Destino e libero arbitrio

 
Ecco quel che idearon,
antichi savi greci,
per fiabe raccontare
a lor concittadini:
.
Clothò tesseva un filo.
Làchesis l’avvolgeva
attorno al corpo umano
e vita gli donava.
In tempo stabilito,
Atròpos,  con cesoia,
quel filo recideva,
ponendo fine al duolo.
.
Ma tutta questa storia,
da saggi progettata
per ingannar balordi,
ebbe un  proseguimento.
.
Un giorno in Palestina
da immacolata nacque
uomo pien di carisma
ed ordine rimise.
Lui vide l’ingiustizia
ed elencò peccati
regole e norme emise.
Conformemente visse.
.
Però per gli altri il cuore
avea d’amor stracolmo,
così  regole e  norme
flessibili egli rese.
Donò libero arbitrio
a tutti i suoi seguaci.
Di questi fu la scelta:
seguirle o interpretarle.
.
Ma ci pensò Ireneo,
alcuni anni dopo,
a sceglier tra i vangeli
quelli più confacenti,
più convenienti a chiesa
allora in formazione.
Suggestionar le  menti
 serviva a quel potere.
 .
Così,  frammezzo a tanti,
scelse quelli opportuni,
quelli  magnificanti
l’umanità del Cristo.
Degli altri documenti,
parlando di scintilla,
un grande rogo fece.
.
Chiesa volle premiarlo
rendendolo suo padre.
.
Ma il tempo galantuomo,
tra Nag Hammady e Qumran
ci rese quei volumi
facendoci più edotti.
.
Così potremo sceglier
tra umanità e divino,
tra libero pensiero
e sorte d’altri scritta.

Piero Colonna Romano

Schizofrenia

 
Chi vive in me
oltre il velo di Maia?
Bianca pagina aspetta
e invano aspetterai
che, come un guanto,
io rivolti il mio inconscio.
La mente,  pigra
chiude i suoi occhi al dubbio
per non soffrire;   eppure
come alterne stagioni
ineluttabilmente
affiorano emozioni… opposte;
umiltà  e presunzione,
altruismo e insofferenza
scaldano e intirizziscono
questo mio cuore.
Misteriosa scintilla
che attivi od interrompi
i circuiti d’amore
chi ti dà vita?
Quale atipica cellula
della grigia materia
mi snatura a tal punto
da confonder chi sono?
Solitudine,  è in me
fardello…….eppure scelta,
la ripudio e la inseguo
è prigione e libertà.
Bramo la tenerezza,
ma di leggerla temo
dentro ai suoi occhi;
la disprezzo e la fuggo:
Insondabile psiche!
Potrà mai mente umana
misurare l’inconscio?
Dagli abissi i concetti
affiorando scolorano
restan vuote parole,
frammentari rigurgiti
della schizofrenia.

Viviana Santandrea

Precarietà

Precario è il giorno quando il sole oscilla
tra fitti cirri e nere turbolenze,
precari son gli arrivi e le partenze
se al treno non gli arriva la scintilla.

Precari sono l’uomo e la sua vita
se non son stimolati dal lavoro.
È un mal che non s’attacca mai a “loro”
con la carriera addosso ben cucita.

Precarietà, ormai sei lo spauracchio
che su di noi incombi come un corvo
che aspetta di beccarci cupo e torvo:
ci fai campane senza più il batacchio.

Armando Bettozzi

O capo insanguinato

O HAUPT VOLL BLUT UND WUNDEN

O Haupt voll Blut und Wunden,

Voll Schmerz und voller Hohn,

O Haupt, zum Spott gebunden

Mit einer Dornenkron;

O Haupt, sonst schön gezieret

Mit höchster Ehr’ und Zier,

Jetzt aber höchst schimpfieret:

Gegrüßet sei’st du mir!

Du edles Angesichte,

Davor sonst schrickt und scheut

Das große Weltgewichte,

Wie bist du so bespeit!

Wie bist du so erbleichet!

Wer hat dein Augenlicht,

Dem sonst kein Licht nicht gleichet,

So schändlich zugericht’t?

§

O capo insanguinato del dolce mio Signor,

di spine incoronato, straziato dal dolor:

perché son sì spietati gli uomini con Te?

Ma sono i miei peccati! Gesù, pietà di me.

O Volto sfigurato da immani crudeltà,

le piaghe han oscurato l’augusta Tua beltà:

infondi in me una stilla di sangue redentor,

accendi una scintilla d’amore nel mio cuor.

Signore, dolce Volto di pena e di dolor,

o Volto pien di luce, colpito per amor.

Avvolto nella morte, perduto sei per noi.

Accogli il nostro pianto, o nostro Salvator.

