Ciccia non xè per barca

Comune mortale io mi sento
tranne nell’anima non mento.
Cosa difficile rimaner assente
al giudizio di chi rinascente
aguzza critica per favorire
riguardo al mio dire.
Ripeto, forse, con parole vivaci
di fraseggiare versi loquaci
e ad ogni imbrunir di sera
persona migliore mi sento più fiera
di me, di me stessa…
e pure un poco fessa…
ora che sento puzza di bruciato:
la padella con dentro l'”infuocato”!
e il cibo conteso dalla mia fame?
ora non resta altro che una brama:
un piccolo pezzo di formaggio
per dire grazie ad un signore saggio.
E non credo di scrivere più in rima,
anzi, continuo ad essere come prima.

Glò

Ciccia non xè per barca (detto triestino di chi critica una altrui inadeguatezza)

Annunci
Published in: on novembre 19, 2017 at 07:07  Comments (1)  

Cuore di montagna

Si ribella l’aria,
si confonde con la pioggia
e il suono del tuono
si avvicina
sulle strade depresse.
Vicino,
un lago di pensieri,
sotto debolezze di castelli,
rocce consumate un pò
dall’acqua…avvampa
correndo su sentieri tortuosi
fino a valli di oceani
sprofondati dal color turchese.
Echeggiano caverne
di voci penetranti,
l’ombra di mantelli
ricopre paesi disabitati
e strade desolate.
Solo brezze abitano lì,
su rocce forti, aride, ferme
ma antiche come l’eternità;
e parlano dalla loro cima
osservando drappeggi
di scompiglio al di sotto
delle loro valli maestose.

Glò

Published in: on novembre 6, 2017 at 06:58  Comments (2)  

Sorpasso d’anima

Fluisce fluido
il sorpasso del cuore
alla ragione.
Echeggia l’eco
di corrente
sgorgare dal volo.
Passeggia il passo
del piede
che calpesta
l’aria del tempo
schiacciante.
Tu, io, noi, tutti
focolai, strumenti
di numeri tra tanti.
Finisce finito
l’istante del flusso
che si voleva immortalare.
Ma poi?
Ci si ferma
nello stesso modo
di quel preciso momento?

Glò

Published in: on ottobre 22, 2017 at 10:39  Comments (3)  

Io e lei

Sole di luce
nel cerchio di cristallo.
Giorno tra lamiere
di bollicine frastornate.
Bocca rosa
nel punto d’iride
gioioso del cuore.
Gioca e si burla di me
gesticolando l’adesso
scrivendo sorridente:
“Il tuo viso raggiante
come luna
illumina la notte;
le tue mani
accarezzano lievemente
come il vento le foglie.”
Nella stanza frettolosa
il cerchio di cristallo
si stringe
fino a far scoppiare
le bollicine frastornate
in armoniosa sua canzone.

Glò

Published in: on ottobre 9, 2017 at 07:08  Comments (3)  

Sul porto

Una grande folla
comprime le voci
dei silenzi appartati.

Nel porto senti
le sirene delle navi
che portano a terra
i fiori dell’avventura
sospesi tra le memorie
dei soldati profumati
dalla brezza marina.

Si calano verso un tempo
che li vede scorrere
sempre più veloci,
sempre più lontano…
alla nostra curiosità
dei tanti perchè.

Glò

Published in: on settembre 26, 2017 at 06:53  Comments (3)  

Il sogno

Luce avvolgente di carezze
imbambolata
tra il sipario della fantasia.

Glò

Published in: on settembre 13, 2017 at 06:55  Comments (4)  

Stella

Spesso mi guardo allo specchio:
appaio confusa e turbata,
poi dentro gli occhi
vedo la punta di una stella
splendere per me.
Voglio denudare la mia anima
conoscendoti ancor di più,
scoprendo l’oasi d’impronte
che il tempo
continua a cancellare.

Glò

Published in: on luglio 25, 2017 at 07:02  Lascia un commento  

Risposta alla rabbia

Con l’incantesimo
di chi vuole distruggere
la mia mania d’essere
rispondo con un sorriso velato
di parole
che non sanno catturare
nemmeno l’ombra degli occhi
che osano massacrare
la mia ragione d’ira.
Con l’effimeratezza
di chi vuole soppiantare
il mio vero essere
rispondo con una forza maggiore
della mia esistenza stessa
per sconfiggere
una assurda pace guerriera
quando si osa distruggere
un pò di lealtà
costruita con il mio
silenzioso dolore.

Glò

Published in: on luglio 2, 2017 at 07:26  Comments (3)  

Preghiera

Se la vista di Dio
è il calco dell’intorno colorato,
le sue mani
tutto ciò che è accerchiato
dai Suoi tratteggi naturali;
il suo udito
melodie cantate
da echi di nostre emozioni;
il suo olfatto
profumi delle stagioni
cangianti di mese in mese;
il suo tatto
potere di gesti
che modellano ciò che percepiamo;
il suo gusto
tuoni e lampi,
brezze e uragani
dolci o amari
di ogni angolo della terra;
…il Suo cuore
metastasi e connubio
tra sogni dei nostri inconsci,
tra realtà delle nostre ragioni;
il Suo potere
gioco di dadi
tra destini del tempo;
e le nostre vibrazioni…
così in mano
al Suo destino.
Incommensurabilmente
naturale
accettarlo
divinamente.

Glò

Published in: on giugno 18, 2017 at 07:28  Comments (5)  

Lascia andar via

Lascia andar via
tutte le tue emozioni
provate nei momenti
di sconforto;
devi sorridere alla vita
persa nel punto
del grande universo.
Lascia andar via il buio
e la tempesta
e sorridi ai tuoi sogni
senza castelli di sabbia.
Sorridi al viaggiatore che è in te,
fatti portare lontano
dove non avverti neppure
il peso del tuo primo sasso
costruito con il tuo sorriso.

Glò

Published in: on giugno 1, 2017 at 07:48  Comments (8)