Meraviglioso amore

Non ce lo siamo mai detto
ma si sapeva.
Traspariva dagli occhi lucenti,
dalle mani sudate,
dall’incrocio di parole
pronunciate nello stesso istante,
dai silenzi più eloquenti
di tanti discorsi,
dagli sguardi incrociati,
dalle lacrime ferme sul ciglio
degli occhi da dove poi uscivano
nello stesso istante.

Non ce lo siamo mai detto
ma se lo avessimo fatto
non sarebbe esistito
il nostro meraviglioso amore.

Sandra Greggio

Annunci
Published in: on febbraio 15, 2018 at 06:54  Comments (13)  

Al tramonto

E’ ora di tornar a casa,
si spengon le luci,
la festa è finita.

Tornare col pensiero
a sgombrar la mente
da sogni, chimere ed illusioni.

Ci aspetta la sera,
di casa i cari oggetti
e gli occhi e i sorrisi dei figli.

Bella è stata la giornata
tiepida per l’autunno
ora famiglia attende.

Sui fili allineati,
a raccontarsi il giorno
queruli uccellini.

Sandra Greggio

Published in: on febbraio 4, 2018 at 07:19  Comments (8)  

Il lattante divino

Tra il tripudio di luci
e addobbi e alberi
illuminati e stelle di Natale,

tra le farfalle di neve
e l’incanto della brina
e i golosi pandori è panettoni,

tra lo sfavillio di luminarie
e negozi vestiti a festa,

vi prego e vi supplico
di ricordare che c’è
un Neonato
venuto al mondo per noi.

Sandra Greggio

Published in: on gennaio 23, 2018 at 07:33  Comments (10)  

Luce

Ritornare là
da dove sei venuto,
irradiare attorno
la luce che ti hanno infuso,
portarla con te
a chi vive nel buio,
a chi stenta ad uscire dal tunnel,
raccoglierla a piene mani
là dove nasce ed è sempre Natale.

Sandra Greggio

Published in: on gennaio 9, 2018 at 06:54  Comments (9)  

Carpe diem

Mi pentirò, un giorno,
di aver solo sentito
il profumo dei fiori
senza mai coglierli.
Di aver preso sonno
mentre quella notte stellata
mi invitava a goderla.
Di non aver provato
di tutto, di più,
preferendo il buio
ad una giornata di sole.
Di aver pensato a cose tristi
e di essere stata negativa
quando le occasioni per essere felici
non mancavano.
Di non aver ascoltato
l’insegnamento di Orazio,
il suo carpe diem.
Ma non mi pentirò
delle lacrime versate
dei sorrisi regalati
di tutto quello che ho fatto
per amore, solo per amore.

Sandra Greggio

Published in: on dicembre 28, 2017 at 07:39  Comments (6)  

Tu ed …io

Vorrei stupirti,
finalmente.
Proverò una volta ancora.
Ma non c’è libro che tu non abbia letto,
non c’è sabbia che tu non abbia calpestato
o fiore che tu non abbia odorato
o mare che non ti abbia bagnato.

Vorrei stupirti parlandoti della vita,
ma tu la tua l’hai vissuta
goduta, assaporata, amata
finanche odiata.

Io?
Muovo ora i primi passi traballanti,
incerta, insicura fragile,
ma con un immenso desiderio
di sperimentarla.
Amandola

Sandra Greggio

Published in: on dicembre 16, 2017 at 06:53  Comments (6)  

Sai?

Sai?
Quando ti prende quella voglia
di non fare nulla,
ma di dedicarti solo a te,
di ascoltarti, di interrogarti,
magari con una musica di sottofondo.

Sai?
Quando dentro provi quella leggera euforia
che ti dice: lascia stare il tuo lavoro,
rilassati, accendi una candela,
fai buio nella stanza,
sei sola in casa, solo lei ti guarda
con gli occhi come due fessure, da felino doc.

E tu ascolti e ti ascolti
ti cerchi e alla fine ti ritrovi
in una rosa rossa, in un abito di seta
in un paio di scarpe con tacco alto.

Che importa se adesso l’anagrafe non te le fa più portare?
lo ricordi e ti culli in quel ricordo
e ti sembra ieri l’ultima volta che lo avevi indossato.
E ti piaci, così come sei,
sincera, sensibile, schietta e genuina, mai falsa.
Un libro aperto per chi vuole leggerlo.

Sandra Greggio

Published in: on dicembre 3, 2017 at 07:17  Comments (8)  

Quale nome?

Che nome dare al subbuglio
che mi scuote tutta?
Che a volte mi toglie le forze,
altre mi impedisce di dormire?
Che non accetta quello che detta la ragione,
ma con lei combatte per cacciarla via?
Che nome dare quando davanti ad una rosa
non si mette a contare i petali
bensì le spine e da queste viene ferito e sanguina?
Vorrei chiamarlo tormento,
ma non esiste termine
che renda bene l’idea.
Forse, l’immagine di un mare agitato
potrà far capire che manca
la luce di salvezza di un faro.

Sandra Greggio

Published in: on novembre 20, 2017 at 07:32  Comments (10)  

Pienezza

Sarà pienezza quando,
seppur non vedendoci,
avremo entrambi lo sguardo
verso l’orizzonte.

Oppure quando,
seppur lontani,
accarezzeremo entrambi
la superficie del mare
allungando le dita
a catturare stelle.

Sarà pienezza quando,
anche senza saperlo,
guarderemo lo stesso film,
versando una lacrima
nello stesso istante.

Oppure quando,
con i capelli d’argento,
pronunceremo “ti amo”,
a dispetto dell’età
e della lontananza.

Sandra Greggio

Published in: on novembre 9, 2017 at 07:17  Comments (8)  

La musica degli angeli

Ed è attraverso
quella dolce melodia
che la musica entra in me,
mi pervade tutta
e mi fa sognare.

E vi vedo, miei cari,
in questi giorni a voi dedicati,
finalmente sereni,
perché vi siete ritrovati
dopo un lungo e faticoso cammino.

Vi vedo passeggiare
incontro ad un sole luminoso
sotto una leggera pioggia dorata
che si posa su un tappeto di piume.

Sandra Greggio

Published in: on ottobre 31, 2017 at 06:59  Comments (14)