Stella cometa

Mìran lo passo tuo mute le stelle,
e’l firmamento di stupor s’incanta,
la maraviglia esclaman le più belle,
che cotànto splendor niùna vanta.

L’empìreo doni d’un brillar preclàro
come l’auròra spème del mattino,
oh cometa, astro del ciel sì raro,
illumini la via verso il Divino.

Mille suonan campane da gran festa
radióse d’emozion per tua carezza
cantan di gioia e con voce dèsta
in còro ad annunziàr giunta salvezza.

Nitóre spandi pel Bambin che nasce
e di fùlgido amor tutto contàgi
Gesù sorride teco tra le fasce
al dondolar cullato dai re magi.

Plàcida sosti all’umile capanna
ove Santa ripara la Famiglia
Maria sussurra dolce ninna nanna
anco per te che sei diletta figlia.

Tu indichi il Natal nell’universo
rallegrar sai quell’anima più buia
la man tua porgi per colui ch’è perso
co’ l’angioli che intonano alleluia.

Gian Franco D’Andrea

Giuseppe e Maria

necessitano un posto per la notte,
sono stanchi, avviliti, intirizziti
in questo freddo intenso di Natale.
Maria è incinta ha i segni del dolore,
Giuseppe la consola,
chiede a tutte le porte delle case
la carità di un posto per dormire…
la gente é indaffarata a preparare
i dolci di Natale non ha tempo,
chiude la porta in faccia ai mendicanti…
cala la notte, la città è deserta,
s’ode nell’aria il soffio di camini
e fumi della notte di Natale…
cade la neve a fiocchi di dolore
Maria ha forti doglie, si rifugia
in un sottopassaggio…
la mezza notte santa al freddo e al gelo
nacque il bambinello, non si accese
una stella cometa,
non vennero i re magi da lontano,
fu un passante per caso l’indomani
trovò Maria Giuseppe e un bambino
morti dal freddo…

Così Gesù bambino a questi tempi
morì assiderato dall’algore
che vige dentro il cuore della gente,
ancora prima d’esser crocifisso.

Giuseppe Stracuzzi

Natale de guerra

Ammalappena che s’è fatto giorno

la prima luce è entrata ne la stalla

e er Bambinello s’è guardato intorno.

– Che freddo, mamma mia! Chi m’aripara?

Che freddo, mamma mia! Chi m’ariscalla?

– Fijo, la legna è diventata rara

e costa troppo cara pè compralla…

– E l’asinello mio dov’è finito?

– Trasporta la mitraja

sur campo de battaja: è requisito.

– Er bove? – Pure quello…

fu mannato ar macello.

– Ma li Re Maggi arriveno? – E’ impossibbile

perchè nun c’è la stella che li guida;

la stella nun vò uscì: poco se fida

pè paura de quarche diriggibbile…-

Er Bambinello ha chiesto:- Indove stanno

tutti li campagnoli che l’antr’anno

portaveno la robba ne la grotta?

Nun c’è neppuro un sacco de polenta,

nemmanco una frocella de ricotta…

– Fijo, li campagnoli stanno in guerra,

tutti ar campo e combatteno. La mano

che seminava er grano

e che serviva pè vangà la tera

adesso viè addoprata unicamente per ammazzà la gente…

Guarda, laggiù, li lampi

de li bombardamenti!

Li senti, Dio ce scampi,

li quattrocentoventi

che spaccheno li campi?-

Ner dì così la Madre der Signore

s’è stretta er Fijo ar core

e s’è asciugata l’occhi cò le fasce.

Una lagrima amara pè chi nasce,

una lagrima dorce pè chi more…

TRILUSSA

Natale

Natale. Guardo il presepe scolpito,
dove sono i pastori appena giunti
alla povera stalla di Betlemme.
Anche i Re Magi nelle lunghe vesti
salutano il potente Re del mondo.
Pace nella finzione e nel silenzio
delle figure di legno: ecco i vecchi
del villaggio e la stella che risplende,
e l’asinello di colore azzurro.
Pace nel cuore di Cristo in eterno;
ma non v’è pace nel cuore dell’uomo.
Anche con Cristo e sono venti secoli
il fratello si scaglia sul fratello.
Ma c’è chi ascolta il pianto del bambino
che morirà poi in croce fra due ladri?

SALVATORE QUASIMODO

Favola del nascimento

FÔLA DLA NÂSIÅN

L êra un fradd ch’al t agranchièva
e la naiv zå la caschèva…
Iusfinàtt, al marangån,
che a Marî ai vlèva bän
e ai filèva in discreziån,
l inparé tótt int un spéll
che lî vêrgin, cån surpraisa,
i êra stè na lûs divéina
ch’la l’avèva méssa in ataisa!
Såura in zîl, da sbarluciåuna,
la cumatta un râz slunghèva,
e dé par dé la s’avsinèva
par fèr lómm al mumänt giósst
ch’l arivé… inarestâbil!
La Marî cån Iusfinàtt
is farménn int na capâna
e is dmandénn in dóvv pugèr
cal Pinén tótt bianc e rôsa
ch’l êra apänna vgnó in tèra
int un fradd acsé canâja.
I al fasénn cån una pzôla,
pò int la gróppia stra la pâja
e par têrmo un bå e un sumâr
ch’i supièvn a tótta bérra.
Iusfinàtt, tótt ’ranzinè,
ûc’ avêrt stèva ala bèda
ch’n arivéss un låuv, na tîgra
a musghèri al Fantulén.
E Marî, dòna al’antîga,
col sô sguèrd d amåur matêren
la fisèva… al Sempitêren!
Quî ed Betlemme, e anc pió dscòst,
cuntadén pastûr munèr e limalén,
i cunsgnénn mócc’ ed regâl,
pò i Rà Mâg’
Melchiorre, Gâsper, Baldasâr
i dpunénn inzäns e ôr e mérra!
Quassta l é una fôla da sêcol cuntè
al mèr ai mónt e int äl zitè
e tótt quant i inamurè
prémma o pò sicuramänt
i la vivràn intensamänt!

§

Era un freddo che ti aggranchiava
e la neve giù cascava…
Giuseppetto, il falegname,
che a Maria voleva bene
e la filava in discrezione,
imparò tutto in un attimo
che lei vergine, con sorpresa,
c’era stata una luce divina
che l’aveva messa in attesa!
Su nel cielo, da ficcanaso,
la cometa un raggio allungava,
e giorno per giorno si avvicinava
per far luce al momento giusto
che arrivò… inarrestabile!
La Maria con Giuseppetto
si fermarono in una capanna
e si domandarono dove posare
quel Piccino bianco e rosa
ch’era appena venuto in terra
in un freddo così canaglia.
Lo fasciarono con una pezzuola
poi nella greppia fra la paglia
e per termo un bue e un somaro
che soffiavano a tutta birra.
Giuseppetto, tutto rannicchiato,
occhi aperti faceva la bada
che non giungesse un lupo, una tigre
a morsicargli il Fantolino.
E Maria, donna all’antica,
col suo sguardo d’amore materno
guardava fissa… il Sempiterno!
Quelli di Betlemme, e ancor più distanti,
contadini pastori mugnai e animalini,
consegnarono montagne di regali,
poi i Re Magi
Melchiorre, Gaspare, Baldassarre
deposero incenso e oro e mirra!
Questa è una favola da secoli narrata
al mare ai monti e nelle città
e tutti quanti gli innamorati
prima o poi sicuramente
la vivranno intensamente!

Sandro Sermenghi

Published in: on dicembre 24, 2009 at 07:25  Comments (1)  
Tags: , , , , , , ,