senza doverlo commentare
per forza o per apparenza,
perché non ho parole
che non siano solo
aria vibrata
che torna nel vento.

Gian Luca Sechi

Published in: on luglio 31, 2011 at 07:13  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , ,

A Stellina una mattina

 
Ti ho vista là
contro il cielo rosa
nella foschia chiara
immateriale del mattino
.
Sul bordo della poltrona
il tuo profilo si stagliava
rivolto alla luce
al riquadro della finestra
.
Guardavi più in là
immobile e silenziosa
forse anche tu ami i colori
quelle nuvole rosa sull’azzurro
.
O chissà i tuoi occhi
a cosa erano rivolti
se fosse solo una posa
o che mistero ti teneva
.
Stellina mia compagna
di ogni giorno, tu
mi sei sempre vicina
dolcissima micina!

azzurrabianca

Poesia di oggi

Feroci fiumi montani
acque  come sproni
rapide corrono
verso la piana

Sul ponte ogni mattina
transitano donne
con brocche sul capo.
Il bosco, abitazione
fatta di canne
per il boscaiolo
domatore  di zanzare
decapitatore di alberi
in attesa.
Alcune barche
di legno selvatico
cariche di sementi
vanno dove corre
un rumore d’aratri
Dalla mia poltrona
il sole avvolto di piume
accarezza il mio volto
ah, potessi riscaldare
questa  vita
vicino ad un cuore,
intima stufa.
Ecco la sera
che come nave
ancorata di fronte
alla luna
dalla mia finestra
estrae una radice
quadrata
di una meteora.

Marcello Plavier

Dieci minuti prima di sempre

Se la sentissi discorrere, capace
e intanto traversassi lo specchio
e la vetrina,
fino alle chicchere gialle
tra i bicchieri.
Se solo immaginassi la voce, tolti gli anni
e le distanze un tot fatte a campi
e ferrovie.
Diresti che è la stessa bambina color pane,
seconda o terza andata per sposa
la carina.
E le sue trecce farebbero la giostra,
ancora, come bisce nell’aria
e odori
e neve
sarebbero gli stessi dei tempi di Romeo.
Se solo la vedessi con gli occhi dell’amore
sorrideresti al sonno venuto
là in poltrona
dieci minuti prima di sempre
là, vestita
una ciabatta in fronte a quell’altra
il mento in mano.

Massimo Botturi

La fanfara nel cuore


Torno a casa col passo leggero.
Ho ancora negli occhi la risata del giorno,
lieve si spenge nella smorfia
di ciglia aggrottate.
Risplende regina di fiori la sera
sullo scanno adorno di gigli e tulipani,
nell’istante che scompare
l’ultima nube all’orizzonte
suona scherzosa la fanfara nel cuore.
Rimane spalancato l’uscio di casa
è apparecchiata a festa la tavola,
accanto al caminetto dorme
acciambellata la micia sorniona,
al canto del fuoco gli anziani giocano
e pescano carte pesanti dal mazzo,
i bambini si sfidano all’ultimo colpo
in un videogame nuovo, emozionante.
Resto incantata a guardare,
silenziosa mi lascio andare sulla calda poltrona,
per lunghissimi attimi carezzo l’uomo
rimasto senza parole,
da troppo tempo aspettava il sospirato ritorno;
ho nascosto prima d’entrare l’ingombrante valigia,
avrò tempo domani di mettere
i panni ad asciugare al sole.

Roberta Bagnoli

Il tempo che passa


L’orologio scandisce impietoso,
osservando dall’alto
come un paziente avvoltoio,
lo scorrere del nostro cammino.
Le stagioni si ripetono incalzanti,
succhiando gli anni
delle idee e delle voglie,
l’accomodarsi in poltrona
seppellendosi sazi,
la vita che torna
per il vociar dei bambini,
la vecchiaia che incombe
guastando la macchina,
la mente e la voce
che non si capacitano
come possa finire
l’infinito che è in noi,
cercando nell’anima
l’immortalità.

Lorenzo Poggi

Aspettando il ritorno

Le mie mani ti cercano e vuote
tornano al  mio corpo inutile
avvolgendomi vane consolatrici.
Chiuso in loro raccolgo pensieri
seguo tracce d’amore lasciate
ed ascolto l’eco della tua assenza.
Più forte è l’amore che si perde
in breve ed intensa luce prima
come fiamma che stanca si spegne
Buio improvviso nei giorni vuoti
quelli che infilo come perle dolorose
o sgrano come un rosario di attesa
del tuo ritorno per non morire
di rimorsi che nudi si mostrano e
impietosi, dilaniano il cuore.
Riscopro l’amore quando è fuggito
per amore imploro il tuo ritorno
cerco speranze in ogni tua cosa
che immobile mi parla di te.
Accarezzo la tua poltrona vuota
quel bicchiere che mai hai cambiato
dal quale bevevi e sorridente mi porgevi
come per un rito d’amore
Ha ancora il sapore leggero delle tue labbra
quanti bicchieri ho frantumato in te
con il mio io di fredda pietra.
Ho freddo amore fuggito, mi lascio morire
avvinto a me stesso.

Claudio Pompi