Ottobrata

Mai roco mio caro amico, or io marco

Su questa foglia

Palmatolobata

Che anche quest’anno è ricominciata!

E in aria d’aula

Parliamo di poesia

E vien la sera.

E prima di prendere carta lo giuro

Che prenderò Penna e Baffo e Gatto

Oppur Leopardi a mantelli Morelli.

Insegna ad Urbino Umberto Piersanti

Fa endecasillabi a Grazia fra i canti

CIELO/UOMO/TERRA___e Guerra! Guerra? To’-prendi-nino e spara

Marroni di autunno ottobrino… ricciuti marroni, il pane di allora…chepace, nevvero?

IO SON CON MORELLI___la poesia pura…? Ma è il quotidiano!

È udire zirlare frammezzo alle fronde!/ Qualcuno diceva dubbioso chiedeva:

Ma di Barbarossa/ era proprio rossa la barba sommossa? / cheddè chemmi frega!

Non far lo stratega! / teniamoci al quia/ versiam dell’ottobre/ i frati colori/ E andiàmcene fuori!!!

Non è il peripato/ però passeggiamo / faremo anche noi/ la nostra STORIA/

DI CARTA E D’INCHIOSTRO/ PER BUONA MEMORIA/ del nostro Stefano/

Alato MAESTRO/ di estetica!

Sandro Sermenghi

(L’ultima poesia che mi ha mandato, ma ne cercherò altre dappertutto)

La mia amica

 
E’…
 un raggio di sole
nella mia vita,
 
che m’ allevia
la monotonia
del quotidiano
tedioso,
e
mi scalda il cuore…
con un sorriso
 
E’…
un raggio di luna
che m’ inonda
i pensieri,
e
mi pervade …
con  sogni soavi
 
E’…
l’estasi eterea
che m’ invade l’anima,
e
la riempie d’amore
con l’ansia vitale…
 
che mi fa rinverdire

Ciro Germano

Published in: on settembre 30, 2011 at 07:03  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Madre

Vizzo,
sciancato il tuo comò
tarlato
di consuetudini
e pazienza,
tenero acquerello
d’ingialliti volti
in bianco e nero,
poggiolo
di vita fiorita
da Soli
d’altri cieli

E tu, mite
che immergi cenci
nel rustico passato,
impronte scalze,
e tergi il quotidiano
come a pulirne
pallori
e turbate ditate.

Flavio Zago

Azzurri

Gli occhi che, di rimando,
i sogni m’accarezzano,
qualcosa dentro spezzano
il cuore attraversando.

Sotto le ciglia folte,
languidi e intermittenti,
con mille intendimenti
risvegliano sepolte

ansie dimenticate.
Poi, il quotidiano frana
alla potente e strana
forza di due risate.

Azzurri in cielo blu,
profondità ti danno,
e le intenzioni vanno
dove non sono più.

Silvano Conti

Published in: on novembre 16, 2010 at 07:29  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,