Sabbie mobili

Ti ho seguito
nel tuo gioco proibito.
Ti ho seguito
come un’onda segue un’altra onda
da dietro sospingendola.
Onda dopo onda
bacio dopo bacio.
Ti ho seguito
e mi sono trovata in alto mare.

Ma…sapevo nuotare.

Sandra Greggio

Published in: on maggio 19, 2017 at 07:34  Comments (20)  

E’ primavera, piovono premi!

Ci giunge un graditissimo comunicato dall’amico poeta Piero Colonna Romano, che trascrivo con vero piacere:

Piovono premi e riconoscimenti sull’azzurro sito Poetare e sul nostro Cantiere, ed è con gran piacere che vi informo che nel prestigioso “Premio Letterario e Artistico Internazionale AMBIART” promosso da SIMA col patrocinio del comune di Milano la nostra ottima poetessa Sandra Greggio ha conseguito il quarto posto, nella affollatissima sezione Poesia a tema libero con la poesia “Vuoto”, che qui di seguito vi proponiamo:

Vuoto

Ho preso un foglio,

un foglio bianco.

Vi ho disegnato il vuoto;

dentro vi ho scritto:

mi manchi.

Sandra Greggio

§

Sandra è stata calorosamente applaudita, nell’auditorium “Teresa Sarti Strada” di Milano, il 6 maggio scorso. A quegli applausi ho unito ed unisco i miei, assieme ai più vivi complimenti. E mi corre l’obbligo d’aggiungere alla bella notizia precedente, l’informazione che nello stesso concorso e sezione e nello stesso auditorium, la mia poesia “Ofelia” è stata premiata da una generosa giuria che le ha attribuito il primo posto.

Ofelia
(da un dipinto di Millais)

Va verso il mare e m’incanto a guardare,
l’acqua la culla e lei sembra dormire,
fronde s’inchinan, col loro stormire
par che un saluto le vogliano dare.

Lieve la veste, le forme a svelare,
labbra un sorriso vorrebbero aprire,
ma sul bel viso, a volerlo abbruttire,
passan ricordi, malvagi a pensare.

Mente che visse promesse d’amore,
perse ragion per la grande illusione,
marcio sfuggì per crudele emozione.

Or che nel mare avrà liete le ore,
or che svaniscon frementi passioni,
potrà cantar le più dolci canzoni.

Piero Colonna Romano

§

Ma non è finita qui perché il nostro strepitoso, unico, inarrivabile, irripetibile, incommensurabile Santi Cardella nel premio letterario nazionale 2017 “Nicola Zingarelli” di Cerignola (FG), città dove nacque il grande linguista, con la poesia “L’accordo” che riportiamo qui sotto, è stato classificato, da una qualificatissima giuria, al terzo posto e, sempre il 6 maggio (in contemporanea con le due precedenti premiazioni dell’Ambiart) nel teatro “S. Mercadante” della bella cittadina della Capitanata pugliese, è stato subissato da una valanga d’applausi, ai quali unisco il mio con i più sinceri complimenti.

Stampa

L’accordo

Inseguo una farfalla luminosa,

quasi ne tocco l’ali,

ma la farfalla che anima il mio sogno

volteggia per giardini surreali

dentro un pugno di luce

impalpabile, etereo;

e mi riporta tenera la voce

felice del tuo canto

che da un sentiero alpestre colmo d’oro

s’effonde tra i miei sensi e il firmamento.

Farfalla luminosa tra le dita,

tu che conosci i tasti del mio cuore

e sai l’angoscia del mio sentimento,

portami in volo al sospirato guado

ove la via celeste alta s’annida

fra quei suoni e quei canti;

e sulla scala magica del sogno

guida la mano a indovinar le note

profonde, emozionanti,

dell’accordo fra questa e l’altra vita.

