Il restauratore

Il restauratore ha ricordi da micromosaici
tesserine cocci d’anima
dei colori inventati dal cielo
come i tramonti
e le albe
che sono sempre loro
manòn … ma non sono mai uguali…
come i fiori 
che tu sai tagliare quando…
quando ancora non sono… 
nel tuo vaso d’ingresso…
tu sei il Restauratore
tu sai rincollare i cocci e l’amore.

Enrico Tartagni

Published in: on luglio 9, 2012 at 07:38  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,

Non esiste metro di fallimento

se [non] sai da dove nasce.

L’infanzia, qui, non c’entra.

E’ in età matura
che si aprono le porte
delle proprie fusioni insolventi.

L’infanzia, qui, non c’entra.

Nella vita ti foderi
di tasselli mancanti
in continuo (forse), sperato divenire.

Il baratro è un metro di misura
che vive di continua valutazione
ispiratoria, sognante, idealizzante.

Le braccia si arrampicano
scivolose
raccogliendo(si) dagli specchi.
Nonostante tutto.
Son consapevolezze.
Lasci alle spalle l’infanzia
e cresci sui [tuoi] profumi.
Salvando il fiore, il suo stelo.
Compreso le spine che t’illudi
di aromatizzare nei colori.
Nei colori nel tatto.
Nel [suo] vaso di puro germoglio.

L’adolescenza [non] c’entra.

-Son nuove strade, nuovi cementi.
senza fiori/odori-

Le scelte iniziano ad essere soggettive
oggettivamente osservate
da chi si prende cura di te
anche col solo pensiero
di pensare a te.
In concreta assenza.

S’inizia a bollire la [s]bronza
dove l’infanzia c’entra
ma senza fallire la conquista
d’un essere “costruzione”.

Camminando ancora,
seguendo l’invisibile oggettivo
che ti ha reso
colui a cui gli altri non interessa,
colui a cui l’umano non sa entrare.

Glò

Presente

Togliere da un vaso
quella rosa ormai secca
farla entrare nel cuore
affinché riviva per sempre
spandendo il suo profumo
fin dentro i pori della pelle.

Colorare di presente
una foto ormai sbiadita
su quella mensola
impolverata dal tempo.

Camminare su una strada
non ancora percorsa
lasciando nuove impronte.
Le tue.

Sandra Greggio

Published in: on marzo 23, 2012 at 06:57  Comments (13)  
Tags: , , , , , , , , , , ,

Porporina

Arrivi in punta di piedi
                con un respiro
e mezzo battito del cuore.
Non hai lancette che segnano il tuo tempo
                 entri piano
con un sacchetto vuoto e l’altro pieno.
Mi offri manciate di parole
sigillate  in ceralacca
                 colorata,
poi richiudi l’altra porta
dai battenti bronzo oro
e stai sospeso in doppio salto
                 a malapena,         
ed un vaso rinfrescato in porporina
                 sotto braccio.

Beatrice Zanini

Il vaso

C’è un piccolo amico
nascosto nel mio taschino
che porto sempre con me
quando vado a passeggio
sugli asfalti assolati della vita
Se parlo o rido
lui ascolta in silenzio
e sente passare la gente
mentre fingo interesse
al confuso brusio della strada
oppure sonnecchia
e si accomoda piano
in un fresco giaciglio di pensieri

Ma un mio palpito può risvegliarlo
e accende di stelle i suoi occhi
ad ogni tuo incontro prezioso e raro
Allora gli freme dentro
quella voglia di uscire
portando di corsa il suo vaso
E’ una coppa di pura bellezza
una giara ricolma di baci
da versarti e con quelli coprire
le tue ciglia curiose del mondo
e ogni ciocca mossa dal vento
e poi calde le tue mani d’avorio
con le dita dalle unghie gentili
e se mai ne avanzassero ancora
tutte di baci riempire
le piegoline del tuo sorriso

C’è un piccolo uomo
proprio lì sul mio cuore
Ogni volta rimane rinchiuso
schiacciato e senz’ali
sul fondo di un alto taschino
Quando vai e mi saluti
lui resta abbracciato a quel vaso
carezzandone il chiuso sigillo
Poi ritorna al suo posto
a nascondersi quieto
nel confuso brusio della strada.

Fabio Sangiorgio

Un fiore rosso

Un fiore rosso
in un vaso d’argilla
collocato sui gradini d’una casa
d’un vecchio borgo maremmano.

Una farfalla
corteggia le corolle
e sul calice si posa.

Un raggio di sole l’accarezza
e dà colore
alle sue ali ondeggianti
al vento.

La tristezza d’una giornata opaca
si colora di luce
ed accarezza il cuore.

Salvatore Armando Santoro

Anima

Il vaso che t’ho donato
t’ho detto
abbine cura!
Gli hai appena
dedicato uno sguardo
e l’hai posato
in bilico
tra le correnti
finchè un soffio
l’ha spinto in frantumi
e ogni pezzo
si è nascosto
così in fondo
negli angoli bui
dove gli occhi
non arrivano e io
ci ho provato,
devi credermi,
a sistemarlo
e a quante ho
chiesto un aiuto:
un pezzo in una vecchia canzone
un pezzo in un quadro oscuro
un pezzo in una foto sbiadita
e tutti quelli che ritrovo
in un profumo, un rumore
in ogni mia poesia.

Gian Luca Sechi

Published in: on novembre 23, 2010 at 07:27  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Tulipani


Sul poggiolo del desiderio
frantumo, incauto
il vaso del tempo
in cocci di nostalgia.
Ne colgo lieve il tocco
di tulipani sfatti,
velluto pesca
di baci sfioriti.
Lacrime aguzze
feriscono allora
impronte a ritroso.
Sanguina triste
una carezza appassita

Kinita e Flavio

Ora, puoi dare la tua sentenza

Per uccidere un fiore
e seppellirlo
bastano
le forbici di vento
o un vaso
di coccio arruginito
o di cristallo
sopra un tavolo
Per conoscere me
che da sconosciuta
di giungo
ti basterà chiudere gli occhi
per un attimo
e sentire un ago pungente
insinuarsi tra unghia e carne.
(Sai quanto male fa?)
Sono troppo stanca per mentirti
l’unica mia fede è la croce
che mi porto nel cuore

Anileda Xeka

Published in: on ottobre 5, 2010 at 07:36  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Non succede nulla

proprio nulla.
Tutto mi tace attorno
e addosso.
Dalla finestra aperta
mi schiaffeggiano i cinguettii
e non sento sulle guance,
accendersi un’ incendio
o d’una candela flebile,
del suo spegnersi,
l’ alito.
Quest’alba mi ha uccisa
nell’ora in cui
si misurano le distanze
tra il mio cuscino
e l’altro – vuoto
nel quale affondare
per salvarsi
eppur …
in qualche paese remoto
ho ancora un vaso di cristallo
per quelle gocce di papavero
che mi fan pulsare l’ala.

Anileda Xeka

Published in: on agosto 21, 2010 at 07:36  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,