Come volevasi dimostrare

 
In vent’anni la fragile Italietta
s’è ridotta a coriandoli sospesa
dal mondo derisa e vilipesa
s’è affossata a tutta tavoletta.
.
Orge carnascialesche anche in diretta,
figuracce da dignità offesa,
promesse evase con fiducia lesa:
un cocktail nero da crisi perfetta.
.
Ma ora che il carnevale è finito
la quaresima incombe nera nera:
se lo spread cala a un punto più gradito
.
se la finanza si rialza e spera,
cala invece la mannaia sul mito
d’una manovra equa, illusione mera.

Umberto Marinello

Me chiamo Spread

Me chiamo Spread…Sto a ffavve cacà sotto…
Io sò er Primula Rossa de oggiggiorno
che mó ce sto…sparisco…e a l’improviso
ve zompo addosso e ve fo strigne er mazzo.

Nun è pe ddì…ma quanno arivo io,
pòi èsse ricco, anzi, un gran nabbabbo,
ma si li conti nun ce l’hai a posto,
te faccio prima diventà de ghiaccio,
cor viso bianco peggio de un lenzòlo,
e poi n po’ sur violetto…rosso…blu…
poi bianco n’antra vòrta e senza fiato,
co er rischio che te pija er coccolone.

Ve metto tutti quanti a pecorone,
ve pijo a schiaffi, ve riduco a pezzi,
ve fo sgonfià la tronfia che ciavete,
ve posso fà zompà lo Stato intero,
perché m’avete sottovalutato:
nun me ve sete proprio mai filato,
e invece èccome qua, che…nun ve piacio?
Ma infino a mmó…nun me ce credevate…
Sperperavate tutte le ricchezze
convinti de la bècera certezza
che nisuno…ve se poteva fà…
E mó…io me ve faccio, sissignori!
Così imparate a vive a na magnera
più adatta….senza fà li spennaccioni,
e accontentannove – che n v’ariempite mai,
sti pozzi senza fonno! – Mó, giù ar fonno
ce state e ce restate, e ricacate
li sòrdi che ve sete strafogati!
Corpa…nun corpa… Chi ‘n ce ll’ha sta corpa,
che se la vada a pijàssela co chi
la corpa sua, avoja, si cell’ha!…

E nun sto a ddì sortanto a chi a rubbato!…
ma puro a ognuno che pe avé er potere,
ha rigalato!…Ha spalancato porte…!
Ha fatto carte farze…ha inciuciato…
ha chiuso l’occhi…firma subbapparti,
strapaga co li sòrdi che la ggente
ha sparambiato in anni e anni e anni,
e a chi, ‘nvece de fà da sé le còse,
le deve falle fà a li Professori,
che allora, llà, che cacchio ce sta a ffà,
si poi er risurtato è questo qua?

Armando Bettozzi

Natale 2011

 
Era rassicurante il professore
voce pacata spiegava il percorso
irto di sacrifici certo, ma…
sempre contrassegnato da equità
.
pareva un padre e a quel sano rigore
cui da tempo non si era abituati
ormeggiammo la barca alla deriva
pronti a remare uniti con vigore.
.
Presto vedemmo che non dei marosi
dovevamo temere, bensì monti
dapprima tre, ora ne basta uno
a rendere più dura la scalata
a una ciurma provata dal digiuno
spinta a remare debole e affamata.
.
Se lo spread cresce e rischiamo il default
è urgente agire, non por tempo in mezzo
così è più semplice se a pagare il prezzo
sono i soliti noti che a Natale
davanti alla vetrina illuminata
sospireranno: “Ha da passà ‘a nuttata!”

Viviana Santandrea

Auguro a tutti un felice Natale e un futuro più lieto!   Viviana

GUERRA FINANZIARIA

SPREAD SPREAD SPREAD

BTP BTP

BUND BUND BUND BUND

EUROBOND

BOT BOT BOT                                  bund bund bund

FUZZIMIB FUZZIMIB

BTP BTP BTP BTP BTP

BOT BOT

                 GOVERNANCE

              SPREAD SPREAD SPREAD SPREAD SPREAD 

 

BUND BUND BUND

BOTBOTBOTBOT                               BOT BOT

BUUUUND Buuund BUUUND

m-e-r-c-a-t-o  i-m-m-o-b-i-l-i-a-r-e

BOT BOT BOT BOT BOT

Sssssssssspread

BTP BTP BTP     btp btp btp

FuuuuuuuuuZZIMIB                    BUND BUND BU000ND

Bot bot

BOT BOT BOT

Eurobond

Fuuuuuuzzzziiiiiiiimiiiiiiiiibbb

SSSSSSSSSSSSSSPPPPPPPPPPPRRRRRRRRRREEEEEEEEED

BBBUUUUUUNNNNNNDDD

azzurrabianca

Published in: on dicembre 15, 2011 at 07:28  Comments (11)  
Tags: , , , , , , ,