Io e te…

Io e te…
persi in un mondo troppo distante
fatto di suoni e pensieri diversi,
dove i sentimenti si perdono tra nebbie
che avvolgono fin nel profondo
anche il più rumoroso silenzio.

Io e te…
tra falsità e maldicenze,
solitudini ricercate e volute
espresse con parole ingannatrici
ad emulare il canto delle sirene
tra immagini che scorrono lente.

Io…
per giorni e notti alla ricerca
di colori sbiaditi tra la malinconia
che costella di frammenti la vita,
come sabbia che scorre in una clessidra
per ricordarmi che il tempo non lo vivrò con te…

Patrizia Mezzogori

Fare buchi nel marmo

Fare buchi nel marmo
per sfogare il mio dolore
per tutti i vuoti e le mancanze
un foro perchè manca il lavoro
uno per il vuoto lasciato da un ideale caduto
uno per chi non ha da mangiare
uno per chi non trova amore
uno per un qualcosa perduto
uno per il suo sguardo smarrito
uno per tutte le solitudini del mondo
un foro che vada così a fondo da arrivare
all’altro lato e farsi luce

azzurrabianca

Published in: on Mag 21, 2012 at 07:46  Comments (10)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Sempre

Ho scritto dell’alba,
del tramonto,
del vecchio albero,
della vecchia casa
lontana da tutti,
ma da tutti amata,
ho scritto degli affanni
mai superati,
delle illusioni, dei sogni
mai realizzati.

Ho scritto del mare,
delle sue immensità,
dei suoi silenzi.
Ho scritto del male,
dei soprusi, delle violenze
antiche e moderne.

Ho scritto di libertà,
di inciviltà,
di abbandoni e di solitudini.

Non ho scritto di te,
sempre presente,
nel male e nel bene,
ma mi sei testimone
ed è come tu abbia scritto con me.

Gavino Puggioni

La notte dell’anima

Il faro del molo
attira solitudini
Poeti sulle terrazze
muoiono nel mare
Barche lontane
attendono vite
Il vuoto
uccide la notte.

Simone Magli

Published in: on aprile 22, 2012 at 06:55  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , ,

…Ecco

la mattina mi chiama
dall’alto dell’oceano
putrida di odori
d’ antiche solitudini

Ed ecco
ne risponde il cuore
in rapidi battiti
tremebondi
in trasparenza all’anima

Silvano Conti

Published in: on marzo 3, 2012 at 07:14  Comments (4)  
Tags: , , , , , , ,

Dedicato a…

Fuori dai cinque sensi conosciuti
l’ho incontrato nell’età giovanile
e con lui mi è parso
di aver sempre viaggiato.
Certo, qualche sbandata
l’ho presa anch’io
incrociando vie dedicate,
amore, silenzi, solitudini,
percorse nel sole e nell’ombra
ma niente di grave o irreversibile.

Da adulto,
percorsi umani,
di azione e di pensiero
dove la leggerezza dei passi
ascoltava l’eco del tempo,
quello andato e quello a venire.
Ma lui, ormai conosciuto dai più,
ormai abbandonato da tanti,
mi ha guidato e mi ha illuminato
in quello stretto sentiero,
sì, quello suo,
del senso della vita,
senza il quale l’andirivieni umano
non avrebbe mai avuto il giusto significato,
il gusto dolce-amaro del vivere comunque,
alla luce del Sole
e della sua amica Luna,
essendo sempre
sembrando mai.

Gavino Puggioni

Dov’eri, Dio

T’ invocavo
nel tempo dell’oblio
quando vomitavo
dolore
e l’anima lacerata
cadeva a brandelli.
Fuggii
sulla zattera
dei disperati
su mari di solitudini
cercando
spiagge parlanti.
…ora so
che solo Tu
mi hai amato.

Graziella Cappelli

Published in: on luglio 3, 2011 at 07:40  Comments (12)  
Tags: , , , , , , , , ,

Storie

Il giorno che perdetti le chiavi
ebbi misura, di scale fredde
e luce rimossa.
Più di un’ora
permisi al nostro inverno
passaggi sciagurati;
ruppe le labbra e interi quaderni del bambino
che mi credevo d’essere ancora:
un rosso mite
senza ferite fonde
né amare solitudini sepolte dentro il corpo.

Massimo Botturi

Published in: on luglio 3, 2011 at 06:56  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , ,

Violini

Basta
una costola d’acero montano,
una scheggia d’ebano
perché nelle rosse solitudini
degli abeti
rinasca
l’anima tersa.

Anileda Xeka

Published in: on dicembre 18, 2010 at 07:00  Comments (4)  
Tags: , , , , , ,

Non esistere

Non esistere
eppur
camminare
per anonime vie
tra civili
sazi cassonetti.
Porti
sacchetti di solitudini
inciampi
in divieti.
Sciamano
auto altezzose,
gagliardi semafori
sogghignano
sbarrandoti il passo.
All’angolo
tendon la bocca
macchinette
mangiasoldi
vanitose vetrine
mostrano ciò
che…non vuoi.

Graziella Cappelli

Published in: on luglio 17, 2010 at 07:31  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , , , ,