Quel tuo sguardo

Tu sai leggere i fiori
e non ti vanti.
.
Non so dove trovi l’azzurro
quando i chiodi ringhiano
e ci morde la sera
aguzza.
.
E te ne vai d’un sorriso…
A te da retta il vento,
lo annodi alle foglie pargole
e inventi musica
tra roghi di nulla.
.
Poi mi dici le mani.
.
Il mio profilo resterà
tra i tuoi occhi
e a malapena conosco
i primi versi,
l’incanto,
nella mia creta nera.

Stefano Lovecchio

Published in: on gennaio 1, 2012 at 07:24  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Fahrenheit 451

 
Risplendono fiamme
nell’est del paese.
.
Ritorna il ricordo
di roghi passati,
accesi da chiese
nefaste ed oscure.
.
D’Egitto Cirillo
bruciò biblioteca
e santo lo fece
il clero di poi.
.
 Così come tutti
tiranni del mondo
Benito con Adolf
bruciarono libri
assieme a Francisco,
temendo cultura.
.
Così anche oggi
ripete la storia
la lega padana.
Distorce il passato,
 inventa regioni.
Di scomodi libri
farà delle pire.
.  
Ma ancora son vivi
quegli uomini libro,
memoria di tutto
sapere del mondo
 e ultimo sogno
d’un viver civile.

Piero Colonna Romano