Fugio lo falso amore

.
Fugio lo falso amore,
ché no me prenda el core;
retornome al Signore,
ch’esso è lo vero ama.
Vorria trovar chi ama,
multi trovo ch’ esciama.
credìa n’essere amato,
retrovome engannato,
dividenno lo stato
per che l’omo sé n’ama.
L’omo non ama mene,
ama que de me ène;
però, vedenno bene,
veio che falso m’ama.
S’e’ so’ ricco, potente,
amato da la gente;
retornanno a niente
onn’om sì me desama.
Ergo l’avere è amato,
càd eo so’ ennodiato;
però è ‘n foll’estato
chi en tal pensier s’ennama.
Veio la gentelezza,
che no n’aia ricchezza,
retornare a vilezza;
onn’om l’apella brama.
L’omo ch’è enserviziato
da molta gente è amato;
vedutolo enfermato,
onn’omo sì ll’alama.
L’omo c’à sanetate
trova granne amistate;
se i vèn la tempestate,
ra­peseli la trama.
L’omo te vòle amare
mentre ne pò lograre;
se no i pòi satisfare,
tòllete la tua fama.
Fugio lo falso amore,
ché no me prenda el core;
retornome al Signore,
ch’esso è lo vero ama.
 .
JACOPONE DA TODI
Annunci
Published in: on aprile 10, 2017 at 07:02  Comments (4)  

Laude natalizia

.
A l’amor ch’è venuto / Andiamo a laude fare….
Onòral, da che vene / via più non tardare…
Pensa quanto te dona / Però che non commanda
Lo ciel sì abbandona / Ed ante sé non manda
En stalla sì vol stare…/ Per sedia tanto bella
E poco feno avuto,/ per corona de stelle
bove ed asen tenuto,/ ora se’ scompagnato
c’avevi en compagnia…/ presepe hai receputo,
dove fussi locato / en pancelli envoluto,
ch’eri sì onorato;/ da Josef e Maria,
corte de tanto onore…/ Ben vegio c’ama figlio
E mate con dolzura / Ma che perda consiglio,
questo non m’affigura…/ De te so ‘nnamorato
Succurre, tanto bramo./ A te poco addemando
E ià non me perdono:/ si pensi che comando,
amor chero per dono…
 .
JACOPONE DA TODI
Published in: on dicembre 24, 2014 at 07:27  Comments (2)  

Donna de Paradiso

«Donna de Paradiso,
lo tuo figliolo è preso
Iesù Cristo beato.

Accurre, donna e vide
che la gente l’allide;
credo che lo s’occide,
tanto l’ho flagellato».

«Como essere porria,
che non fece follia,
Cristo, la spene mia,
om l’avesse pigliato?».

«Madonna, ello è traduto,
Iuda sì ll’à venduto;
trenta denar’ n’à auto,
fatto n’à gran mercato».

«Soccurri, Madalena,
ionta m’è adosso piena!
Cristo figlio se mena,
como è annunzïato».

«Soccurre, donna, adiuta,
cà ’l tuo figlio se sputa
e la gente lo muta;
òlo dato a Pilato».

«O Pilato, non fare
el figlio meo tormentare,
ch’eo te pòzzo mustrare
como a ttorto è accusato».

«Crucifige, crucifige!
Omo che se fa rege,
secondo la nostra lege
contradice al senato».

«Prego che mm’entennate,
nel meo dolor pensate!
Forsa mo vo mutate
de que avete pensato».

«Traiàn for li latruni,
che sian soi compagnuni;
de spine s’encoroni,
ché rege ss’è clamato!».

«O figlio, figlio, figlio,
figlio, amoroso giglio!
Figlio, chi dà consiglio
al cor me’ angustïato?

Figlio occhi iocundi,
figlio, co’ non respundi?
Figlio, perché t’ascundi
al petto o’ sì lattato?».

«Madonna, ecco la croce,
che la gente l’aduce,
ove la vera luce
déi essere levato».

«O croce, e que farai?
El figlio meo torrai?
E que ci aponerai,
che no n’à en sé peccato?».

«Soccurri, plena de doglia,
cà ’l tuo figliol se spoglia;
la gente par che voglia
che sia martirizzato».

