Zirudella della Vaccamatta

ZIRUDÈLA DLA VACAMATA

 
Zirudèla a una fantèsma
d’editåur ch’l’um fa vgnîr l’èsma,
gnint recâpit o letûr,
abunè, baiûc e unûr!
Diretåur Gino Duprè
ch’l’é ardupè in mèz dla strè,
Cló ch’al scrîv sta Vacamata
(ch’ai trarêv una zavâta!)
ló as firmé Banmodabån
e sunâi, ste gran minciån,
Pannadóca e infén Filfrén
tant ch’am véns un mèz smalvén;
pò con Lèctor e Mike Hatt’
l’um fé avrîr al rubinàtt!
Diziunèri e lîber rèr
a druvé par dezifrèr,
par risòlver gl’insgunbiè
e al mesâg’ tótt quant zifrè!
In ajût am vens la Lidia
Lanzarén, che trè l’aczîdia
– s’êren vésst la sîra prémma
pr una zanna can la rémma –
l’am lasé in segreterî
d’avàir dscuért la gióssta vî!
Zirca egli óng’ i êren dla sîra
quand curiåus pió d na braghîra
cminzipié la ciacarè
cun la Lidia, tante inpgnè
int l’arspàndrum ai quisît,
ch’la dscurèva quant dîs prît!
Dapp pió ed trantanôv minûd
am scapé dû trî stranûd
e gli uràcc’ infuganté
svélt la Lidia a ringrazié.
Pò am fiché int la cultûra
e a zarché int la spartûra,
in cantéina int i scatlón
dovv a téggn i lîber bón,
in campâgna ai Prè ed Cavrèra
da mi ziéina pêrla rèra,
par truvèr un alfabêt
ch’s’arvi§éss al quèsi grêc
adruvè int la Vacamata
dal furbàtt ch’al crûv la pgnâta.
Guèrda e zàirca quand eurèca,
bvûda adèsi una ciuféca,
al conpiùter a pensé
e a quî dl’Enel al taché!
Dantr a un mócc’ ed scarabâtel
dapp a Uórd, Fàil e Carâter
zónt in Sìmbol l’um fó cèr
che al furmànt l’era in granèr:
“Int al vèsper dal dsnôv d mâz,
quand s’avséina l’ùltum râz,
Cló l’arîva intànt ch’ai pâsa,
dnanz a la Madòna Grâsa,
ed San Lócca la Madòna
ch’pôrta piôva ed aria bôna!”
E a la Lidia ed Lanzarén,
masstra ed cinno grand e cén,
che dal grêc l’avé l’idéa
i é da fèri… un’epopéa!
Quand fó vèner dsdòt ed mâz
am sintèva mât cme un sdâz:
bôna nôva, mé a pinsé,
parché zêrt, arêv zurè,
l’Ebdromedèri é arivè!
zà int la pòsta andé d vulè
e int na bóssta pajaréina
i era al “Fói” ed chèrta féina,
mo int la pàgina secånda
n’i era brîsa gnanc un’ånda
dal mesâg’ tótt quant zifrè
che mé asptèva! E acsé intignè
l’indmàn sîra in Saragoza
dnanz ala Madóna Grâsa
drétt smagnåus a srêv andè
pr incuntrèr… l’Innuminè!
Mai dîr gât s t an l’è int al sâc,
e al progèt l’andé a tarsâc,
parché al sâbet la mi amråusa,
che mé ai fîl par fèrla spåusa
fén da quand fónn in America
dantr a Disni in teleférica,
la mi amràusa quand l’um vdé
biånda e sacca la cmandé:
“Al Salån dal Pass Zelèst,
môvet, svélt, ch’al n’é pió prèst!”
A cal pónt l’um fó inpusébbil
cgnósser cl’Èser Invi§ébbil
haccatìtipi://Bim.tu/
vacamata – ch’i én pió ed dû? –
che in bulgnàis al fà la gâta
e al mitrêv “só par la râta”,
e ch’al dscårr d Bonzi e Biancån
cm’ed Rufén, Pzôl e zambån;
dla batâglia dal Primèr
ed Gîg Longhi al marinèr,
dal “spziarî” ed Nén Marcàtt
o ed Zarvlè nostr architàtt;
pò ed Nasìca détt Majàn
cme d’Ermete, Tstån e Uriàn,
ed Gandåulf ch’l’avèva al Cåurs
e dla Flèvia dla vî dl’Åurs!
Dal teàter pr al dialàtt
Cló as fà un trésst mègher quadràtt;
dla prunónzia ed zért atûr,
di chepcómic e di autûr,
Cló as in dîs d tótt i culûr:
a san pròpi armès al bûr!
Un mazlèr o un chepstaziån,
Gianni o Ànzel, cal “Sdundlån”,
Adri o Elio cal “Maicàtt”:
mo chi él ste “Fapugnàtt”?
Él Carpàn cantànt bagiàn,
o él Tén barzlatta in man?
Fôrsi é Sandro opûr Vidèl,
o un sugèt ed S. Rafèl?
Mo s’al fóss Lîvra Gigèn
Cló ch’l’ha l’èpis birichén?
Oh! i é un grâs tåurd ch’l’ûrla e al zîrla,
dånca qué l’é åura ed finîrla!
Zért ai é di èter scritûr
in bulgnài§, str’al cèr e al bûr,
mo quall ch’vèl l’é avàir na vétta,
col conpiùter só in sufétta
o nés pr aria in strè Mazåur,
in dialàtt e con dl’amåur!
Pò ed Budri in Piaza bèla
toc e dài la zirudèla!
 

