Cantavano le donne

EXPOSICION   (Pange lingua gloriosi corporis misterium)

Cantaban las mujeres por el muro clavado
cuando te vi, Dios fuerte, vivo en el Sacramento,
palpitante y desnudo, como un niño que corre
perseguido por siete novillos capitales.

Vivo estabas, Dios mío, dentro del ostensorio.
Punzado por tu Padre con aguja de lumbre.
Latiendo como el pobre corazón de la rana
que los médicos ponen en el frasco de vidrio.

Piedra de soledad donde la hierba gime
y donde el agua oscura pierde sus tres acentos,
elevan tu columna de nardo bajo nieve
sobre el mundo de ruedas y falos que circula.

Yo miraba tu forma deliciosa flotando
en la llaga de aceites y paño de agonía,
y entornaba mis ojos para dar en el dulce
tiro al blanco de insomnio sin un pájaro negro.

Es así, Dios anclado, como quiero tenerte.
Panderito de harina para el recién nacido.
Brisa y materia juntas en expresión exacta,
por amor de la carne que no sabe tu nombre.

Es así, forma breve de rumor inefable,
Dios en mantillas, Cristo diminuto y eterno,
repetido mil veces, muerto, crucificado
por la impura palabra del hombre sudoroso.

Cantaban las mujeres en la arena sin norte,
cuando te vi presente sobre tu Sacramento.
Quinientos serafines de resplandor y tinta
en la cúpula neutra gustaban tu racimo.

¡Oh Forma sacratísima, vértice de las flores,
donde todos los ángulos toman sus luces fijas,
donde número y boca construyen un presente
cuerpo de luz humana con músculos de harina!

¡Oh Forma limitada para expresar concreta
muchedumbre de luces y clamor escuchado!
¡Oh nieve circundada por témpanos de música!
¡Oh llama crepitante sobre todas las venas!

§

Cantavano le donne lungo il muro inchiodato
quando ti vidi, Dio forte, vivo nel Sacramento,
palpitante e nudo come un bambino che corre
inseguito da sette torelli capitali.

Vivo eri, Dio mio, nell’ostensorio
trafitto da tuo Padre con ago di fuoco,
palpitando come il povero cuore della rana
che i medici mettono nel fiasco di vino.

Pietra di solitudine dove l’erba geme
e dove l’acqua scura perde i suoi tre accenti,
alzano la tua colonna di nardo sotto la neve
sopra il mondo che gira di ruote e di falli

Io guardavo la tua forma deliziosa fluttuante
nella piaga d’oli, nel panno d’agonia,
e socchiudevo gli occhi per centrare il dolce
tiro a segno d’insonnia senza un uccello nero

E’ così, Dio accorato che voglio averti,
tamburello di farina per il neonato
brezza e materia unite in espressione esatta,
per amore della carne che non sa il tuo nome.

E’ così, forma breve d’ineffabile rumore,
Dio in fasce, Cristo minuscolo ed eterno,
mille volte ripetuto, morto, crocifisso
dall’impura parola dell’uomo che suda.

Cantavano le donne nell’arena senza guida,
quando ti vidi presente sopra il tuo Sacramento
Cinquecento serafini di splendore e colore
nella cupola neutra gustavano il mio grappolo

O Forma consacrata, vertice dei fiori,
dove tutti gli angoli prendono luci fisse
dove numero e bocca costruiscono un presente
corpo di luce umana con muscoli di farina!

O Forma limitata per esprimere concreta
moltitudine di luci e clamore ascoltato
O neve circondata da timpani di musica!
O fiamma crepitante sopra tutte le vene!

FEDERICO GARCIA LORCA

(da Oda al Santisimo Sacramento del Altar – Traduzione di Marcello Plavier)

Kancer

Scavano il grembo
della terra trapanando
timpani d’eco assuefatti;
raccolgono frutti
della sua scorza ammalata
ingoiandone gusti precari,
senza futuri certi d’astratti cibi;
affresco tempestoso
di faraonici ricchi moderni
nell’era del nuovo “era” imperfetto
senza sosta l’America tossisce
e all’europeo sanno diagnosticare
letale cancro ai polmoni;
troppo fumo tra le distese
d’evacuate emozioni…
e la terra (quasi)
implode tra i suoi stessi peccati.

Glò

Published in: on ottobre 8, 2010 at 07:13  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il ritmo nel tempo

Il tempo incalza e ignora
Il mio ritmo rallentato, eppure io lo sento.
Flebile e indeciso, ha voce di bambino
impaurito
e vorrebbe dar vita a un desiderio ..
Scalcia dentro nei miei timpani
s’affaccia e poi rientra
nel suo labirinto …

Beatrice Zanini

Published in: on luglio 15, 2010 at 07:13  Comments (3)  
Tags: , , , , , ,

Se fosse

 

Se fosse oltre oceano
lo sentirei
quel suono di cembali
di timpani dorati a squillo
lo farei entrare come sempre
aprirei il battente ben oliato
e lo socchiuderei piano
per lasciare note attorno
sommesse a chi vuole
ma non lo sento
dove trovare le musiche
di strada
ragazzi sfavillanti
a maglia a strisce
dove vagabondare
se le strade affollate
sono deserti e
il cielo sopra è nero
l’odio copre volti e ragione
e non c’è posto per il mio
cappello a punta
la sottogonna rossa
e il mantello fuxia?
Non mi resta che
lavorar parole
solleticare lemmi
trascinare sillabe
lambire la A
gustarne il sapore
e cercare dentro
il mio amico
che è lì
in attesa di
cantare.

 Tinti Baldini

Published in: on dicembre 22, 2009 at 07:00  Comments (5)  
Tags: , , , , , , ,