«Se i tollit’el vestire,
lassatelme vedere,
com’en crudel firire
tutto l’ò ensanguenato».

«Donna, la man li è presa,
ennella croc’è stesa;
con un bollon l’ò fesa,
tanto lo ’n cci ò ficcato.

L’altra mano se prende,
ennella croce se stende
e lo dolor s’accende,
ch’è plu multiplicato.

Donna, li pè se prènno
e clavellanse al lenno;
onne iontur’ aprenno,
tutto l’ò sdenodato».

«Et eo comenzo el corrotto;
figlio, lo meo deporto,
figlio, chi me tt’à morto,
figlio meo dilicato?

Meglio aviriano fatto
ch’el cor m’avesser tratto,
ch’ennella croce è tratto,
stace descilïato!».

«O mamma, o’ n’èi venuta?
Mortal me dà’ feruta,
cà ’l tuo plagner me stuta
ché ’l veio sì afferato».

«Figlio, ch’eo m’aio anvito,
figlio, pat’e mmarito!
Figlio, chi tt’à firito?
Figlio, chi tt’à spogliato?».

«Mamma, perché te lagni?
Voglio che tu remagni,
che serve mei compagni,
ch’êl mondo aio aquistato».

«Figlio, questo non dire!
Voglio teco morire,
non me voglio partire
fin che mo ’n m’esc’el fiato.

C’una aiàn sepultura,
figlio de mamma scura,
trovarse en afrantura
mat’e figlio affocato!».

«Mamma col core afflitto,
entro ’n le man’ te metto
de Ioanni, meo eletto;
sia to figlio appellato.

Ioanni, èsto mea mate:
tollila en caritate,
àginne pietate,
cà ’l core sì à furato».

«Figlio, l’alma t’è ’scita,
figlio de la smarrita,
figlio de la sparita,
figlio attossecato!

Figlio bianco e vermiglio,
figlio senza simiglio,
figlio e a ccui m’apiglio?
Figlio, pur m’ài lassato!

Figlio bianco e biondo,
figlio volto iocondo,
figlio, perché t’à el mondo,
figlio, cusì sprezzato?

Figlio dolc’e piacente,
figlio de la dolente,
figlio àte la gente
mala mente trattato.

Ioanni, figlio novello,
morto s’è ’l tuo fratello.
Ora sento ’l coltello
che fo profitizzato.

Che moga figlio e mate
d’una morte afferrate,
trovarse abraccecate
mat’e figlio impiccato!».

JACOPONE DA TODI

Published in: on aprile 18, 2014 at 07:06  Comments (4)  

O iubelo de core

O iubelo de core,
che fai cantar d’amore!
Quanno iubel se scalda,
sì fa l’omo cantare;
e la lengua barbaglia,
non sa que se parlare;
drento no ‘l pò celare
(tant’è granne!) el dolzore.
Quanno iubel c’è aceso,
sì fa l’omo clamare;
lo cor d’amor è apreso,
che no ‘l pò comportare;
stridenno el fa gridare
e non virgogna allore.
Quanno iubelo à preso
lo core ennamorato,
la gente l’à ‘n deriso,
pensanno el so parlato,
parlanno esmesurato
de que sente calore.
O iubel, dolce gaudio,
ch’è’ drento ne la mente!
Lo cor deventa savio,
celar so convenente;
non pò esser soffrente
che non faccia clamore.
Chi non à custumanza
te reputa empazzito,
vedenno esvalianza
com’om ch’è desvanito.
Drent’à lo cor firito,
non se sente de fore.

JACOPONE DA TODI

Published in: on marzo 5, 2014 at 07:18  Comments (2)  

