Solitudine

Orrendo trarre solitari
di questa vita le catene.
A spartire la gioia ognuno è pronto,
ma nessuno a spartire la tristezza.
Solo qui sono come un re celeste,
costretti in cuore i miei dolori,
e vedo, docili al destino,
come visioni gli anni dileguare;
e tornano essi, con dorato,
ma con lo stesso antico sogno;
e vedo una solinga tomba
che aspetta: a che indugiare sulla terra?
Di ciò nessuno sarà afflitto:
s’allegrerà (ne sono certo)
la gente più della mia morte
che non, già, della mia nascita.

MICHAIL JUR’EVIČ LERMONTOV

Annunci
Published in: on aprile 6, 2016 at 06:58  Lascia un commento  

Sole d’autunno

Io amo il sole d’autunno, quando
Tra nuvole e nebbie si fa largo,
E getta un pallido morto raggio
Sull’albero cullato dal vento,
E sull’umida steppa. Io amo il sole,
C’è qualcosa nello sguardo d’addio
Del grande astro simile all’occulta pena
Dell’amore tradito; non più freddo
Esso è in sé, ma la natura
E tutto ciò che può sentire e vedere,
Non provano il suo calore; così è
Il cuore: in esso è ancora vivo il fuoco,
Ma la gente un giorno non lo capì,
E da allora negli occhi brillare non deve,
E le guance non sfiorerà in eterno.
Perché di nuovo il cuore sottoporre
A parole di dubbio e allo scherno?

MICHAIL JUR’EVIČ LERMONTOV

Published in: on novembre 9, 2015 at 07:29  Comments (2)  

La vela

Biancheggia, vela solitaria
Del mare nell’azzurra bruma…
Cosa in lontana terra cerca?
Al paese natìo cosa ha lasciato?…

Fremono l’onde, il vento fischia,
l’albero piega e geme…
Ahimè! Felicità non cerca
e da felicità non viene!

Sott’essa il flutto più chiaro del cielo;
sopra, del sole d’oro il raggio…
Ed essa inquieta chiede la tempesta,
come nelle tempeste fosse pace!

MICHAIL JUR’EVIČ LERMONTOV

Published in: on febbraio 10, 2015 at 07:20  Comments (3)  

Corre il destriero

Corre il destriero, d’un cervo più veloce,
sbuffa e si sforza, come alla battaglia;
a un tratto ora s’arresta nella corsa,
per ascoltare la voce del vento,
ed allargar le frementi narici,
ora si mette a battere la terra
con i ferri dei risonanti zoccoli,
e agitando la scompigliata criniera.
Senza memoria vola, vola avanti.
E lo cavalca un silente cavaliere!*
Egli talvolta batte sulla sella,
cade col capo sulla sua criniera.
Più non guarda con le adorne briglie
nè si muovono i piedi nelle staffe.
Sulla gualdrappa si vedeva in chiazze,
in larghe chiazze, del cavaliere il sangue.
O veloce destriero, hai portato
lontano dalla battaglia il tuo Signore,
ma già l’aveva colpito la mortale
pallottola osseta nella tenebra!

MICHAIL JUR’EVIČ LERMONTOV

da “Il demone” (st.XIII)

Modest Petrovič Musorgskij – Una notte sul Monte Calvo (poema sinfonico)

Published in: on luglio 21, 2013 at 07:10  Lascia un commento  

Sulla strada esco solo

Sulla strada esco solo.
Nella nebbia è chiaro il cammino sassoso.
Calma è la notte.
Il deserto volge l’orecchio a Dio
E le stelle parlano tra loro.
Meraviglioso e solenne il cielo!
Dorme la terra in un azzurro nembo.
Cosa dunque mi turba e mi fa male?
Che cosa aspetto, che cosa rimpiango?
Nulla più aspetto dalla vita
E nulla rimpiango del passato,
cerco solo libertà e pace!
Vorrei abbandonarmi, addormentarmi!
Ma non nel freddo sonno della tomba.
Addormentarmi, con il cuore
Placato e il respiro sollevato.
E poi notte e dì sentire
La dolce voce dell’amore
Cantare carezzevole al mio orecchio
E sopra di me vedere sempre verde
Una bruna quercia piegarsi e stormire.

MICHAIL JUR’EVIČ LERMONTOV