Ossigeno

 
Pura e immediata
esigenza d’ossigeno
nel respiro che pretendo
lo lascio poi andare
quando arrendo
lascio e prendo
la rinascita di un percorso
eccezionale
che si spinge sulle rotaie
del mio corpo
fin dove stazionare vuole la mente.
.
Vorrei capacità
d’originare agganci con l’ossigeno
per ristrutturare il colore del mio sangue
ma ancora l’aria
ha un riverbero di specchio
esangue.

Aurelia Tieghi

Anno nuovo

 
Anno nuovo
inventario vecchio
senza alcuna scelta
ci ritroviamo a riordinare cassetti
a sfogliare vecchi ricordi
a riesumare antiche speranze
siamo gusci ancora da riempire
pensieri baldanzosi
che sbiadiscono nel lento divenire
danza satura di ore
informe massa di idee
culmine di caos
che non può fare altro
che capovolgersi
quando si tocca l’infimo abisso
la risalita è d’obbligo
che l’augurio non tardi
a spaziare l’orizzonte
che la luce della rinascita
faccia presto a mostrare
il buongiorno nell’armonia
di un canto a più voci
nel respiro della natura
cuore d’amore universale.

Roberta Bagnoli

Suonala ancora

Suonala ancora amico
che hai potere dentro le balere
suonala
la trascinante musica popolare.
Nel mondo del valzer mazurca e tango
hai catturato le note giuste da regalare
agli attimi della passione.
Mio ritrovato desiderio di suono folk
Mia ravvivata cartolina d’esistenza!

Suonala ancora amico
la tua pulsazione vitale
del tuo boom artistico
ballerò colta musicalmente
dalla riva Emiliana
mi trascinerò sulla pista
ebbra di rinascita

Suonala ancora amico
mi è già successo in quel tuo contagio di note
in quel legame di partitura
di ritrovare la tua allegria!

Aurelia Tieghi

(dedicata a L. Marcheselli musicista folk)

La Pasqua di un popolo

Rimbrotti
al calar della sera

uno strisciar di ricordi fatui
uno stormire in testa
nella primavera
di rondini in volo

un’assenza presenza
nel migrar del pensiero
lo sbocciar
dei teneri germogli

annuncio di vita
nel suo continuar
lo scandir di campane
rinascita
la Pasqua di un popolo

Maristella Angeli

Primavera

Dolce neve di petali bianchi
trasportati dal dolce vento
che lieve accompagna

danza profumata di primavera
che all’unisono la natura
risveglia
nel rinnovato rito
di corteggiamenti e serenate

il verde prato
e le gemme innalzate
alla rinascita

fiori di pesco
con il color delle guance
di neonata che nasce

Maristella Angeli