Fusione

Avvicina il viso al petto mio,
forte ti stringerò, ti abbraccerò
per sentirti affondare in me

Perché io possa amarti
                 mi costruirò serpente
                 ad annodarti il corpo

Sarò come sicuro porto
dove potrai farti riparo
per dar sfogo al tuo ardore

                Mi sarà morbido attracco
                quella curva declinante
                che nasce dal tuo addome

Traccia la linea dei miei fianchi
sotto la volta delle natiche,
là dove il piacere ha il fuoco

                 Si tramuterà in fusione
                 il ticchettio del tempo
                 sui nostri corpi accesi

Patrizia Mezzogori e Renato Fedi

Published in: on dicembre 16, 2014 at 07:18  Comments (12)