Poveri

Mia madre è nata povera e senza scarpe,
so che ti aspettavi un uomo meno compromesso
un uomo giusto
un uomo con il sorriso da uomo.

E adesso intrecci le dita dei rami nella speranza
che la tua barca non sia fatta
di mezze ali.

Quando ti baciai la coscia, o forse
quando la tua coscia baciò le mie labbra
non era perché i ricchi sanno infilarsi nei letti dei poveri.
La tua miseria aveva il sapore delle strade di notte,
le strade dove ho mendicato i tuoi occhi
per un vestito di cera da abbandonare nel sole
e se ti dicessi che ti amo
è soltanto per affrontare la rissa dei bicchieri in amore…
due pezzenti in amore, due anarchici in calore,
e quello che ci resta non è qualcosa di nuovo,
come morire poveri,
                                               poveri e con le scarpe.

Massimo Pastore

Published in: on aprile 12, 2017 at 07:29  Comments (3)  

Cara questa sera per la prima volta mi chiedi se ti amo…

Cara questa sera per la prima volta mi chiedi se ti amo…

Era solo una canzone ma avrei potuto cantarla con 70 lingue.

Dove si chiudono i tuoi occhi
                                               ho scritto tre sillabe…
mio padre ha sempre pensato che sono un pirata
quando accendo il tuo volto con la cenere azzurra
quando ti conto i capelli come un moro alle funi,
mia madre si chiama morgana,
                                                 non si è fatta schiava
                                                          perché doveva fare la puttana…

ma questo amore non ha testa
come le lucertole non hanno coda,
e se ci saranno guardarobieri a parlare di noi
lasceremo i nostri abiti sul pavimento
perché siamo in guerra
i nostri 31 anni che fanno fuoco tra le lenzuola…

cara questa sera per la prima volta mi chiedi se ti amo…

uno sguardo da bambina,
ah! Avessi avuto più capelli, forse ti avrei sepolto,
credo che avrei potuto anche essere un soldato
se oggi impasto la calce…
cosa faceva la tua immagine tra i pittori dell’autunno,
davi un colore alla foglia?
Cara questa sera per la prima volta mi chiedi se ti amo,
ma il tuo cuore è troppo rosso…
siediti vicino, porterò tre sillabe per abbellire i tuoi occhi…

Massimo Pastore

Published in: on aprile 3, 2017 at 07:35  Comments (3)  

Nella mia vita segreta

forgive

Ti farò posto tra le mie gambe
il giorno che mi sarò arreso,
niente di rosso sotto il pelo della bestia
solo un maestro di solitudine
a picchiare sul ventre…

cosa ne pensi di un amore finito in lavatrice?
Le lenzuola non hanno più lo stesso profumo,
ora il sudore si mischia ad una nuova lingua
che ti circonda i capezzoli
e credo che tu muggisca muovendoti come il mare
sulla tua nuova pietra di carne…

ti spezzai il cuore perché credevo di poter trovare la parola
che mi portasse alla casa degli spiriti,
ma non si gioca con le mani di una donna
così fuori dal museo
lasciasti scritto con il tuo rossetto
-divieto di accarezzarti il capo-
e come biasimarti
dal momento che ho provato ad ucciderti
con un boccale di birra,
ma ci siamo amati e non puoi fare a meno di telefonarmi
per chiedermi dove sono finiti i tuoi figli
anche se i tuoi figli, e questo lo sai,
sono annegati nell’acqua del cesso
e tu sei più bella ancora
di quando mi guardavi con gli occhi
delle quattro stagioni…

ti farò posto tra le mie gambe,
morirò per non essermi arreso
li dove un maestro di solitudine
non troverà più ventre da picchiare…
più cuore da inquinare…
più mani da inchiodare…
ti farò posto tra le mie gambe,
stiamo ancora facendo l’amore
nella mia vita segreta…

Massimo Pastore

Published in: on marzo 3, 2017 at 06:58  Comments (2)  

La mia geografia

Taciturno
         Sterco
              Di luna…
Obbedire regredire morire.
               Dove?
dove si contano le doti…
dove arrossiscono le gote…
dove il boia è soltanto il riflesso dentro lo specchio
del profilo migliore… il sinistro credo…

E nessuno che domandi del tuo progetto:
– un giorno mi fermerò a cercare tutti i baci del mondo,
in una piazza, sui tram, nelle discariche…-

Ecco siamo giunti nel paese dove ebbe origine il padre di mio padre,
la mappa dei miei desideri è scritta sulle braccia
ed ancora inseguo la mia geografia
raccogliendo i capelli di una donna in un continente
misterioso,
un giorno intreccerò la sottile linea che separa la luna
dal mio baricentro,
e ti dirò che ti amo, probabilmente,
ma tu non farci caso,
questa è la mia geografia, soltanto la mia geografia.

Massimo Pastore

Published in: on febbraio 19, 2017 at 07:48  Comments (1)  

La tua familiarità con le finestre

Va, e nasconditi e vergognati di essere irrilevante, solo come un osso negli
obitori ti lasci guardare da occhi senza velo, occhi di vernice senza palpebre,
occhi di avorio senza ricchezza per la bigiotteria, occhi chirurgici.
Consuma il tuo ultimo brindisi alla menzogna con le labbra asciutte
va, e nasconditi e vergognati di essere irrilevante come la mossa
che la mano compie allontanando la formica da un libro di poco conto…

in qualche luogo, dietro ai nomi
degli alberi
le mie lettere cadono come foglie
ma non sono secche
rimangono verdi…
qualcuno mi ha raccolto sulla strada.

