La casa delle tarantole

.
A CASA DI TARANTULI
.
Iu a truvari n’amicu
ca chiamanu “u Poeta”
e che campa cu na soru
maritata e matri di figli
ca c’aggruppa a cravatta quannu nesci
e mi diceva cu paroli d’omu
ca frati e soru, nati ‘nda dda casa,
crisciuti ‘nda dda casa,
unni chianceru morti u patri e a matri
sunnu in liti di tant’anni
e fannu causa pi spartirisi li mura,
a gesti e cu biglieti e li mani di sugaru
comunicanu fra iddi e non si parlanu.
Mi parsunu tarantuli
e l’aria surda e muta
e iu ‘nda l’occhi d’iddi
fantasima spirdatu
chi vrazza all’aria mi vitti.
C’era n’aceddu o muru
chi cantava ‘nda gaggia
ed assittati ‘nterra, du picciriddi attenti
‘ncantati a sintirlu
Iu nun appi l’animu d’accarizzarini unu
l’animu di grapiri a gaggia
e diri al’aceddu di vulari.
Mi purtavu i tarantuli ‘ndo cori.
.
§
.
Sono andato a trovare un amico
che chiamano “il Poeta”
e che vive con una sorella
sposata e madre di figli,
che gli sistema la cravatta quando esce
e mi diceva con parole d’uomo
che fratello e sorella, nati nella stessa casa,
cresciuti nella stessa casa,
dove hanno pianto morti il padre e la madre
sono in lite da tanti anni
e sono in causa per dividersi le proprietà
con gesti e con biglietti e con le mani di…
comunicano fra di loro e non si parlano.
Mi sono sembrati tarantole
e l’aria sorda e muta
ed io nei loro occhi
spiriti di fantasma
con le braccia in aria mi son visto.
C’era un uccello al muro
che cantava dentro la gabbia
e, seduti a terra, due bambini attenti
incantati ad ascoltarlo.
Io non ebbi l’animo di accarezzarne uno
l’animo di aprire la gabbia
e dire all’uccello di volare.
Mi son portato le tarantole nel cuore.
.
IGNAZIO BUTTITTA
Annunci
Published in: on gennaio 26, 2019 at 07:33  Comments (1)  

Non mi lasciare solo

NUN MI LASSARI SULU

Ascutami,
parru a tia stasira
e mi pari di parrari o munnu.
Ti vogghiu diri
di non lassàrimi sulu
nta sta strata longa
chi non finisci mai
ed havi i jorna curti.
Ti vogghiu diri
chi quattr’occhi vidinu megghiu,
chi miliuna d’occhi
vidinu chiù luntanu,
e chi lu pisu spartutu nte spaddi
è diventa leggìu.
Ti vogghiu diri
ca si t’appoji a mia
e io m appoju a tia
non putemu cadiri
mancu si lu furturati
nn’assicutanu a vintati.
L’aceddi volanu a sbardu,
cantanu a sbardu,
nu cantu sulu è lamentu
e mori’ntall’aria.
Non calari ]’occhì,
ti vogghiu amicu a tavula;
e non è vero mai’
ca si deversu di mia
c’allongu i vrazza
e ti chiamu: frati…

§

Ascoltami,
parlo a te stasera
e mi pare di parlare al mondo.
Ti voglio dire
di non lasciarmi solo
in questa strada lunga
che non finisce mai
e ha i giorni corti.
Ti voglio dire
che quattro occhi vedono meglio,
che milioni d’occhi
vedono più lontano,
e che il peso diviso sulle spalle
diventa leggero.
Ti voglio dire
che se ti appoggi a me
e io m’appoggio a te
non possiamo cadere
nemmeno se la bufera
c’insegue a ventate.
Gli uccelli volano a stormo,
cantano a stormo,
un canto solo è lamento
e muore nell’aria.
Non abbassare gli occhi,
ti voglio amico a tavola;
e non è vero mai
che sei diverso da me
che allungo le braccia
e ti chiamo fratello…

IGNAZIO BUTTITTA

Published in: on dicembre 21, 2017 at 07:41  Comments (5)