Il fantasma del parco “La Tesoriera”

 
Una vecchia cappella sconsacrata
venne alla luce
nel parco di Torino: senza entrata.
Era murata.
Dentro le ossa, con capelli biondi.  
.
D’Irene si scoprì una sedicenne
soave, in rito
del demonio: delle mani assassine
forse una sètta,
che l’immolò su quel perverso altare.  
.
Ora si senton nella notte strani
strusciar di ferri,
la fecero morir di sete e fame.
Potente entità
non trova ancora pace nell’Eterno…  
.
S’immobilizza il cane del custode
di quella villa,
chiamata  Tesoriera, in una stanza
vento di gelo,
in un’Estate torridassolata.  
.
Trova alfine pace, vergin fanciulla,
fiore di stella,
che incessante vendetta ancor ti move,
non rivelarti
più ai tuoi Pievani: cessa l’azione.  
.
Nel nome del Signore, che ti vide
morir di stenti.
Gli assassini son stati trucidati,
dalla giustizia
popolana, ed il demonio sconfitto.  
.
Anche stavolta.

Paolo Santangelo

Torino

Quante volte tra i fiori, in terre gaie,
sul mare, tra il cordame dei velieri,
sognavo le tue nevi, i tigli neri,
le dritte vie corrusche di rotaie,
l’arguta grazia delle tue crestaie,
o città favorevole ai piaceri!

E quante volte già, nelle mie notti
d’esilio, resupino a cielo aperto,
sognavo sere torinesi, certo
ambiente caro a me, certi salotti
beoti assai, pettegoli, bigotti
come ai tempi del buon Re Carlo Alberto…

“…se ‘l Cônt ai ciapa ai rangia për le rime…”
“Ch’a staga ciutô…” – “‘L caso a l’è stupendô!…”
“E la Duse ci piace?” – “Oh! mi m’antendô
pà vaire… I negô pà, sarà sublime,
ma mi a teatrô i vad për divertime…”
“Ch’a staga ciutô!… A jntra ‘l Reverendô!…”

S’avanza un barnabita, lentamente…
stringe la mano alla Contessa amica
siede con gesto di chi benedica…
Ed il poeta, tacito ed assente,
si gode quell’accolita di gente
ch’à la tristezza d’una stampa antica…

Non soffre. Ama quel mondo senza raggio
di bellezza, ove cosa di trastullo
è l’Arte. Ama quei modi e quel linguaggio
e quell’ambiente sconsolato e brullo.
Non soffre. Pensa Giacomo fanciullo
e la “siepe” e il “natìo borgo selvaggio”.

Come una stampa antica bavarese
vedo al tramonto il cielo subalpino…
Da Palazzo Madama al Valentino
ardono l’Alpi tra le nubi accese…
È questa l’ora antica torinese,
è questa l’ora vera di Torino…

L’ora ch’io dissi del Risorgimento,
l’ora in cui penso a Massimo d’Azeglio
adolescente, a I miei ricordi, e sento
d’essere nato troppo tardi… Meglio
vivere al tempo sacro del risveglio,
che al tempo nostro mite e sonnolento!

Un po’ vecchiotta, provinciale, fresca
tuttavia d’un tal garbo parigino,
in te ritrovo me stesso bambino,
ritrovo la mia grazia fanciullesca
e mi sei cara come la fantesca
che m’ha veduto nascere, o Torino!

Tu m’hai veduto nascere, indulgesti
ai sogni del fanciullo trasognato:
tutto me stesso, tutto il mio passato,
i miei ricordi più teneri e mesti
dormono in te, sepolti come vesti
sepolte in un armadio canforato.

L’infanzia remotissima… la scuola…
la pubertà… la giovinezza accesa…
i pochi amori pallidi… l’attesa
delusa… il tedio che non ha parola…
la Morte e la mia Musa con sé sola,

Ch’io perseguendo mie chimere vane
pur t’abbandoni e cerchi altro soggiorno,
ch’io pellegrini verso il Mezzogiorno
a belle terre tiepide e lontane,
la metà di me stesso in te rimane
e mi ritrovo ad ogni mio ritorno.

A te ritorno quando si rabbuia
il cuor deluso da mondani fasti.
Tu mi consoli, tu che mi foggiasti
quest’anima borghese e chiara e buia
dove ride e singhiozza il tuo Gianduia
che teme gli orizzonti troppo vasti…

Evviva i bôgianen… Sì, dici bene,
o mio savio Gianduia ridarello!
Buona è la vita senza foga, bello
godere di cose piccole e serene…
A l’è questiôn d’ nen piessla… Dici bene
o mio savio Gianduia ridarello!..

GUIDO GOZZANO

 

La mia città


La mia sità
bela e superba
pronta a giutè e
stermè ‘l magon,
an sle nebie legere as cun-a
dzura a nivila ‘creusa
el ciel as fà reusa
na cioca ‘s desvia cantand
as conto con deuit
ij seugn ed la neuit

S’avisca la colin-a
che da regina
ant el Po a specia
soa superbia
a s’ambarda con deuit
per tuta la neuit
ed caresse e basin
la bela Turin

La mia città
bella e superba
pronta all’aiuto
nascondendo l’angoscia
con le nebbie leggere si culla
sopra una nuvola profonda
il cielo si fa rosa
una campana si sveglia cantando
si contano con garbo
i sogni della notte
S’accende la collina
che da regina
nel Po si specchia
la sua superbia
vestita elegante
per tutta la notte
di carezze e baci
la bella Torino.

Marcello Plavier

Published in: on febbraio 15, 2010 at 07:22  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , ,

…Ma lo sai

Torinonapoli

Ma lo sai che
a volte mi passa in testa
come quelle nuvole
a Parigi goffe e paffute
una gran voglia scalpitante
da cavalla giovane
di venire lì da te
come cosa che
non va perduta
e ti fisso dal terrazzo
tra la iucca e l’ulivo
senza vederti
e racconto
di quella volta che
mentre fumavo
mi sono bruciata
i capelli e le paure
guardando Torino
chiara e leggera
verso cena
e intanto
credo
passa il tuo
di tempo
a sentirmi

ed io che ti ascolto
dovrei avere il mare
negli occhi
e liberare ombre
oltre il mio dolore
dovrei aspettarti all’orizzonte
asciugarti il sudore
della lunga
cavalcata
portarti tra i vicoli
senza paura
se la paura non fosse
nostro pane quotidiano
dissimulato con caffè e sigarette
dovrei
parlarti nel mio dialetto
pieno di tronche
e tu capiresti perchè
scansiamo i vivi
ma commemoriamo i morti.

Tinti Baldini e Maria Attanasio

Published in: on ottobre 31, 2009 at 08:08  Comments (2)  
Tags: , , , ,