Luce dei miei giorni

E’ che so amarti
nel sorriso d’una lacrima
che,
fuggendo,
si lascia
rimboccare da morsi
d’abbagli continui…

avvolgendomi
di tua presenza
la mia vita
nei millesimi
di tempi diversi
diventa eterna

nel trovarti
riscopro
cerchi intoccabili
di futuri
a venire
in soluzioni
diversificate…

E’ un semplice spessore
vissuto
accanto ad un ieri
mai pensato…
e nemmeno sperato
nel tocco di profumo
diventato nostro.

Glò

Published in: on febbraio 13, 2012 at 07:46  Comments (9)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Tracce

Lasciano di sè indelebile traccia
il vento la pioggia anche lenti
privi di spessore molli incolori.
Quando costanti
su fogge rocciose e sculture
fin giù nel ventre
erodono il tempo che durano.
Non l’emozione il corpo
l’anima miei
che ti varcano d’alito affine
camminano dentro liberi
per volermi tu ricevere,
solo strusciano mai incidono
calco o mero alone
del loro passaggio
quand’anche l’amante che sei
tenero intenso vellutato
imprime di rose scarlatte
un fascio
sul mio assiduo paziente
pulsare in te, per te.

Daniela Procida