§

Zirudella a una fantasma
d’editore che mi fa venir l’asma,
niente recapito o lettori,
abbonati, soldi e onori!
Direttore Gino Delprato
ch’è nascosto in mezzo alla strada,
Colui che scrive sta Vaccamatta
(che gli tirerei una ciabatta!)
lui si firmò Benmadavvero
e scemo, sto gran minchione,
Pennadoca e Fildiferrino
tanto che mi venne un mezzo malore;
poi con Lector e Michele Cappellaio
mi fece aprire il rubinetto!
Dizionari e libri rari
consultai per decifrare,
per risolver le incrociate
e il messaggio tutto cifrato!
In soccorso mi venne la Lidia
Lanzarini, che gettata l’accidia
– c’eravam visti la sera prima
per una cena con la rima –
mi lasciò in segreteria
d’aver scoperto la giusta via!
Circa le undici eran di sera
quando curioso più d’una pettegola
cominciai la chiacchierata
con la Lidia, tanto impegnata
nel rispondermi ai quesiti,
che parlava quanto dieci preti!
Dopo oltre trentanove minuti
mi scapparno due tre sternuti
e con le orecchie infuocate
svelto la Lidia ringraziai.
Poi mi misi nella cultura
e cercai dentro la madia,
in cantina negli scatoloni
dove tengo i libri buoni,
in campagna ai Prati di Caprara
da mia zia donna preclara,
per trovare un alfabeto
che rassomigliasse al quasi greco
adoperato nella Vaccamatta
dal furbetto che sta in camuffa.
Guarda e cerca quando eureka,
bevuta adagio una ciofeca,
al computer io pensai
e a quelli dell’Enel lo attaccai!
Dentro a un mucchio di carabàttole
dopo Word, File e Caratteri
giunto in Symbol mi fu chiaro
che avevo trovato la soluzione:
“Al vespro del 19 maggio,
quando s’avvicina l’ultimo raggio,
Colui arriva mentre passa,
davanti alla Madonna Grassa,
di San Luca la Madonna
che porta pioggia ed aria buona!”
E alla Lidia Lanzarini,
maestra di bimbi grandi e piccini,
che del greco ebbe l’idea
c’è da farle… un’epopea!
Quando fu venerdì 18 maggio
mi sentivo matto come un setaccio:
buona nuova, io pensai,
perché certo, avrei giurato,
l’Ebdromedario è arrivato!
Giù nella posta andai di volata
e in una busta paglierina
c’era il “Foglio” di carta fine,
ma nella pagina seconda
non c’era neanche un’onda
del messaggio tutto cifrato
che io aspettavo! Ed irritato
l’indomani sera in Saragozza
dinanzi alla Madonna Grassa
dritto agitato sarei andato
per incontrare… l’Innominato!
Mai dir gatto se non l’hai nel sacco,
e il progetto andò a catafascio,
perché il sabato la mia amorosa,
che io filo per averla sposa
fin da quando fummo in America
dentro a Disney in teleferica,
la mia amorosa quando mi vide
bionda e secca comandò:
“Al Salone del Pesce Azzurro,
muoviti, svelto, che non è più presto!”
A quel punto mi fu impossibile
conoscere quell’Essere Invisibile
http://Beam.to/
vacamatta – che sono più di due? –
che in bolognese sta sornione
e lo metterei “su per la salita”,
che discorre di Bonzi e Bianconi
come di Ruffini, Pezzoli e Zamboni
della battaglia del Primaro
di Luigi Longhi il marinaro,
delle “spezie” di Nino Marchetti
o di Cervellati nostro architetto;
poi di Nasìca detto Majani
come d’Ermete, Testoni e Oriani,
di Gandolfi che aveva il Corso
e della Flavia di via dell’Orso.
Del teatro per il dialetto
Colui ci fa un triste magro quadretto;
della pronuncia di certi attori,
dei capocomici e degli autori,
Colui ce ne dice di tutti i colori:
siamo proprio rimasti al buio!
Un macellaio o un capostazione,
Gianni o Angelo, quel “Perdigiorno”,
Adri o Elio il “Villanello”:
ma chi è questo “Prendingiro”?
È Carpani cantante baggiano,
o è Tino barzelletta in mano?
Forse è Sandro oppur Vitali,
o è un tipo di S. Ruffillo?
Ma se fosse Lepri Luigino
Colui che ha il lapis birichino?
Oh! c’è un grasso tordo che urla e zirla,
dunque qui è or di finirla!
Certo ci sono degli altri scrittori
in bolognese, sull’imbrunire,
ma ciò che vale è avere una vita,
col computer su in soffitta
o naso per aria in strada Maggiore,
in dialetto e con dell’amore!
Poi di Budrio in Piazza bella
toc e dai la zirudella!
 

