Abbracciare un albero

Ho preso il borsellino dalla mia tasca, ieri
ed ho versato in terra gli spiccioli rimasti
della mia infanzia ancora ostinata
e ridanciana.
Quattro monete perse di luce
grani opachi, che con un piede ho fatto da parte.
Dopo questo
mi sono allontanato sul colle degli ulivi
là dove una linguaccia di lago mi veniva
a incidermi negli occhi promiscuità felici
schiamazzi, e vogatori di lena.
Ho aperto il cuore
per far uscire gli ultimi istanti
ed ero solo.

Massimo Botturi

Al poeta

Non cerco approvazione
prostituendo la mia mente
per due soldi di gloria
gettati dall’ alto come
spiccioli ad un barbone
solo per toglierlo
di torno e guardare altrove.
Più alta
è la mia mira
avvicinarmi a Dio
creando in voi la vita
che sto provando io
travolto da un pensiero
che saprebbe di assoluto
se non fosse che poi scritto
è tuttaltro che infinito.

Gian Luca Sechi

Published in: on giugno 20, 2011 at 07:15  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Nel ghetto della paura


Sei luna di marmo
quando rifiuti sogni mirabili
e ti cristallizzi in spiccioli
di gelida rassegnazione.
Sei sole di fuoco
quando sciogli col canto
sulle labbra il triste gelo
e corri incontro alla vita
fino a consumarti piedi e mani.
Sei raggio di vento
bocciolo di rugiada
ansa ancora da scoprire,
porto da lambire.
Sei paglia da incendiare
sei vino nel calice di pace
sei acqua inconsumata,
infinita, sapiente
sei luce nel chiostro solitario
sei ombra nella calura d’estate
sei muro di cemento,
quasi incrollabile.
Sei tutto questo e ancor di più
ma non sei niente
se togli all’altro il diritto alla vita
se neghi al fratello la speranza
se ignori il rispetto
ed isoli i diversi nel ghetto
della tua stupida paura.

Roberta Bagnoli

Panem et circenses


Pioggia

stillicidio di idee di nubi

grigio per tutti, il mondo,

io

studio i démoni comprando ciondoli,

denari e spiccioli

recanti immagine dei dittatori

di turno  pluri-assassini:

milioni in croce di prigionieri

ridotti in schiavi

e combattenti nel Circo Grande

rosse le arene del loro sangue;

“il vulgo langue di povertà:

panem et circenses”.


Greve

la pioggia

per tutti, il mondo,

lordo di Capi che sono

immondi,

nero di più

diventa un bòlide

e cade

piombo.

Paolo Santangelo

L’autunno dei poeti

Spiano gli spiccioli in tasca
la mano che raccoglie
sotto la pioggia
le foglie mute
che diverranno diamanti.

Anileda Xeka

Published in: on giugno 5, 2010 at 07:35  Comments (5)  
Tags: , , , , , ,

L’anima del poeta

Sei poeta
non ho detto medico,
né insegnante, né operaio.
Ho pronunciato
infausta parola:
poeta,
cantore del tempo
che spendi in sospirati spiccioli,
felice e consapevole
del tuo ingrato destino.
Sei polso fremente della terra,
attento ne tratteggi sottili venature,
sei interprete analitico, sensibile
degli umori incomprensibili dell’anima,
dei suoi impossibili voli
ne fai piuma corposa,
t’illudi di salvare il mondo,
alla fine ti contenti di offrire
una semplice stanzetta con vista
sull’immacolata, incresciosa
e scomoda vetta.

Roberta Bagnoli