Notti dei sensi

Ti voglio far provare il bel piacere.

Pur mal mio grado? Lasciami tranquilla!

Da troppe sere e troppe primavere…

Dei superni desiri ecco la squilla.

 

La luna scorre su acque nere e brilla…

Oh, tu vai alto per volermi avere!

Ed io ti prenderò come un’anguilla.

Dentro da me per vie d’acqua o vie aeree…

 

E perché più e più in te s’interni…

Entrerai mai e mai, primavere o inverni.

Dall’alto scenderò con giri alterni…

 

Pensatore di donne, mio amatore…

Fin ch’io ti prenda, fin che l’incaverni…

Ad averti c’è poco per il cuore.

 

PATRIZIA VALDUGA

Annunci
Published in: on maggio 8, 2018 at 07:41  Comments (2)