Troppo perde el tempo

Troppo perde el tempo chi non t’ama,
dolce amor Iesù, sopra ogni amore.
Amore, chi t’ama non sta ozioso,
tanto li par dolce de te gustare,
ma tutta ora vive desideroso,
como te possa stretto più amare;
ché tanto sta per te lo cor gioioso,
chi nol sentisse, nol porrìa parlare
quanto è dolce a gustare lo tuo sapore.
Sapor che non si trova simiglianza,
oh lasso, ché ‘l mio cor poco t’assagia!
Nulla altra cosa a me è consolanza,
se tutto el mondo avesse e te non aggia;
o dolce amor Iesù, in cui ho speranza,
tu regge lo mio cor che da te non caggia,
ma sempre più strenga lo tuo amore.
Amor che tolli forza ed onne amaro,
ed onne cosa muti in tua dolcezza,
e questo sanno i santi che ‘l provãro,
che fecero dolce morte in amarezza;
ma confortolli il dolce lattuaro
de te, Iesù, che vensero onne asprezza,
tanto fusti suave nei lor core!
Cor che te non sente, ben pò esser tristo;
Iesù, letizia e gaudio de la gente,
solazzo non puote esser senza Cristo;
tapino, ch’io non t’amo sì fervente!
Chi far potesse ogni altro acquisto
e te non aggia, de tutto è perdente,
e senza te sarebbe in amarore.
Amaro nullo core puote stare
cui de tua dolcezza ha condimento;
tuo sapore, Iesù, non può gustare
chi lassa te per altro entendimento,
non sa né può el cor terreno amare;
sì grande è el cilestial delicamento,
che non vede te, Cristo, in tuo splendore.
Splendor che dona a tutto ‘l mondo luce,
amor, Iesù, de li angeli belleza,
cielo e terra per te si conduce
e splende in tutte cose tua fatteza,
ed ogni creatura a te s’aduce,
ma solo el peccator tuo amor despreza
e partese da te, suo creatore.
Creatura umana sconoscente
sopra qualunche altra creatura,
como te puoi partir sì per niente
dal tuo Fattor de cui tu sei fattura?
Elli te chiama sì amorosamente,
che torni a·llui, ma tu li stai pur dura,
e non hai cura del tuo Salvatore.
Salvator, che de la Vergen nascesti,
del tuo amor darme non ti sia sdegno;
ché gran segno d’amor allora ce desti
quando per noi pendesti su in quel legno,
e nelle tue sante mano ce scrivisti
per noi salvare e darce lo tuo regno;
legge la tua scrittura buon scrittore.
Scritti sul santo legno de la vita
per tua pietà, Iesù, ci representa;
la tua scrittura già non sia fallita,
el nome che portam de te non menta;
la mente nostra sta di te condita,
dolcissimo Iesù, fa che te senta
e strettamente t’ami con ardore.
Ardore che consumi ogni freddura,
e sì purghi ed allumini la mente,
onne altra cosa fai parere oscura,
la quale non vede te presente,
chè omai altro amor non cura
per non cessar l’amor da te niente,
e non ratepidar lo tuo calore.
Calor che fai l’anima languire,
ed el core struggi de te infiammato,
che non è lengua che ‘l potesse dire,
né cuor pensare, se non l’ha provato;
oimè, lasso, fammete sentire,
deh! scalda lo mio cor de te gelato!
Che non consumi in tanto freddore!
Freddi peccatori, el gran fuoco
nello inferno v’è apparecchiato,
se in questo breve tempo, che è sì poco,
d’amor lo vostro cor non è scaldato;
però ciascun se studie in onne luoco
dell’amor di Cristo esser abrasciato
e confortato dal suave odore.
Odor che trapassi ogni aulimento,
chi ben non t’ama, bene fa gran torto;
che non sente lo tuo odoramento,
o elli è puzzolente o elli è morto;
o fiume vivo de delettamento,
che lavi ogni fetore e dai conforto
e fai tornare lo morto in suo vigore!
Vigoros’amante, li amorosi
en cielo hanno tanta tua dolcezza,
gustando quelli morselli soporosi
che dà Cristo ad quelli c’hanno sua contezza,
che tanto sono suavi e delettosi;
chi ben li assaggia, tutto el mondo sprezza
e quasi in terra perde suo sentore.
Sentìtivi, o pigri e negligenti,
bastevi el tempo ch’avete perduto!
Oh quanto simo stati sconoscenti
al più cortese che si sia veduto!
El qual promette celestial presenti,
e mai nullo non ne vien falluto;
chi l’ama, sì li sta buon servidore.
