Guerre

Pulpito di un tempo
a dichiarare guerre fratricide
balconi aggiunti ad edilizia
come cuori gelati

crimini di guerra
stanze chiuse da muri
segnati da graffiti
prigioni, urla non ascoltate

libertà conquistata
e morti dimenticati
nella nebbia del tempo
croci sussurrate

Maristella Angeli

Padre

Conoscevo un uomo:
naso lungo intenditore di anime,
occhi umidi di cervo e severe parole;
come scoppio di temporale
nella mia alba azzurra
le sua urla fugaci e le risate piene,
poi caldo sole da guardare di lontano.
Marinaio spavaldo cavalcò il deserto,
l’Africa conquistò e l’Africa riperse;
cento sguardi di donna a seguirlo
come magnete di bussola:
a molte la rotta concesse
ma da una sola fu catturato.
Re della casa e re della foresta
una saggia regina lo vegliava,
Dorothea, dono di Dio, a lui donata
come è Donata la mia paziente sposa.
Gli anni leggeri scesero piano
ad imbiancargli la fronte china;
sciolta la neve in lacrime
nell’ultima fatica d’amore
restituì quel dono alla regina muta.
Se ascolto bene nel mio stanco viaggio
oggi di tanto in tanto posso sentire
tra il salso odor dell’Adriatico
quella voce ancor sonora e gaia
che il vento porta a consolarmi il cuore.

Massimo Reggiani

per cento anni e per sempre (22/4/1911 – 24/4/1991)

Terremoto a Tokyo

Terribili scosse
uno tsunami
a distruggere Tokyo

restano detriti
urla, pianto
disperazione

il dramma
nei visi composti
devastazione

il silenzio straziante
dei petali di ciliegio
negata primavera

una preghiera
il pensiero vicino
soffoca il pianto

resta il ricordo
lacrime
che volano

Maristella Angeli

Notte d’amore

Gocce di silenzio
si spengono
nelle carni infuocate.

Il desiderio traccia urla
tra le lenzuola deste
della notte

e nella luce dei miei occhi
divengono stelle
i baci languidi
ad ogni assetato sorso
del tuo corpo-universo.

Anileda Xeka

Published in: on maggio 17, 2010 at 07:07  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,