Sandro Sermenghi

Published in: on febbraio 10, 2012 at 07:10  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Zirudella a Fausto e a Zuffi

ZIRUDÈLA  A  FAUSTO  E  A  ŽOFF 1

Zirudèla a mi anvudéin
Fabio ch’l’é un bel birichéin
onna a in pansa e dåu l’in fa
ch’tira l’âcua e zà ch’la va
pr’el schèl d cà comm un dilûvi
provochè dal vec’ Giòv Plûvi!
.
Zirudèla qué a Bulaggna
sveglia danca, ban csa faggna?
duv el pió qal bèl dialàtt
del Spadrì che ogni tusàtt
al dscurrèva coi cuséin
du grasû gnanc un turtléin?
.
Zirudèla anc a mi ziéina
totta cisa santarléina
ch’la va a pass ind al Santéren
sia d’estèd cme pûr d’invêren
lé la biâsa bàbbel-gum
pò l’as bavv tri lîtr’ed rum!
.
Zirudèla a Fausto e a Žoff
sampr’in giro e mai stoff
i en na bela cumpagnì
forsi neda in Sant’Isì
sàmper pronti dri a strulghèr
mùsic canti in zil o in mèr!
.
Zirudèla a Gigéin Livra 2
ch’l’um fa vgnîr una gran fivra
ché al schicara sanza freno
in tulièna a l’Autotreno
quand al tòurna a cà ind la nôt
al scapozza ind un buslôtt!
.
Zirudèla al Gvéren Prodi
tanti créttich pôchi lôdi
cm’é difézil guvarnèr
par cambièr ed arfurmèr
e scunfézzer l’impustûra
ch’i en trûp i ân che ormai la dûra!
.
Zirudèla ai simunzéin
che am cuntèva al mi nunéin
che so mèder in salmì
ai cuśèva anc coi pì
tanta granda era la sghessa
che incû inción i é ch’al capessa!
.
Zirudèla a l’Ucaréina
d Budri sàmper la pió féina
che par st’An Nuvantasètt
me am la mett int na baghètt
con un etto ed murtadèla
Tic e Tac la Zirudèla!
 

§

Zirudella a mio nipotino
Fabio ch’è un bel birichino
una ne pensa e due ne fa
lui tira l’acqua e giù che va
per le scale di casa come un diluvio
provocato dal vecchio Giove Pluvio!
.
Zirudella qui a Bologna
sveglia dunque, che facciamo?
dov’è più quel bel dialetto
delle Spaderie che ogni bimbetto
discorreva coi cugini
due ciccioli neanche un tortellino
.
Zirudella anche a mia zia
tutta chiesa santarellina
che va a pesce nel Santerno
sia d’estate sia d’inverno
lì lei mastica bubble-gum
poi si beve tre litri di rhum!
.
Zirudella a Fausto e a Zuffi
sempre in giro e mai stufi
sono una bella compagnia
forse nata in Sant’Isaia
sempre pronti a strologare
musiche canzoni in cielo in mare!
.
Zirudella a Luigi Lepri 2
che fa venirmi una gran febbre
giacché trinca senza freno
in bisboccia all’Autotreno
quando torna a casa a notte
lui s’inciampa in un barattolo!
.
Zirudella al Governo Prodi
tante critiche poche lodi
com’è difficile governare
per cambiare e riformare
e sconfigger l’impostura
che troppi anni son che dura!
.
Zirudella anche ai gattini
mi narrava il mio nonnino
che sua madre in salmì
li cuoceva anche coi piedi
tanto grande era la fame
che oggi niun lo può capire!
.
Zirudella all’Ocarina
di Budrio sempre la più fina
che per quest’Anno Novantasette
me la metto in una baguette
con un etto di mortadella
Tic e Tac la Zirudella!

