Guerra e pace

Tra maglie impigliate
di cerchi carnivori
che vanno
fino alle latitudini polari
e di meridiani trasversali
che strappano agli urli
carne viva,
la bilancia che pesa
le distanze
accomuna le specie
per l’affannoso errare
alla ricerca
della supremazia.
L’uomo che detiene
lo stile di ciascuno,
alleggerisce il peso
fabbricando
il sangue dell’agnello
per lavare,
la pace del piccione
per volare.

Giuseppe Stracuzzi

…Perugia

Di te dirò
sole e concrete trasparenze
: archi austeri
su scale infinite.

Di te dirò
con le fatiche
il solo canto del cuore
fra i vicoli angusti
e le smancerie.
E gli autobus stracolmi
di carne in scatola
le luci i lustrini
bocche piene di patate
convenevoli
sorrisi di routine
desideri esposti
su vetrine colorate.

Biscotti di miele
         apparenze salvate.

Di te dirò il fiele
Il look lo stile
le vuote sparse antiche memorie

Perugia
i piccioni
l’effimero
Il gel

Silvano Conti

Questione di stile

Non ci dona
i suoi effluvi
il fiore d’oblio.
Il senso s’inchina
il cuore tumultua,
Zarathustra
pontifica e parla
e promette
un bel niente.
Le elegie
ci corteggiano
e non sapersi
accontentare
è l’originale condanna:
la pena
d’infinite ricerche
la dannazione
di riscontri mai avuti.
Un dado lanciato
saprà solo dai tuoi occhi
se ha vinto.

Isole di carta, lo so
i diari incipriati,
e Monna Lisa,
ciocche avvoltolate,
segue un presente,
che si muove per lei.
Il passo si fa corto
il pane un po’ più amaro
e sempre più spesso
il mio tempo andante
non si fa storia,
facendomi sposare
lo stile volgare
degli infelici.

Flavio Zago

Si fa sera

L’ombra stanca sale
lungo vertigini di monti,
il viandante
sospeso tra guerra e pace
ritira le truppe di memorie
e torna a fortilizio con la fretta
di consegnare prima di partire
il compito assegnato
per non rischiare il fiuto di mastini
che potrebbe inseguire
all’altro lato..
Ora il tempo è scaduto,
aggiunge il nome,
marca un’altra sconfitta
sul diario…
nella biblioteca dell’archivio
dove giace la serie
contraddistinta di scaffalature
la risposta
a questo circolare di sembianze
è la parola amore
che si dipana nello stile aperto
senza orizzonte.

Giuseppe Stracuzzi

Bianchi ed inchiostri


Ed anche quest’anno il drago Astrellini
ci ha ordinato di scriver l’ottava
così son gito a comprare pennini
mentre la mente mi si riscaldava:
poi ho cominciato a metter vicini
bianchi ed inchiostri con gran voluttà: va
ovunque ascoltato il nostro istruttore
giacché ci riempie di lirica il cuore!
E mentre faccio uno studio accanito
vengo a conoscere il mio idioletto
bernesco stil rincorrente l’ambito
successo: un comporre ancora imperfetto
che fra un’apostrofe ed un “Infinito”
cerca strada per salire sul set: toh
ecco là Mery Astar Treppi e Giuliano
eroticamente con penna in mano!
E il pensiero se ne va fatalmente
allo spettacolo dell’anno scorso
che ci vide declamar con mordente:
non vogliam vendere la pelle dell’orso
ma sarà certo una sera gaudente
che accenderà rossa fiamma nei cor: so
è certo che lasceremo l’evento
leggeri e pronti per il firmamento!

Sandro Sermenghi

(N.d.r.:   non so come andrà quest’anno, ma il premio Navile per la Poesia del 1993 fu vinto dal libro che compare nell’illustrazione in alto… se aguzzate la vista vedrete di chi si tratta…)