34° Refrain

34th CHORUS

I have no plans
No dates
No appointments with anybody

So I leisurely explore
Souls and Cities

Geographically I’m from
and belong to that group
called Pennsylvania Dutch

But I’m really a citizen
of the world
who hates Communism
and tolerates Democracy

Of which Plato said 2000 years ago,
was the best form of  bad government

I’m merely exploring souls & cities
From the vantage point
Of my ivory tower built,
Built with the assistance of Opium

That’s enough, isn’t it?

§

Non ho piani
Né appuntamenti
Né puntelli con qualcuno

Così esploro tranquillo
Cuori e Città

Geograficamente vengo
e risalgo a quel gruppo
chiamato Olandese della Pennsylvania

Ma in realtà sono un cittadino
del mondo
che odia il comunismo
e tollera la democrazia

che Platone chiamò 2000 anni fa,
Il malgoverno migliore.

Non faccio che esplorare cuori e città
Dalla vedetta
Della mia torre d’avorio innalzata,
Innalzata con l’aiuto
dell’Oppio

Basta, non vi pare?

JACK KEROUAC

Published in: on gennaio 4, 2016 at 06:52  Comments (1)  

Solitudine messicana

MEXICAN LONELINESS

And I am an unhappy stranger
grooking in the streets of Mexico-
My friends have died on me, my
lovers disappeared, my whores banned,
my bed rocked and heaved by
earthquake – and no holy weed
to get high by candlelight
and dream – only fumes of buses,
dust storms, and maids peeking at me
thru a hole in the door
secretly drilled to watch
masturbators fuck pillows –
I am the Gargoyle
of Our Lady
dreaming in space
gray mist dreams —
My face is pointed towards Napoleon
—— I have no form ——
My address book is full of RIP’s
I have no value in the void,
at home without honor, –
My only friend is an old fag
without a typewriter
Who, if he’s my friend,
I’ll be buggered.
I have some mayonnaise left,
a whole unwanted bottle of oil,
peasants washing my sky light,
a nut clearing his throat
in the bathroom next to mine
a hundred times a day
sharing my common ceiling –
If I get drunk I get thirsty
– if I walk my foot breaks down
– if I smile my mask’s a farce
– if I cry I’m just a child –
– if I remember I’m a liar
– if I write the writing’s done –
– if I die the dying’s over –
– if I live the dying’s just begun –
– if I wait the waiting’s longer
– if I go the going’s gone
if I sleep the bliss is heavy
the bliss is heavy on my lids
– if I go to cheap movies
the bedbugs get me –
Expensive movies I can’t afford
– if I do nothing
nothing does

§

E sono uno straniero infelice
contento di scappare per le strade del Messico
I miei amici sono morti su di me, le mie
amanti svanite, le puttane bandite,
il mio letto sbattuto e sollevato dal
terremoto – e niente erbasanta
per uno sballo a lume di candela
e sognare – solo spurghi d’autobus,
ventate polverose, e cameriere che mi sbirciano
da un buco nella porta
segretamente attizzate alla vista
degli onanisti fottenti cuscini –
Io sono la Gargolla
di Nostra Signora
che sogna nello spazio
sogni di grigia nebbia –
Il mio volto è puntato verso Napoleone
– io non ho forma –
La mia agenda è piena di DEFUNTO
non ho valore nel vuoto,
in patria senza onore, –
Il mio unico amico è un vecchio pederasta
senza macchina per scrivere
Chi, se è mio amico,
lo beccherò nel culo.
Mi resta ancora un pò di maionese,
tutta un’inutile bottiglia d’olio,
contadini mi lavano il lucernaio,
un matto si schiarisce la voce
nel bagno a fianco
cento volte al giorno
condividendo il soffitto con me –
Se mi ubriaco mi viene sete
– se cammino il piede mi cede
– se sorrido la mia maschera è una farsa
– se piango non sono che un bambino –
– se mi ricordo sono bugiardo
– se scrivo la scrittura è passata –
– se muoio il morire è finito –
– se vivo è appena cominciato –
– se aspetto l’attesa è più lunga
– se vado l’andare è andato –
se dormo la beatitudine è pesa –
mi pesa sulle palpebre –
– se vado a un cinema da poco prezzo
mi assalgono  le cimici –
I costosi non me li posso permettere
– se non faccio niente
non fa niente

JACK KEROUAC
Published in: on ottobre 21, 2013 at 06:56  Comments (2)  

Inno

HYMN

And when you showed me the Brooklyn Bridge
in the morning,
Ah God,

And the people slipping on ice in the street,
twice,
twice,
two different people
came over, goin to work,
so earnest and tryful,
clutching their pitiful
morning Daily News
slip on the ice & fall
both inside 5 minutes
and I cried I cried

That’s when you taught me tears, Ah
God in the morning,
Ah Thee

And me leaning on the lampost wiping
eyes,
eyes,
nobody’s know I’d cried
or woulda cared anyway
but O I saw my father
and my grandfather’s mother
and the long lines of chairs
and tear-sitters and dead,
Ah me, I knew God You
had better plans than that

So whatever plan you have for me
Splitter of majesty
Make it short
brief
Make it snappy
bring me home to the Eternal Mother
today

§

E quando mi hai mostrato il Ponte Di Brooklyn

Al mattino,
Ah, Dio,
E la gente che scivolava sul ghiaccio per strada,
due volte,
due volte,
due persone diverse
sopraggiunsero, andavano a lavorare,
Così serie e volenterose,
Col loro penoso Daily News
In pugno
Scivolarono sul ghiaccio e caddero
Entrambe nel giro di 5 minuti
E io scoppiai in un dirotto pianto
Fu allora che m’insegnasti a piangere, Ah
Dio, Quel mattino,
Ah, Tu
Con me appoggiato al lampione ad asciugarmi
Gli occhi,
gli occhi,
nessuno sapeva che avevo pianto
e poi che gliene fregava ma
Oh ho visto mio padre
e la madre di mio nonno
e le lunghe file di sedie
e gli astanti che piangevano e il morto,
Ahimè, sapevo che Tu Iddio
Avevi dei piani migliori di quello
Così qualsiasi sia il tuo piano per me
Spaccatore di maestà
Fa che sia un lampo
Una folgore
Fa che sia uno schioccar di dita
Riportami a casa dalla Madre Eterna
Oggi stesso
Sempre a tua disposizione
(e fino a quel dì)

JACK KEROUAC

Published in: on marzo 10, 2013 at 07:14  Comments (2)