Servire a te, Iesù mio amoroso;
più sei suave d’ogni altro diletto;
non può sapere chi sta de te ozioso
quanto sei dolce ad amar con affetto;
giamai el cor non trova altro reposo
se non in te, Iesù, amor perfetto,
che de tuoi servi sei consolatore.
Consolar l’anima mia non può terrena cosa,
però ch’ella è fatta a tua sembianza;
che più de tutto el mondo è preziosa
e nobile e sopr’onne altra sustanza;
solo tu, Cristo, li puoi dar puosa
e puoi empire de tutta sua bastanza,
però che tu sei solo suo maggiore.
Maggiore inganno non mi par che sia
che volere quello che non se trova,
e pare sopra onne altra gran follia
de quel che non può esser farne prova;
cusì fa l’anima che è fuor de la via,
che vuol che ‘l mondo li empia legge nova,
e non può essere, ché ‘l mondo è minore.
Menorar sì vuole lo cor villano
che del mondo chiamasi contento,
che te vuole, Iesù, amor soprano,
per terrene cose cambiare intendimento;
ma se el suo palato avesse sano,
che assagiasse lo tuo delettamento
sopra ogni altro li parrìa el migliore.
Migliore cosa di te, amore Iesù,
nissuna mente può desiderare;
però deverebbe el cor teco là su
con la mente sempre conversare,
ed onne creatura de qua giù
per tuo amore niente reputare,
e te solo pensare, dolcissimo Signore.
Signor, chi ti vol dare la mente pura,
non te déi dare altra compagnia;
ché spesse volte, per la troppa cura,
da te la mente si svaga ed esvia;
dolce cosa è amar la creatura,
ma ‘l Creatore più dolce che mai sia,
però che è da temere onne altro amore.
Amore e gilosia porta la mente
che ama Iesù che non li dispiaccia,
e partesi al tutto da onne altra gente,
e te, dolce Iesù, suo cuore abraccia:
onne altra creatura ha per niente
enverso la bellezza de tua faccia,
tu che de onne bellezza se’ fattore.
De te solo, Iesù, me fa pensare
ed onne altro pensier dal cor mi caccia,
ch’en tutto el mondo non posso trovare
creatura chi a me satisfaccia;
o dolce Creatore, fammite amare
e dammi grazia che ‘l tuo amor mi piaccia,
tu che d’onne grazia sie datore.
Damme tanto amor di te che basti
ad amarte quanto so tenuto,
del grande prezzo che per me pagasti,
sia per me da te reconosciuto;
o Iesù dolce, molto me obligasti
a più amarte, ch’io non ho potuto
né posso senza te conforto avere.
Conforta el mio cor che per te languesce,
che senza te non vole altro conforto;
se ‘l lassi più degiuno, deliquesce,
ché ‘l cor che tu non pasci vive morto;
se ‘l tuo amore assaggia, revivesce;
or n’aiuta, Cristo, in questo porto,
tu che sei sopra ogni altro aiutatore.
Aiutami, amor, ch’io non perisca,
amor dolce per amor t’adomando;
pregoti che ‘l tuo amor non mi fallisca,
recevi i gran sospiri ch’io te mando;
ma se tu voli ch’io per te languisca,
piaceme, ch’io vo’ morire amando
per lo tuo amore, dolce Redentore.
O Redentore, questo è ‘l mio volere:
d’amarte e de servir quanto io potesse;
o dolce Cristo deggiati piacere
che ‘l mio core del tuo amor si empiesse,
quella ora, buon Iesù, mi fa vedere
ch’io te solo nel mio core tenesse
e tu me fussi cibo e pascitore.
Pascime de pane celestiale,
e famme ogni altra cosa infastidire;
cibo de vita sempre eternale,
chi ben t’ama, mai non può perire;
famme questo gran dono speziale
che te, dolce amor, possa sentire
per pietate largo donatore.
Doname de te, dolcissimo, assaggiare;
per te sopr’onne cibo delicato
voglio de tutto degiunare;
chi ben t’assagia la lengua e ‘l palato
tutto latte e mele li fai stillare,
e d’onne altro amore el fai levato
e renovar la mente en tuo fervore.
Fervente amor di te li dà’, Iesù,
chi canta el detto di sì grande alteza,
mentre che vive en terra de qua giù,
tu reggi la sua vita en gran netteza,
e poi gli dà’ el solazzo de là su,
che prenda gioia de la tua conteza
e sempre regni teco, vero amore.

JACOPONE DA TODI

Published in: on luglio 3, 2013 at 06:58  Comments (1)