Universo

 
Godere, dell’inverso aperto
UNIVERSO
perfetto, vecchio saggio
che poggi sulla distesa
della tua genesi
vibrante d’energia, senza tempo.
Contemplo
ciò che m’assorbe
ESISTENZA
mi accende lo sguardo
 assimilo un tutto.
La forza creativa arriva
dalla  tua valle solitaria
dove straripano supernove
nello scintillio d’argento vivo
 mi ruota l’infinitesimale.
ETERNITA’
mai ti negherò,
chissà, forse poi scorrerò
nel cerchio dell’anello
come un fiume cosmico.

Aurelia Tieghi