Sandro Sermenghi    (1997)

Fausto: Carpani, il postino cantautore dialettale;
   Zoff: Stefano Zuffi, eclettico suonatore, chiacchierone,
   tubofonista, maestro, attore, fantasista,ecc.;
2 Gigén Livra: Luigi Lepri, uno che sa molto di letteratura
   dialettale bolognese, fine “ghiottologo” ed “enologo”!
 

Quac, quac, zirudèla dl’ucaréna

 
.
Zirudèla pr’una strèla
ed stasîra in caruzèla,
qué cminzéppia col tetrâstic
al våul fîg e zért fantâstic
 
d mé ch’av cant sta bèla fôla,
ch’l’à un intäns prufómm ed viôla,
d’un pinén e d’na furmîga
ch’i zughèven int na dîga,
d’òt cavrón e d’una måssca
ch’i sbrufèven dl’aqua fråssca,
e dla zant ch’i êrn ed pasâg’
ch’s’fèven fèr quatôrg’ masâg’.
 
In stasîra l’é la fèsta
d’un cagnàtt cun mòsa lèsta
ch’al sulîva la ganbéina
par brindèr a un’anadréina,
afianchè da un purzèl grâs
con un’aria da gradâs
ch’al s’pipàja un mèz tuscàn
e int el man al strécca un mlån.
 
Lé d’av§én pâsa un fuglèr
bûr ch’al s dà un gran da fèr
par pluchèr dantr int un fòs
sèt radécc’, trî âi e un òs:
ló puvrén l’é un’ânma in panna,
sanza laggna gnint da zanna,
ló l’ha såul sî poesî
e quarantasèt busî.
 
Drî a un cantån i é chi s’invänta
nôv sunétt e una carsänta
e int al fiómm piånba a cufétt
par studièr ong’ palafétt,
mäntr’ai pâsa un grâs francbåll
rôsa grånchi che un piståll
a s’al guèrda, cånpra e mîra
ed San Làzar a la Fîra.
 
I én mirâbil dû aquedótt
che dal vén i n han par tótt,
e int al fèr benefizänza
i guaréssn al mèl ed panza
ch’l’à ciapè un zåuvn inglais
che my God, cun del pretais,
l’é arivè qué zà a Bulåggna
par studièr la maila dåggna.
 
A sbindlón sta un calendèri
che viazànd int un armèri
al s’acôrz d’avàir finé
i tarsantssantazénc dé,
e ardupè sta un presidänt
che pr avàir gratè acsé tant
ló canbièr al vrêv Naziån
parché al s trôva in depresiån.
 
Pò incrusànd un bèl tumåur
ch’al s’avanza traditåur
e al culpéss, brótt asasén,
òultr’al guêrz anc al pió cén,
spónta svêlt un zâl gerâni,
squilibrè in zémma a un crâni,
ch’al va in gîr in biziclatta
con zenq zvatt e una barzlatta.
 
I é parfén la mâfia scuénzia
che in Itaglia à méss la sgrénfia
e l’acåppa d’inuzént,
che ai ciapéss dîs azidént!
Coi sû amîg ed tangentòpoli
mé ai mitrêv int na tendòpoli
a vanghèr cun dågg’ milòrd
tótt i giåz dal Polo Nòrd.
 
L’é pre§anta anc la fantèsma,
che col pólline ai vén l’èsma,
ch’la va spâs al dåpp-mezdé
a cunprèr prêt-à-porter
par piasàir a un Livruttén
e a tótt quant i limalén
che in curîra o in fånd a un fiåur
i s la sguåzzn e i fan l’amåur.
 
Só int al zîl våula una fójja
che cun l’aqua la s’inmójja
parché l’à dscurdè l’unbrèla
chez d n’amîga raganèla
ch’fèva in aria dsdòt castî,
mêz da séder mêz da in pî,
cun tragg’ gât e una galéina
e una nóvvla in naftaléina.
 
