Innamòrati

 
Innamòrati  di un sorriso
di un somaro che non sappia contare i baci,
innamòrati di un’idea
e fa che non sia solo tua,
innamòrati del mare
quando dentro si tuffa il sole,
innamòrati di un uomo
che sappia chiedere perdono,
che abbia sempre monetine in tasca
e milioni di sogni in testa.
Innamòrati di un dolore ed accoppialo col tuo,
non nascerà un grande amore
ma qualcosa di più che è la compassione,
e con passione vivi i giorni
e riposa l’anima nelle notti fredde,
pòrtati a letto milioni di parole sotto le coperte
saranno cenere o sconforto.
Innamòrati di quello che hai da dire
ma non trovi mai il tempo,
impara a memoria il nome delle tue paure,
pàssatele tra le dita come grani di un rosario,
questo è il conto da pagare
per ogni risata, per ogni pazzia,
anche la poesia ha un prezzo
ma nessuno sa quale sia.

Maria Attanasio

Il faro


Rincorro la Poesia e ho il fiato in gola
mi accuso e mi punisco: – Gran somaro! –
quindi sebbene i miei pensier si sgolano
avanzo a ricercare il fior più raro.
Poi palpitante assisto alla gran fola
che sviscera il docente e vedo il faro
di lettere-parole che s’involano
e fra il verde di sfondo un almo maro.
… e un tavol sparecchiato e una bottiglia,
lì goderecci e immersi in uliveto
immagini rotonde voci e risi,
scendendo dalle nuvole al concreto,
incerti causa un’ansia che ci piglia,
c’immoleremo magici e… narcisi!

Sandro Sermenghi

Favola del nascimento

FÔLA DLA NÂSIÅN

L êra un fradd ch’al t agranchièva
e la naiv zå la caschèva…
Iusfinàtt, al marangån,
che a Marî ai vlèva bän
e ai filèva in discreziån,
l inparé tótt int un spéll
che lî vêrgin, cån surpraisa,
i êra stè na lûs divéina
ch’la l’avèva méssa in ataisa!
Såura in zîl, da sbarluciåuna,
la cumatta un râz slunghèva,
e dé par dé la s’avsinèva
par fèr lómm al mumänt giósst
ch’l arivé… inarestâbil!
La Marî cån Iusfinàtt
is farménn int na capâna
e is dmandénn in dóvv pugèr
cal Pinén tótt bianc e rôsa
ch’l êra apänna vgnó in tèra
int un fradd acsé canâja.
I al fasénn cån una pzôla,
pò int la gróppia stra la pâja
e par têrmo un bå e un sumâr
ch’i supièvn a tótta bérra.
Iusfinàtt, tótt ’ranzinè,
ûc’ avêrt stèva ala bèda
ch’n arivéss un låuv, na tîgra
a musghèri al Fantulén.
E Marî, dòna al’antîga,
col sô sguèrd d amåur matêren
la fisèva… al Sempitêren!
Quî ed Betlemme, e anc pió dscòst,
cuntadén pastûr munèr e limalén,
i cunsgnénn mócc’ ed regâl,
pò i Rà Mâg’
Melchiorre, Gâsper, Baldasâr
i dpunénn inzäns e ôr e mérra!
Quassta l é una fôla da sêcol cuntè
al mèr ai mónt e int äl zitè
e tótt quant i inamurè
prémma o pò sicuramänt
i la vivràn intensamänt!

§

Era un freddo che ti aggranchiava
e la neve giù cascava…
Giuseppetto, il falegname,
che a Maria voleva bene
e la filava in discrezione,
imparò tutto in un attimo
che lei vergine, con sorpresa,
c’era stata una luce divina
che l’aveva messa in attesa!
Su nel cielo, da ficcanaso,
la cometa un raggio allungava,
e giorno per giorno si avvicinava
per far luce al momento giusto
che arrivò… inarrestabile!
La Maria con Giuseppetto
si fermarono in una capanna
e si domandarono dove posare
quel Piccino bianco e rosa
ch’era appena venuto in terra
in un freddo così canaglia.
Lo fasciarono con una pezzuola
poi nella greppia fra la paglia
e per termo un bue e un somaro
che soffiavano a tutta birra.
Giuseppetto, tutto rannicchiato,
occhi aperti faceva la bada
che non giungesse un lupo, una tigre
a morsicargli il Fantolino.
E Maria, donna all’antica,
col suo sguardo d’amore materno
guardava fissa… il Sempiterno!
Quelli di Betlemme, e ancor più distanti,
contadini pastori mugnai e animalini,
consegnarono montagne di regali,
poi i Re Magi
Melchiorre, Gaspare, Baldassarre
deposero incenso e oro e mirra!
Questa è una favola da secoli narrata
al mare ai monti e nelle città
e tutti quanti gli innamorati
prima o poi sicuramente
la vivranno intensamente!

Sandro Sermenghi

Published in: on dicembre 24, 2009 at 07:25  Comments (1)  
Tags: , , , , , , ,