L’intorno storico

occhi, solo occhi
per svestire
forme in prossimità
della porta accanto.

occhi, solo occhi
per schiuderla distrattamente:
un affascinante
sole eclissato
dal trambusto di una pausa
investendo
la vita altrui
di cuoio bollente
come una cintura
di afoso marchio proprio,
di moda irrilevante,
di notizia,
di boom saltato in aria.

occhi, solo occhi
nel guardare
la povertà altrui
e dir contenti:
^ non tocca a me! ^

marcisce l’Umano,
insieme all’Altruismo
in un ballo
d’ogni momento
sbirciato…
…. …. ….

intorno a noi.
con una mano
nel portafoglio
da tenere gelosamente
custodito
…. …. …. ….
e l’altra
nell’Indifferenza,
nel Far Finta del Non Vedere.

Glò

Pochi sanno

Ho graffiato gli anni addietro
le mie unghie appiccicate
alle barriere…

| quanti silenzi |

e tu
mi passi attraverso.

Sono il punto di confine tra te
e il mio impossibile…
Non ancora liquescenza
ma in prossimità d’arrivo…
spazio dove pochi sanno
che è là che esisto.

E quando sarà notte
allora….
chissà

se come stella
o altra cosa…

abbracciami a filo di un pensiero,
come se fossi stata storia vera.

Beatrice Zanini