E a la fén ed st’elzevîr,
ch’l’é trascåurs int un suspîr,
i é inpruvîs un râz ed lóuna
che infilànd al bûs dla cróuna
l’intravàdd, cm’é Adam, Carpàn
a carpón såura un lanpiån
a la zàirca dl’Ucaréina
par premièr int l’aria féina
 
d Bûdri, ed nòt, sta bagatèla
che l’arlûs cunpâgn na strèla:
tant salût da mî surèla,
toch e dai la zirudèla!
 

§

.
QUAC, QUAC,  ZIRUDELLA DELL’OCARINA
.
 
 
Zirudella per una stella
di stasera in carrozzella,
qui comincia col tetrastico
il volo figo e certo fantastico
 
di me che vi canto sta bella fola
che ha un intenso profumo di viola,
d’un bambino e d’una formica
che giocavano in una diga,
d’otto caproni e d’una mosca
che sbruffavano dell’acqua fresca
e della gente ch’era di passaggio
che si faceva fare quattordici massaggi.
 
Questa sera è la festa
d’un cagnetto con mossa lesta
che solleva la gambina
per brindare a un’anatrina,
affiancato da un porcello grasso
con un’aria da gradasso
che si pipacchia un mezzo toscano
e nelle mani stringe un melone.
 
Lì vicino passa un focolare
buio che si dà un gran daffare
per piluccare dentro a un fosso
sette radicchi, tre agli e un osso:
lui poverino è un’anima in pena,
senza legna niente da cena,
lui ha solo sei poesie
e quarantasette bugie.
 
Dietro a un cantone c’è chi s’inventa
nove sonetti e una crescente
e nel fiume piomba a capofitto
per studiare undici palafitte,
mentre passa un grasso francobollo
rosa gronchi(o) che un pistola
se lo guarda, compra e mira
di San Lazzaro alla Fiera.
 
Son mirabili due acquedotti
che del vino ne hanno per tutti,
e nel fare beneficenza
guariscono il male di panza
che ha colpito un giovine inglese
che mio Dio, con delle pretese,
è arrivato qua giù a Bologna
per studiare la mela cotogna.
 
Penzoloni sta un calendario
che viaggiando in un armario
si accorge di aver finito
i trecentosessantacinque giorni,
e nascosto sta un presidente
che per aver grattato così tanto
lui vorrebbe cambiar Nazione
perché si trova in depressione.
 
Poi incrociando un bel tumore
che s’avanza traditore
e colpisce, brutto assassino,
oltre al guercio anche il più piccino,
spunta lesto un giallo geranio,
squilibrato in cima a un cranio,
che va in giro in bicicletta
con cinque civette e una barzelletta.
 
C’è perfin la mafia sporca e maligna
che in Italia ha messo la sgrinfia
ed accoppa degli innocenti,
che le arrivasser dieci accidenti!
Coi suoi amici di tangentopoli
li metterei in una tendopoli
a vangare con dodici milord
tutti i ghiacci del Polo Nord.
 
È presente anche la fantasma,
che col polline le viene l’asma,
che va spesso nel pomeriggio
a comprare fini abiti preconfezionati
per piacere a un Leprottino
e a tutti quanti gli animalini
che in corriera o in fondo a un fiore
se la sguazzano e fanno l’amore.
 
Su nel cielo vola una foglia
che con la pioggia si immolla
perché ha scordato l’ombrella
a casa d’un’amica raganella
che faceva in aria diciotto castelli,
mezza seduta e mezza in piedi,
con tredici gatti e una gallina
e una nuvola in naftalina.
 
E alla fine di questo elzeviro,
che è trascorso in un sospiro,
c’è improvviso un raggio di luna
che infilando il buco della cruna
intravede, com’è Adamo, Carpani
carponi sopra un lampione
alla cerca dell’Ocarina
per premiare nell’aria fina
 
di Budrio, di notte, sta bagattella
che luccica come una stella:
tanti saluti da mia sorella,
tocc e dai la zirudella!
 

Sandro Sermenghi

Una zirudella (a volte anche cirudella), in dialetto bolognese zirudèla, è un caratteristico componimento umoristico dialettale tipico della provincia di Bologna (e parzialmente diffuso anche nel ferrarese e nel modenese). Lo spirito delle zirudelle è affine agli stornelli, ma la struttura tipica è ben caratterizzata da versi ottonari con rima baciata, suddivisi in quartine, che iniziavano con la parola zirudèla e si concludevano con espressioni ripetitive come toc-e-dâi la zirudèla oppure tic e tac la zirudèla, spesso con accompagnamento musicale.   [da Wikipedia]

Published in: on dicembre 3, 2009 at 07:05  Comments (2)  
Tags: , , , ,