Inverno

Il sonno di Dioniso – Dipinto a olio di Roberta Rossi

E’ inverno e lunga la notte:
fra mezzo alle Pleiadi trascorre.
Dinanzi alla sua porta, i passi
più non conto, molle di pioggia,
roso dalla brama di lei,
che ordire ben sa l’inganno.
No, non è amore: un dardo rovente
Cipride m’infisse nelle carni.

Col suo riso protervo Didima
mi prese: ed ahimè, mi sciolgo
come cera al fuoco, se la guardo.
E’ bruna: che importa? Neri
son anche i carboni, ma splendono
quando li accendi, come rose in fiore.

Bevi, Asclepiade: son lacrime, queste?
Che t’accade? Te solo non fiaccò
la Dea di Cipro; l’arco e i dardi
a te solo non serbò l’amaro Amore.
Pur vivo, tu giaci nella cenere?
Di Bacco beviamo lo schietto liquore.
L’aurora è appena sorta! Attendi
le lucerne della sera? Dolcemente,
beviamo. Breve ora, o misero, poi resta:
una notte senza tempo dormiremo.

ASCLEPIADE DI SAMO

Annunci
Published in: on febbraio 14, 2015 at 07:05  Comments (5)