Il servizio sociale funziona come gli ingranaggi di un orologio,
il grande maestro mantiene sempre due pile di scorta nel taschino
e cosa conta se qualcuno ha una sola manica lacera e consunta
mentre l’esattore o l’assassino si versano da bere
dichiarando guerra all’unghia della mia mano che ti ha fermato
in una notte di Aprile quando volevi dimostrare al mondo
tutta la tua familiarità con le finestre…

in qualche luogo, dietro alle zampe
delle cicale
la mia voce tramonta e come il mare
ne puoi vedere la fine.

Adesso, forse, dovrei tenerti la mano,
ma dove sono finite le tue dita,
qualcuno saprà indicarmi dove hanno sepolto il tuo amore?
Scaviamo nella terra buia,
tu con i tuoi singhiozzi da cervo…
io con la mia mano di pietra.
E non siamo che una buffa commedia
recensita da vecchie puttane
decise a farci pagare il conto
con la sottigliezza delle conchiglie
sotto i piedi del gigante…
e quanta paura ancora per quella tua strana familiarità con le finestre…

Massimo Pastore

Published in: on dicembre 14, 2016 at 07:16  Lascia un commento  

Scrivi un verso di nulla con le corde dei piedi

Se ti dicono che sei arrugginito dal gomito
alle dita
rispondigli che è colpa del sole,
per gli anni che ti ha puntato al mento
con la premura dell’estate…

nel dire delle dita
una parola bianca muore,
ti offriranno fiori gialli. Rifiutali!
Sotterra gli amanti con la cura di un domestico
– diranno di aver capito anche questa frase-
servi la tua curiosità per le bocche a venire
e ricordati della tua casa,
dei gatti, i clown e gli spacciatori….

Se ti dicono che sei arrugginito dal gomito
alle dita
scrivi un verso di nulla con le corde dei piedi…

Massimo Pastore

Published in: on dicembre 4, 2016 at 07:14  Comments (1)  

Sei l’incanto

Sei l’incanto
Di un attimo in cui le rose
Sembrano svelarci
Il loro ultimo segreto

Massimo Pastore

Published in: on novembre 24, 2016 at 06:50  Comments (6)  

Pulsione verticale

Ripetuti e assenti -io sto bene-
passi d’altri che ripercorro,
gioia che inchioda
alla sfumatura del nero,
colpo d’occhio rotondo
che riannoda funi alle mani
non esattamente di cristallo
meglio dire mani di acciaio
o mani mani mani
che stringono mani…
è vanificato -spero- il limite
delle mie pulsioni scure,
si avvicina l’estate, l’erba gialla
ed il canto sciamano del grillo…
fa caldo, mi assale
il desiderio di stenderti sull’erba
pulsione verticale,
amore astrale…

dicono che la perfezione di un bacio
stia nella grazia dell’umido
ultimo istante di lingua…

Massimo Pastore

Published in: on novembre 14, 2016 at 07:25  Comments (2)  

Vertigine che capovolge

Si alzano sotto cieli ciechi
gli occhi del viandante,
cado di vertigine mentre attraverso
la tua volontà…
sono fuggiti gli spiriti degli appesi
venuti a reclamare l’ultimo fiato
sugli stracci degli dei,
siamo nella moltitudine
nella cavità,
siamo sullo stesso tono di grigio
dove finalmente danzano le vacche
e vegliano i pastori
lo stesso identico tono di grigio
anche se non distinguo più i colori
mentre danzano i briganti
e vegliano le guardie…

Massimo Pastore

Published in: on novembre 2, 2016 at 07:16  Comments (4)  

La facoltà delle immagini

Occorre essere attenti
ai meccanismi dell’ingegno…

-Salvificare
                  Parafrasare
                                    Sprofondare-

I vecchi hanno mani di carta,
i palmi sono lettere di guerra
e mio padre è stato un mistico…

conosco la lingua dei serpenti,
conosco la lingua dei serpenti,
da oggi parlerò per simboli
o geometriche figure…visioni liquefatte…

sono pronto a non chiarire,
occhi d’uccello
appare la bellezza
con fretta da gigante…

sono pronto all’imbrunire
sono pronto a non chiarire
chiarire chiarire…

chiedimi di dire ciò che dovrei dire
con baci d’avanguardia
sorrisi lamellati
oggetti mai svelati…

la facoltà delle anime
e la facoltà delle immagini
mi appaiono nitide nitide nitide
osservo con l’unghia
la terra il seme che la parola
contiene…

chiedo ai tuoi occhi
la fiamma ed il furore
la primitività dei corpi
abbandonati al sole…

la facoltà delle anime
e la facoltà delle immagini
mi appaiono nitide nitide nitide
e non occorre più essere attenti
ai meccanismi dell’ingegno…
in baci d’avanguardia…

occhi d’uccello
ecco dove seguire la bellezza,
ti parlerò per simboli
con mani da gigante…

Massimo Pastore

Published in: on ottobre 22, 2016 at 07:20  Comments (4)