Come volevasi dimostrare

 
In vent’anni la fragile Italietta
s’è ridotta a coriandoli sospesa
dal mondo derisa e vilipesa
s’è affossata a tutta tavoletta.
.
Orge carnascialesche anche in diretta,
figuracce da dignità offesa,
promesse evase con fiducia lesa:
un cocktail nero da crisi perfetta.
.
Ma ora che il carnevale è finito
la quaresima incombe nera nera:
se lo spread cala a un punto più gradito
.
se la finanza si rialza e spera,
cala invece la mannaia sul mito
d’una manovra equa, illusione mera.

Umberto Marinello

Il carnevale continua

Carnevale è passato, ma i nostri amici poeti sono prolifici ed entusiasti, ed hanno ancora in serbo sorprese per allietarci con le loro composizioni giocose che  inneggiano all’allegria ed al buonumore. Ci fa piacere pubblicare comunque i loro lavori, nonostante questo sia un periodo di quaresima (da intendersi in tutti i sensi… purtroppo), ma non sempre è possibile, soprattutto per motivi di spazio.  Le nostre pagine, anche per motivi tipografici, mal si adattano ad ospitare poesie molto lunghe o brevi poemetti, che obbligherebbero il lettore ad una faticosa rincorsa dei versi perdendo magari il filo, il significato e la bellezza complessiva dei testi. E’ per questo motivo, tanto per intenderci, che non vedrete mai pubblicati sul Cantiere nè  “Le bateau ivre” nè i “Sepolcri”!  Sarebbe comunque un peccato penalizzare per motivi di lunghezza chi ha composto brani di più largo respiro e li vuole proporre ai nostri amici. E’ questo il caso del poemetto carnascialesco del nostro Sandrèn, un divertente e divertito monologo d’autore che ha per protagonista (e chi altri se no?) la maschera comica per eccellenza della sua Bologna, il dottor Balanzone. Per dare la possibilità a tutti di gustarlo nella sua interezza abbiamo pensato di inserire qui un link per indirizzarvi alla pagina web che ospita la sua composizione. E’ un esperimento che potremo ripetere anche con altri lavori che per motivi di spazio non possono essere direttamente pubblicati sulle pagine del nostro sito.  Complimentandomi con l’autore per il suo consueto spirito sagace e la sua vulcanica fantasia vi auguro una buona lettura!

Il Cantiere

Ecco il link:

BALANZUNE’ (BALANZONATA) di Sandro Sermenghi

http://docs.google.com/View?id=df5dp7k3_0fb62chfw