‘U terremote

… è menùte pe z’ècchièppà i guègliùne
che stévene nè scóle cà mèéstre:
i libbr’èpiérte, ù sóle n’ ì fenèstre,
pe crésce bbenedìtte dà fèrtùne.

Mó, mbéce, c’è remàste ù hióre e ù chiànde
ngòpp’è llù sànghe de pìnge e mètùne;
vìndinóve so’ muórte ndùtte, ognùne
cà vóce sìje: tèvùte gghiànghe, e ande

de ràne sótt’ù mùre sdèrrepàte,
tègliàte cùrte, sènze cchiù fetùre
nguìstu brèsciàte córe dù Molise.

Nùj séme ggènde sèmbe cù sèrrìse
pùre se nguólle càsche ù pepetùre:
mè pùre cuìlle mó z’è cuènzemàte!

 §

IL TERREMOTO

…è venuto per prendersi i bambini

che stavano nella scuola con la maestra:

i libri aperti, il sole alle finestre,

per crescere benedetti dalla fortuna.

Ora, invece, c’è rimasto il fiore e il pianto

sopra quel sangue di tegole e mattoni;

ventinove sono morti in tutto, ognuno

con la propria voce: bare bianche, un mucchio

di grano sotto i muri dirupati,

tagliato corto, senza più futuro

in questo bruciato cuore del Molise.

Noi siamo gente sempre col sorriso,

anche se addosso ci cade la ronca,

ma quello anche si è ora consumato.

GIOSE RIMANELLI

Annunci