Perchè sì tardi

Perché sì tardi, e perché non più spesso,
con ferma fede quello eterno ardore
che mi lieva di terra e porta ‘l core
dove per sua virtù non gli è concesso?

Forse ch’ ogn’ intervallo n’ è permesso
dall’uno o l’altro tuo messo d’amore;
perch’ ogni raro ha più forza e valore,
quanto è più desiato e meno appresso.

La notte è l’intervallo, e ‘l dì la luce;
l’una m’ agghiaccia ‘l cor, l’altro l’ infiamma
d’amor, di fede e d’ un celeste foco.

MICHELANGELO BUONARROTI

Published in: on giugno 30, 2018 at 07:33  Comments (3)  

Disperazione d’amore

Come può esser ch’io non sia più mio?
O Dio, o Dio, o Dio,
chi m’ha tolto a me stesso,
c’a me fusse più presso
o più di me potessi che poss’io?
O Dio, o Dio, o Dio,
come mi passa el core
chi non par che mi tocchi?
Che cos’è questo, Amore,
c’al core entra per gli occhi,
per poco spazio dentro par che cresca?
E s’avvien che trabocchi?

MICHELANGELO BUONARROTI

Published in: on luglio 18, 2012 at 06:54  Comments (2)  

La notte

Caro m’è ‘l sonno e più l’esser di sasso
mentre che il danno e la vergogna dura
non veder, non sentir m’è gran ventura
però non mi destar, deh parla basso

MICHELANGELO BUONARROTI

Published in: on giugno 7, 2010 at 06:55  Comments (4)  
Tags: , , , ,