Davvero

Davvero verranno ancora giorni di perdono e di grazia

e camminerai nel campo come l’ingenuo viandante.

La pianta dei tuoi piedi nudi accarezzerà i fili d’erba,

e le sommità delle spighe ti pungeranno, e la loro puntura sarà dolce,

oppure la pioggia ti sorprenderà, con la massa battente delle sue gocce

sulle spalle, sul petto, sul collo e ti rinfrescherà il capo.

Davvero camminerai ancora nei campi e la quiete si diffonderà in te,

respirerai il profumo del solco trovando pace a ogni respiro

vedrai il sole nello specchio della pozza dorata

le cose e la vita saranno semplici e sarà permesso toccarle

e sarà permesso, permesso, permesso amare.

Camminerai nei campi da sola,

non ti brucerai nella vampa degli incendi,

in strade indurite dal terrore e dal sangue.

E con cuore sincero sarai di nuovo umile e docile

come un filo d’erba, come un essere umano,

cui è permesso, permesso, permesso amare.

 

LEAH GOLDBERG

No non aggiungerò

No non aggiungerò nuova legna
al fuoco lasciamo
che la legna che già c’è si consumi
a poco a poco
che la vampa si trasformi a poco a
poco in brace
ed io e te zitti – seduti
uno a fianco dell’altro – dal fondo
buio della sala a guardare
spegnersi finalmente anche
quella.

GIORGIO BASSANI

Published in: on gennaio 14, 2012 at 07:33  Comments (5)  
Tags: , , , , , ,

L’organo

 
 
 
Suona un organo
nella cattedrale
vuota.
Si scioglie
il cielo d’inchiostro
colando sulle pareti
marmoree.
Una vampa
mi scuote
ai toni bassi e solenni
che irrompono
in ogni ricettacolo
innalzando
l’anima.

Graziella Cappelli

Published in: on ottobre 5, 2011 at 07:28  Comments (16)  
Tags: , , , , , , , ,

Tu sei la nuvola della sera

Tu  sei la nuvola della sera

che vaga nel cielo dei miei sogni.

Io ti dipingo e ti  modello

con i miei desideri d’amore.

Tu sei mia, solo mia,

l’abitatrice dei miei sogni infiniti!

I tuoi piedi sono rosso-rosati

per la vampa del mio desiderio,

spigolatrice dei miei canti al tramonto!

Le tue labbra sono dolci-amare

del sapore del mio vino di dolore.

Tu sei mia, solo mia,

abitatrice dei miei sogni solitari!

Ho oscurato i tuoi occhi

con l’ombra della mia passione,

frequentatrice della profondità

del mio sguardo!

T’ho presa e ti stringo,

amore mio,

nella rete della mia musica.

Tu sei mia, solo mia,

abitatrice dei miei sogni immortali!

RABINDRANATH  TAGORE

Ti vidi piangere

I saw thee weep — the big bright tear
Came o’er that eye of blue;
And then methought it did appear
A violet dropping dew—
I saw thee smile — the sapphire’s blaze
Beside thee ceased to shine;
It could not match the living rays
That fill’d that glance of thine.

As clouds from yonder sun receive
A deep and mellow dye,
Which scarce the shade of coming eve
Can banish from the sky—
Those smiles unto the moodiest mind
Their own pure joy impart;
Their sunshine leaves a glow behind
That lightens o’er the heart.

§

Ti vidi piangere: la grande lacrima lucente
Coprì quell’occhio azzurro
E poi mi parve come una viola
Stillante rugiada.

Ti vidi sorridere: la vampa di zaffiro
Accanto a te cessò di brillare;
Non poteva eguagliare i raggi che affollavano
Vividi quel tuo sguardo.

Come le nubi dal sole lontano
Ricevono un colore intenso e caldo
Che a stento l’ombra della sera vicina
Può cacciare dal cielo,

Quei sorrisi infondono nell’animo
Più triste gioia pura;
Il loro sole lascia dietro un fuoco
Che risplende sul cuore.

GEORGE GORDON BYRON

Ritorno

È tornata la rondine
dalle ali falcate.
Sta ricostruendo il nido
sotto il portico
vicino allo sportello
del bancomat.
Non le interessano
i marchingegni elettronici,
né tanto meno il denaro.
Ha scelto bene:
il nido è sempre
in fresca ombra
e i piccoli non soffriranno
la vampa della rovente estate.
Tra non molto
cinque bocche affamate
strilleranno disperate
ai continui voli
dell’operosa madre.
La gente passa,
guarda in alto
e sorride.

Nino Silenzi

Published in: on dicembre 9, 2010 at 07:21  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Il paradiso sui tetti

Sarà un giorno tranquillo, di luce fredda
come il sole che nasce o che muore, e il vetro
chiuderà l’aria sudicia fuori del cielo.

Ci si sveglia un mattino, una volta per sempre,
nel tepore dell’ultimo sonno: l’ombra
sarà come il tepore. Empirà la stanza
per la grande finestra un cielo più grande.
Dalla scala salita un giorno per sempre
non verranno più voci, né visi morti.

Non sarà necessario lasciare il letto.
Solo l’alba entrerà nella stanza vuota.
Basterà la finestra a vestire ogni cosa
di un chiarore tranquillo, quasi una luce.
Poserà un’ombra scarna sul volto supino.
I ricordi saranno dei grumi d’ombra
appiattati così come vecchia brace
nel camino. Il ricordo sarà la vampa
che ancor ieri mordeva negli occhi spenti.

CESARE PAVESE

Osteria flegrea

Come assidua di nulla al nulla assorta

la luce della polvere! La porta

al verde oscilla, l’ improvvisa vampa

del soffio è breve.

Fissa il gufo

l’ invidia della vita,

l’ immemore che beve

nella pergola azzurra del suo tufo

ed al sereno della morte invita.

ALFONSO GATTO

Published in: on giugno 15, 2010 at 07:28  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,