Santi Cardella

§

di Piero Colonna Romano

Published in: on maggio 8, 2017 at 12:55  Comments (21)  

Il cancello

Ogni volta che passo ti vedo.
Seduta su un muretto,
davanti a quel cancello,
dove entra chi non c’è più.
Hai lo sguardo perso lontano,
gli occhi fissi di chi più non ha speranza.
Chi guardi donna sola?
Quanti ricordi affollano la tua mente?
Passano le persone e tu,
chiusa nel tuo dolore,
assisti impotente all’alternarsi delle stagioni.
Sai bene che non cambierai abito.
Col freddo o con il caldo tu sei altrove.
Anche tu oltre il cancello.
Ma prima del tempo.

Sandra Greggio

Published in: on aprile 29, 2017 at 06:59  Comments (7)  

Tu

Dove passi lasci il segno
ora una lacrima
sul petalo di un fiore
ora il singhiozzo in un ruscello.

Ora il rumore del vento
simile ad un lamento
ora il fruscio che fan le foglie
quando si parlano.

Dove passi lasci il segno
ed il tuo profumo
si spande nell’aria.

E tutto parla di te.

Sandra Greggio

Published in: on aprile 16, 2017 at 07:42  Comments (12)  

Libertà

Vento che urli che impazzi che strapazzi,
vento vento,
che corri che travolgi
che tutto spazzi via.
Vento vento,
che sollevi tempeste di sabbia,
che fai cadere alberi.
Vento vento,
raccogli tutta la forza che possiedi e vieni.
Spezza le catene e dammi la libertà.

Sandra Greggio

Published in: on marzo 30, 2017 at 07:00  Comments (9)  

Il ritorno

Quando avverrà,
sarà primavera inoltrata.
Squarci d’azzurro
e capriole di nuvole
nel sereno dell’animo
e pace tanta pace,
turbata solo dal garrire di rondini
e dal ronzio di api
sulle corolle di leggiadri fiori.
Quando avverrà,
tiepido sarà il vento
ed io ti vedrò tornare
insieme a lui.

Sandra Greggio

Published in: on marzo 16, 2017 at 07:23  Comments (16)  

L’unico

L’unico uomo della mia vita
verdi aveva gli occhi
ma, ad uno sguardo esperto,
cambiavano sfumatura,
a seconda del tempo e dell’umore.
In ogni caso,
quando mi accarezzavano,
sempre uguale era il loro colore,
quello dell’amore.
Minuta la costituzione
e scarne le sue mani
quando, arrivato il momento,
cercavano le mie.
Ora che la tempesta della vita
me lo ha rubato,
intatto resta il suo dolce sorriso
e continua il dialogo senza tempo
con l’unico uomo della mia vita: Papà

Sandra Greggio

Published in: on marzo 3, 2017 at 06:50  Comments (2)  

Quel che manca

Sono quel poco che manca per…
Uno scalino per arrivare in cima
Il petalo che forma il quadrifoglio
Un colore per ottenere l’arcobaleno
L’accento per dare un senso ad una parola
Il punto per finire una frase
I bottoni per chiudere un golfino
Sono tutto quello che è vicino alla pienezza
Ma ancora non riesce a raggiungerla.

Sandra Greggio

Published in: on febbraio 18, 2017 at 07:05  Comments (2)  

Quei giorni

E poi…ci sono quei giorni…
Quelli in cui non hai voglia di niente
in cui tutto ti dà fastidio
in cui cerchi il silenzio
quello che ha un suo rumore
che a te piace tanto
perché tu sola lo senti.
Quei giorni che passano lentamente
in cui un minuto è un’ora
in cui vorresti la nebbia
per nasconderti ed essere protetta.
Quei giorni che, se uno ti chiede,
non sai spiegarli perché sono solo tuoi
e di quegli specchi nel viso
che grondano ruscelli.

Sandra Greggio

Published in: on dicembre 16, 2016 at 07:14  Comments (3)  

Un grammo di felicità

E nella casa silenziosa
mentre ognuno era intento
alla propria occupazione
e la gattina tranquilla fusava
Ecco…in quel preciso istante
al lavoro intenta
sentii penetrare in me
un grammo di felicità.

Sandra Greggio

Published in: on dicembre 13, 2016 at 07:46  Comments (7)