Nell’ombra della morte resistere non puoi.

O Verbo nostro Dio, in croce sei per noi.

Nell’ora del dolore ci rivolgiamo a Te.

Accogli il nostro pianto, o nostro Salvator.

JOHANN SEBASTIAN BACH 

(dalla Passione Secondo Matteo, Corale 63)

Miracolo

Andava da Betania a Gerusalemme,
oppresso anzi tempo dalla tristezza dei presentimenti.
Un cespuglio prunoso sull’erta era riarso,
su una vicina capanna il fumo stava fermo,
l’aria era rovente e immobili i giunchi
e immota la quiete del Mar Morto.

E nella sua amarezza che contendeva con quella del mare,
andava con una piccola folla di nuvole
per la strada polverosa verso un qualche alloggio,
in città, all’incontro coi discepoli.

E così immerso nelle sue riflessioni
che il campo per la melanconia prese a odorare d’assenzio.

Tutto tacque. Soltanto lui là in mezzo.
E la contrada s’era abbattuta nel sonno.
Tutto si confondeva: il calore e il deserto,
e le lucertole e le fonti e i torrenti.

Un fico si ergeva lì dappresso
senza neppure un frutto, solo rami e foglie.
E lui gli disse: «A cosa servi?
Che piacere ne ho della tua rigidità?

Io ho sete e desiderio, e tu sei uno sterile fiore,
e l’incontro con te è più squallido che col granito.
Oh, come sei increscioso e inutile!
Resta così, dunque, sino alla fine degli anni. »
Per il legno passò il fremito della maledizione
come la scintilla del lampo nel parafulmine.
E il fico fu ridotto in cenere.

Avessero avuto allora un attimo di libertà
le foglie, i rami, le radici e il tronco,
le leggi della natura sarebbero potute intervenire.
Ma un miracolo è un miracolo e il miracolo è dio.
Quando siamo smarriti, allora, in preda alla confusione,
fulmineo ci raggiunge di sorpresa.

BORIS LEONIDOVIČ PASTERNAK

Buco nero

M’accosto attento e lentamente al centro,
all’anima del cosmo e attendo,
che s’insinui luce al nero buco,
per rischiarare orditi mai svelati.

Fagocita, inghiotte, infinito pozzo,
ogni scintilla, ogni pensiero e ingrossa
come se fosse indubbio, certo,
d’assimilare tutto l’universo.

Ora conosco, io, questo segreto,
e corro, corro, urlo e mi dispero,
ora so che tutto l’intelletto
in quell’oscuro foro andrà a finire.

Stremato, poi m’accascio sulla spiaggia,
e da una stanca luna illuminato
riordino tutto il mio creato,
e al freddo cielo entropico lo dono

Flavio Zago

Published in: on marzo 12, 2012 at 07:17  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Stella cadente

 
Luce limpida che accarezza il cielo,
scintilla notturna che traspare nel vento,
compagna di sogni e speranze…
Illumini il buio del mio cuore
guidandomi verso il sole del mattino.
Ed è così che, nel cuore della notte,
la mia anima ridisegna un nuovo cammino

Annalisa Savarese

Published in: on marzo 10, 2012 at 07:04  Comments (8)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Scintilla

A ridosso d’ogni novella notte
al crepuscolo dei tardi pensieri
un ricordo resiste oltre, lontano.

Di passo in passo incede quieto
bussa paziente che gli si apra
e di senno si schiude il bocciolo.

Snudasi la memoria ai rimpianti
in paura di vedersi felici quando
sprezzate si ebbero le ore sane.

Vacilla ora l’estremo esiguo
brandello di gioia smarrita,
sciupata scintilla di vita tutta.

Daniela Procida

Published in: on febbraio 2, 2012 at 07:21  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Attendo

Attendo…ma cosa attendo?
Forse ancora una scintilla
uno spruzzo di colore
un pizzico d’illusione
che riscaldi il gelo
dell’inverno nel mio cuore…
Attendo…
Forse due note stonate
da porre sul rigo
di un pentagramma
da rifare…
Attendo….
E nell’attesa forzata
respiro di fantasia
del mio immaginario
viaggi e panorami
da fotografare
Attendo
Nel mio limbo
ancora una speranza
una certezza , una vita
da ricominciare…

Beatrice Zanini

Orizzonte


Il mare e il cielo
stasera son neri
come la pece
sembrano foglio
dipinto tutt’uno
ma a ben guardare
scorgo una piccola
fioca scintilla
è la cruna di un ago
ed io sottile divento
sono filo che passa
e sparisce beata
là in quella fessura.

Tinti Baldini

Published in: on novembre 9, 2009 at 09:50  Comments (4)  
Tags: , , ,